Archivi tag: Donzelli

annabella gioia: “l’università delle donne” (donzelli, 2021)

Annabella Gioia
L’università delle donne.
Esperienze di femminismo a Roma (1979-1996)
Collana Saggine, n. 359
pp. XXVIII-140, con un ottavino in b/n fuori testo

«Quella dell’Università delle donne è una storia ancora poco raccontata, capace di restituirci la creatività e l’intelligenza di tante donne d’idee. Un progetto ambizioso, nato dal desiderio di esplorare la cultura alla ricerca di un sapere ricostruito dalla genialità e dall’originalità dello sguardo femminile».

Alla fine degli anni Settanta, dopo un periodo intenso di lotte e di elaborazioni teoriche, sembrava perdere vigore la sfida politica del femminismo, e di difficile realizzazione l’equilibrio tra trasformare se stesse e modificare la realtà esterna. Si delinearono così risposte diverse: da un lato l’approfondimento della ricerca teorica sulla «differenza sessuale», dall’altro l’impegno nella cultura, nel ripensamento dei saperi, mantenendo sempre al centro la pratica femminista. Si moltiplicarono allora le «istituzioni» di donne: centri di documentazione e di studio, librerie, riviste, università delle donne, women’s studies. Nella nuova «geografia» del femminismo italiano che si stava delineando, una delle esperienze più interessanti fu quella del Centro culturale Virginia Woolf di Roma, che non proponeva una critica radicale alla cultura ma intendeva «ripensarla» attraverso lo sguardo femminista e cambiare segno alla produzione intellettuale. Annabella Gioia in questo libro ripercorre le vicende di quella stagione, sottolineandone gli aspetti più innovativi, ma anche le problematiche. Il Virginia Woolf divenne un luogo fervido di studi e ricerche, nonché di incontri e dibattiti che attirarono da tutto il mondo le personalità di punta del femminismo di quegli anni: da Luce Irigaray a Christa Wolf. È qui che prese forma quella che sembrava un’utopia: da un’idea di Michi Staderini, nacque l’Università delle donne, fondata da dieci femministe determinate a offrire a tutte le donne la possibilità di dare campo libero ai propri interessi conoscitivi e trovare forza e riconoscimento reciproco. Uno spazio fisico in cui vivere insieme, discutere e «riattraversare» quella cultura che le aveva escluse, partendo dalla consapevolezza che all’origine di quella esclusione c’era una divisione dei linguaggi e delle discipline da superare: da qui l’ambizione di ricostruire un sapere complessivo senza escluderne l’esperienza, da qui il sogno di praticare una «mescolanza» di saperi. L’Università come luogo di donne e di libri, ma prima di tutto un luogo di esperienza. Fu una storia lunga diciassette anni, intensa, ricca di elaborazioni e di iniziative originali. Una storia unica che, proprio perché profondamente eterogenea e alimentata dal confronto, fu percorsa da contrasti e dissidi ma si offre anche come un’eredità vitale e feconda per le generazioni future.

Annabella Gioia, già docente di storia e filosofia nei licei, è stata dal 1996 al 2006 direttore scientifico dell’Istituto romano per la storia della Resistenza (Irsifar), del cui Direttivo continua a far parte. Le sue ricerche, che hanno riguardato in particolare l’insegnamento della contemporaneità, la storia delle donne e il rapporto tra storia e memoria, hanno portato a diversi saggi, fra cui il volume Donne senza qualità. Immagini femminili nell’Archivio storico dell’Istituto Luce (Franco Angeli, 2010).

il centro di poesia e scritture contemporanee

Centro Poesia Cover_2020

Il Centro di Poesia e Scritture Contemporanee nasce a partire dall’esperienza del corso Verso dove? – Orientarsi nella poesia contemporanea”, tenuto nella prima edizione a febbraio-giugno 2018, riproposto nella programmazione novembre 2018-maggio 2019, e poi novembre 2019-luglio 2020; da un’idea di Valerio Massaroni e Marco Giovenale, docente e coordinatore del corso, con il coinvolgimento di molti autori invitati come studiosi e critici.

L’obiettivo del Centro è quello di valorizzare la ricchezza della poesia e delle scritture contemporanee, con un’attenzione particolare a esperienze e percorsi recentissimi, sperimentali e non.

*

Tra i docenti invitati a tenere lezioni o interventi al corso:
Damiano Abeni, Brunella Antomarini, Cecilia Bello Minciacchi, Emanuele Bevilacqua, Maria Borio, Franco Buffoni, Maria Grazia Calandrone, Benedetta Cascella, Claudia Crocco, Giuseppe D’Acunto, Elisa Donzelli, Giuseppe Garrera, Maria Cristina Giorcelli, Paolo Giovannetti, Marco Giovenale, Andrea Inglese, Federico Italiano, Luigi Magno, Guido Mazzoni, Massimiliano Manganelli, Valerio Massaroni, Camilla Miglio, Rossella Or, Tommaso Ottonieri, Giorgio Patrizi, Andrea Pitozzi, Gilda Policastro, Lidia Riviello, Luigi Severi, Gianluigi Simonetti, Valentina Tanni, Stefano Tedeschi. E i curatori della raccolta di saggi Sistema periodico. Il secolo interminabile delle riviste (Pendragon, 2018): Eleonora Fuochi, Francesco Bortolotto, Davide Antonio Paone e Federica Parodi.

Alcuni autori invitati a leggere:
Damiano Abeni, Antonella Anedda, Cristina Annino, Nanni Balestrini, Carlo Bordini, Stefano Dal Bianco, Biancamaria Frabotta, Giovanna Frene, Federico Italiano, Fabrizio Lombardo, Vittoriano Masciullo, Vincenzo Ostuni, Laura Pugno, Sergio Rotino, Sara Ventroni, Michele Zaffarano. E gli autori del XIV Quaderno di poesia (Marcos y Marcos).

Alcuni editori:
Arcipelago Itaca, Aragno, Donzelli, Empiria, IkonaLíber, Tic.

>>> Il Centro è costantemente attivo in rete, e prevede novità per i prossimi mesi, sia che la situazione d’emergenza legata alla pandemia continui, sia che – sperabilmente – venga ad attenuarsi. Il Corso di poesia e scritture contemporanee riprenderà, ragionevolmente, tra la fine dell’anno e l’inizio del 2021 <<<

Marco Giovenale e Valerio Massaroni

https://www.facebook.com/poesiaescritture/

https://www.facebook.com/groups/gruppo.centro.poesia.scritture

_

 

antonio syxty: lettura di un testo da “shelter”

 

oggi, 18 maggio, a roma, università la sapienza, aula vi di lettere: marco giovenale e paolo zublena [per i seminari di poesia di “polisemie”]

​​
A Roma, OGGI, sabato 18 maggio, dalle ore 10:30 alle 12:30
presso l’Università La Sapienza (piazzale Aldo Moro 5)
Facoltà di Lettere e Filosofia, aula VI​​

nel contesto dei “seminari di poesia iper-contemporanea”
organizzati da Polisemie (https://polisemie.it)

Marco Giovenale e Paolo Zublena

– colloquio, annotazioni critiche, letture –

https://www.facebook.com/events/458585538233996/

Paolo Zublena _ https://unige-it1.academia.edu/PaoloZublena

Marco Giovenale _ https://slowforward.net/bio/

§

[ appuntamento successivo: festival di poesia Polisemie, stesso luogo, 24 maggio (l’intera giornata): https://www.facebook.com/events/353554375282933/ ]

_

18 maggio, roma, università la sapienza, aula vi di lettere: marco giovenale e paolo zublena [per i seminari di poesia di “polisemie”]

​​
A Roma, il 18 maggio, dalle ore 10:30 alle 12:30
presso l’Università La Sapienza (piazzale Aldo Moro 5)
Facoltà di Lettere e Filosofia, aula VI​​

nel contesto dei “seminari di poesia iper-contemporanea”
organizzati da Polisemie (https://polisemie.it)

Marco Giovenale e Paolo Zublena

– colloquio, annotazioni critiche, letture –

https://www.facebook.com/events/458585538233996/

Paolo Zublena _ https://unige-it1.academia.edu/PaoloZublena

Marco Giovenale _ https://slowforward.net/bio/

   

§

[ appuntamento successivo: festival di poesia Polisemie, stesso luogo, 24 maggio (l’intera giornata): https://www.facebook.com/events/353554375282933/ ]

_

la corrispondenza tra virginia woolf e vita sackville-west: presentazione a roma, 7 aprile

https://www.donzelli.it/libro/9788868438838

facebook.com/events/2136003846456332/

_

oggi, 30 marzo, centro di poesia e scritture contemporanee upter: due libri di cristina annino

a Roma, OGGI, sabato 30 marzo 2019, alle ore 17:30
Centro di poesia e scritture contemporanee
(http://www.upter.it/poesia/)
UPTER, Palazzo Englefield, via Quattro Novembre 157
(Sala dell’Arazzo, III piano)

presentazione di due libri di poesia di CRISTINA ANNINO:

ANATOMIE IN FUGA
(Donzelli, 2016)
https://www.donzelli.it/libro/9788868434502

e

LE PERLE DI LOCH NESS
(Arcipelago Itaca, 2019)
http://www.arcipelagoitaca.it/le-perle-di-loch-ness/

Coordinamento e interventi critici di
Marco Giovenale e Valerio Massaroni

L’autrice interverrà personalmente
leggendo alcuni testi

——————————————————-
Ingresso libero
——————————————————-

EVENTO FACEBOOK:
https://www.facebook.com/events/366694260601791/

Maggiori informazioni ai link:
https://slowforward.files.wordpress.com/2019/03/annino_-bibliografia.pdf
https://it.wikipedia.org/wiki/Cristina_Annino
https://www.anninocristina.it/

roma, 30 marzo – 15 aprile : sei incontri sulla poesia, al centro di poesia e scritture contemporanee dell’upter

 

sabato 30 marzo, centro di poesia e scritture contemporanee upter: due libri di cristina annino

Roma, sabato 30 marzo 2019, alle ore 17:30
Centro di poesia e scritture contemporanee
(http://www.upter.it/poesia/)
UPTER, Palazzo Englefield, via Quattro Novembre 157
(Sala dell’Arazzo, III piano)

presentazione di due libri di poesia di CRISTINA ANNINO:

ANATOMIE IN FUGA
(Donzelli, 2016)
https://www.donzelli.it/libro/9788868434502

e

LE PERLE DI LOCH NESS
(Arcipelago Itaca, 2019)
http://www.arcipelagoitaca.it/le-perle-di-loch-ness/

Coordinamento e interventi critici di
Marco Giovenale e Valerio Massaroni

L’autrice interverrà personalmente
leggendo alcuni testi

——————————————————-
Ingresso libero
——————————————————-

EVENTO FACEBOOK:
https://www.facebook.com/events/366694260601791/

Maggiori informazioni ai link:
https://slowforward.files.wordpress.com/2019/03/annino_-bibliografia.pdf
https://it.wikipedia.org/wiki/Cristina_Annino
https://www.anninocristina.it/

4 da “shelter” / mg. 2010

quattro testi da Shelter (Donzelli, 2010):
https://slowforward.files.wordpress.com/2019/02/mg_4_da_shelter.pdf

scheda del libro:
https://www.donzelli.it/libro/9788860365163

presentazione del libro “la pura superficie”, di guido mazzoni: roma, 7 febbraio


Mercoledì 7 febbraio 2018, alle ore 19:00
Libreria Assaggi Letterari
Via degli Etruschi 4, Roma

La pura superficie
di Guido Mazzoni

(Donzelli, 2017)

Con l’autore intervengono
Andrea Cortellessa
Gilda Policastro
Gianluigi Simonetti

sul sito dell’editore:
https://www.donzelli.it/libro/9788868436483

scheda descrittiva:
https://slowforward.files.wordpress.com/2018/02/scheda_lapurasuperficie.pdf

yasujirō ozu, lo splendore del nulla

Lorenzo Esposito

«Io vorrei creare un’inquadratura che, mostrando solo la pioggia dalla finestra, fa immaginare in maniera semplice ma profonda anche la pioggia che cade sul mare o sulle montagne». Chiunque abbia provato a scrivere su Yasujirō Ozu sa di averlo fatto – pena il probabile arresto anche solo dell’intenzione – escludendo la possibilità di interrogarsi sullo scrivere. E non solo per l’appurata inefficienza della parola quando il cinema è il cinema, ma perché è questo il caso unico e di unica trasparenza dove il consueto (e giusto) scrivere d’altro (dell’altro che è il cinema), è già tutto stabilito, compreso e inteso nel cinema da cui proviene. Ancora più arduo poi se il cineasta in questione, che sa anche l’ineffabilità terribile di questo cosiddetto sapere, del cinema conosce pure certa magnifica impotenza e splendore del nulla (a maggior ragione se sotto il suo occhio la verità del mondo sembra drammaticamente venire alla luce una volta per tutte). La cosa ha infine una certa dose di crudeltà (per qualsivoglia estensore) a leggere le due righe olimpicamente paurose che aprono questo intervento: le parole – la parola del e per il suo proprio nulla – le ha già trovare lui.

E allora? Nulla. Esce in Italia (per Donzelli) una raccolta di scritti sul cinema di Ozu (dei sublimi diari, rarefatte annotazioni di fatti puri e semplici, eventi quotidiani di siderale quotidianità che coprono l’arco di una vita intera, invece esiste ancora solo l’edizione francese, Carnets 1933-1963, e gruppi di traduzioni merito di Enrico Ghezzi su un Panta Cinema 1994 e di Ghezzi-Fumarola per l’edizione dvd RaroVideo di alcuni capolavori di Ozu successiva alla mai troppo lodata retrospettiva Tv integrale suFuori Orario nel 2003). Qui, uno scossone teorico dopo l’altro, si apprende che Ozu nel 1931 «non capiva più il cinema», convinto che «fosse una cosa inutile», e che vent’anni dopo la questione era da considerarsi chiusa: «Ora, al contrario, penso che il fascino del cinema stia proprio nella sua evanescenza». Ulteriore pietra tombale (sullo scrivere di nuovo e prima di tutto). Continua a leggere

lettura a terni, oggi, 12 ottobre, nella rassegna bebook (al mishima)

copertina_pazienteManiera_nera__copertina_Shelter_copertina_

BeBook, la rassegna letteraria del Mishima, presenta MARCO GIOVENALE.
OGGI, mercoledì 12 ottobre 2016, alle ore 22
via del Tribunale 9
Terni

https://www.facebook.com/events/1593257097643553/

*

letture da
Il paziente crede di essere (Gorilla Sapiens, 2016)
Maniera nera (Aragno, 2015)
Shelter (Donzelli, 2010)

 

lettura a terni, il 12 ottobre, nella rassegna bebook (al mishima)

copertina_pazienteManiera_nera__copertina_Shelter_copertina_

BeBook, la rassegna letteraria del Mishima, presenta MARCO GIOVENALE
Mercoledì 12 ottobre 2016, alle ore 22
via del Tribunale 9
Terni

https://www.facebook.com/events/1593257097643553/

*

letture da
Il paziente crede di essere (Gorilla Sapiens, 2016)
Maniera nera (Aragno, 2015)
Shelter (Donzelli, 2010)

da (e su) “shelter” (2010): alcuni link

http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/puntata/ContentItem-6dd5722d-034d-4e1c-9668-d709fe2f326d.html

http://www.poesia2punto0.com/2010/08/31/marco-giovenale-shelter-donzelli-2010/

http://afinidadesafectivasitalia.blogspot.it/2010/08/marco-giovenale.html

http://inpoesia.me/2010/10/30/segnalazioni-libri-di-poesia-shelter-di-marco-giovenale/

http://gammm.org/index.php/2010/09/20/4-da-shelter/

https://slowforward.wordpress.com/2014/01/27/dal-2004/

_