pagine da (e su) “il paziente crede di essere”

Chi desidera acquistare Il paziente crede di essere mi scriva. (Sembra ch’io abbia alcune copie, cieli clementi).

Il paziente crede di essere (un’aquila in volo, un aerostato, un inseguito, una linea in terra, un testimone di eventi raccapriccianti, un treno giocattolo, un’operazione di salvataggio), il paziente si svuota, si scompone, si ricompone, si sveste, colleziona orologi guasti, a sua volta si guasta, si assembla, si disperde.

Giocando con le potenzialità del reale e dell’irreale, queste fiabe crudeli, allucinatorie, si propongono di forzare i nessi logici, manipolare gli oggetti e lo spazio, scardinare sequenzialità e quotidianità per dare origine a un disordine controllato e creare situazioni, luoghi e personaggi devianti.

Copertina di Fatomale (Jacopo Oliveri).

Prezzo di copertina: 14 euro.

ANTEPRIME:

3 racconti online su Nazione Indiana

2 racconti su Carteggi letterari

3 racconti su Portbou

5 +1 racconti su Le parole e le cose

RASSEGNA STAMPA

21.02.2016 – Intervista all’autore su Radio3 Suite

29.03.2016 – Presentazione di Guido Mazzoni

11.04.2016 – Recensione di Renato Barilli

27.04.2016 – Recensione su Switch on Future

13.05.2016 – Recensione su Metropolis Zero (con audio delle letture)

16.05.2016 – Recensione su Carteggi Letterari 

27.05.2016 – Recensione di Fabrizio Miliucci su Nazione Indiana

13.06.2016 – Intervista all’autore su Satisfiction

23.06.2016 – Recensione su Alfabeta2

29.06.2016 – Recensione su Satisfiction

24.07.2016 – Recensione di Rosa Pierno

26.10.2016 – Recensione su LaFeltrinelli.it

27.12.2016 – Recensione su Pixarthinking

27.02.2017 – Recensione su formavera (una versione leggermente diversa di questa recensione di Marco Villa era uscita qualche mese prima su Mosaici – Learned Online Journal of Italian Poetry)

10.05.2017 – Recensione di Lidia Riviello

30.05.2017 – Recensione su L’ospite ingrato (Rivista del Centro di Ricerca Franco Fortini di Siena)

Maggio 2017 – Recensione sul n. 5-6 della rivista Articolo 33

13.09.2017 – Su Slowforward: breve dialogo con Jacopo Ramonda

una brutta notizia per il gorilla

Avevamo messo in conto, anche con una certa strafottenza, di non farcela. Abbiamo scelto il nome di un animale in via di estinzione, dichiarando di non temerla, che in caso l’avremmo accettata, ci sarebbe andata bene così. Abbiamo perseguito quello che io ho definito più volte un approccio kamikaze all’editoria. Abbiamo fatto quello che volevamo, ma soprattutto non abbiamo fatto un cazzo che non volevamo. Non abbiamo mai guardato niente che non fossero i testi.

Cosa non abbiamo messo in conto. Che non è stato solo un gioco o un esperimento. Molte delle persone che stimiamo e amiamo le abbiamo conosciute tramite, dentro e intorno alla Gorilla. È stata la nostra casa, la nostra faccia, la nostra voce, la nostra identità.

Gorilla Sapiens chiude. Cessa l’attività. Si estingue. La fa finita. Se la dà a gambe. Si ritira a vita privata. Viene meno. Viene a mancare. Si fa da parte. Chiude i battenti. Chiude baracca. Alza le chiappe. Abbandona il campo. Depone le armi. Ripiega. Giveuppa. Si allontana all’orizzonte. Liquida tutto. Si arena. Tira i remi in barca. Affonda con la nave. Cola a picco. Le case editrici incustodite verranno fatte brillare. Non è più visibile a occhio nudo. Fa spazio al nuovo che avanza. Ubi major, gorilla cessat. Ai mondiali di finanza in apnea si è classificata ultima. Gli studi di settore la danno non pervenuta. Secondo il commercialista è una “saggia decisione”. Si disattiva. Giunge a termine. Ha gettato il cuore oltre l’ostacolo. Pessima mira. Ha fatto i salti mortali, e in effetti è morta. Ha consumato i suoi giorni. Svuota i fusti. Interrompe il discorso. Chiude il becco. Scrive la parola fine. È carta passata. Il network non ha rinnovato la serie. L’utente chiamato non è al momento disponibile. È finita fuori corso. Ora è fatta della stessa sostanza dei sogni. Volta pagina. Assume un nuovo significato. Continua…
.
.
.
(Un enorme grazie a tutti coloro che ci hanno accompagnato e supportato fin qui. A partire da domani cercheremo con tutte le nostre forze di svuotare il magazzino, perché l’idea di mandare le copie al macero è dura da mandar giù. Per questo per i prossimi due mesi circa ci sarà la svendita dei libri, a breve vi daremo tutte le informazioni. Le librerie che lo desiderano, possono contattarci per acquistare copie a prezzi da remainders. Ci saranno probabilmente degli eventi e dei mercatini, vi terremo aggiornati. Restate con noi ancora un po’.)

oggi, 18 maggio, a roma, università la sapienza, aula vi di lettere: marco giovenale e paolo zublena [per i seminari di poesia di “polisemie”]

​​
A Roma, OGGI, sabato 18 maggio, dalle ore 10:30 alle 12:30
presso l’Università La Sapienza (piazzale Aldo Moro 5)
Facoltà di Lettere e Filosofia, aula VI​​

nel contesto dei “seminari di poesia iper-contemporanea”
organizzati da Polisemie (https://polisemie.it)

Marco Giovenale e Paolo Zublena

– colloquio, annotazioni critiche, letture –

https://www.facebook.com/events/458585538233996/

Paolo Zublena _ https://unige-it1.academia.edu/PaoloZublena

Marco Giovenale _ https://slowforward.net/bio/

§

[ appuntamento successivo: festival di poesia Polisemie, stesso luogo, 24 maggio (l’intera giornata): https://www.facebook.com/events/353554375282933/ ]

_

18 maggio, roma, università la sapienza, aula vi di lettere: marco giovenale e paolo zublena [per i seminari di poesia di “polisemie”]

​​
A Roma, il 18 maggio, dalle ore 10:30 alle 12:30
presso l’Università La Sapienza (piazzale Aldo Moro 5)
Facoltà di Lettere e Filosofia, aula VI​​

nel contesto dei “seminari di poesia iper-contemporanea”
organizzati da Polisemie (https://polisemie.it)

Marco Giovenale e Paolo Zublena

– colloquio, annotazioni critiche, letture –

https://www.facebook.com/events/458585538233996/

Paolo Zublena _ https://unige-it1.academia.edu/PaoloZublena

Marco Giovenale _ https://slowforward.net/bio/

   

§

[ appuntamento successivo: festival di poesia Polisemie, stesso luogo, 24 maggio (l’intera giornata): https://www.facebook.com/events/353554375282933/ ]

_

gargantua e pantagruele alla libreria stendhal (roma): lunedì 12 novembre


Gorilla Sapiens Edizioni, in collaborazione con Libreria Stendhal – Librairie francaise de Rome, è lieta di presentare la nuova edizione di
Gargantua e Pantagruele
di François Rabelais
nella prestigiosa traduzione di Augusto Frassineti
e

in 5 volumi illustrati da Manfredi Ciminale, Irene Rinaldi, Francesco Poroli, Martoz, Elisa Macellari.

Vi aspettiamo lunedì 12 novembre, alle ore 19, alla Libreria Stendhal (Piazza San Luigi dei Francesi 23, Roma)
Letture di Carlo Sperduti

sul n. 56 (2017/1) di “semicerchio”, giovanni solinas recensisce “il paziente crede di essere”

http://semicerchio.bytenet.it/numero.asp?n=935

(grazie a Giovanni Solinas e alla sua attenta lettura del libro

oggi, 17 novembre, a firenze: performance “il paziente crede di essere” + now!

A Firenze, presso il Sit’n’breakfast (via San Gallo 21 R)
OGGI17 novembre 2017, alle ore 18:00

Reading/performance
https://www.facebook.com/events/141778529795446/

copertina_paziente now

Marco Giovenale, IL PAZIENTE CREDE DI ESSERE
(Gorilla Sapiens, 2016)

e

NOW!
[ Marco Cencetti (tromba) + Roberto Cagnoli (live electronics) ]

 

https://now99.bandcamp.com/

https://www.facebook.com/nowjazz/

https://www.facebook.com/pg/SitAndBreakfast/about/

a firenze, il 17 novembre: performance “il paziente crede di essere” + now!

A Firenze, presso il Sit’n’breakfast (via San Gallo 21 R)
il 17 novembre 2017, alle ore 18:00

Reading/performance
https://www.facebook.com/events/141778529795446/

copertina_paziente now

Marco Giovenale, IL PAZIENTE CREDE DI ESSERE
(Gorilla Sapiens, 2016)

e

NOW!
[ Marco Cencetti (tromba) + Roberto Cagnoli (live electronics) ]

 

https://now99.bandcamp.com/

https://www.facebook.com/nowjazz/

https://www.facebook.com/pg/SitAndBreakfast/about/

giovedì 3 agosto, teverestate: reading di zabaglio, predosin, giovenale

Giovedì prossimo, 3 agosto, ore 19:00, tre autori delle Edizioni Gorilla Sapiens, Marco GiovenaleDavide Predosin e Angelo Zabaglio (aka Andrea Coffami) leggeranno i loro racconti a #TeverEstate, Lungotevere Castello, presso lo stand di iPiad Roma.

*

https://www.facebook.com/events/2040647052872940/

*

Evento organizzato in collaborazione con baratto libero e Librinfestival Mestierelibro.

*
Tutte le info qui: https://www.facebook.com/events/2040647052872940/

carlo sperduti legge una pagina da “il paziente crede di essere”

microvideo con (e macrograzie a) Carlo Sperduti:

più altre due occasioni di lettura, al Salone Off (sempre grazie a Carlo!):

https://www.facebook.com/events/1311413838940803/permalink/1334414999974020/

https://www.facebook.com/events/1311413838940803/permalink/1332952973453556/