Archivi tag: differx

social holes / differx. 2023

pro patria / mg. 2023

Bisogna prima entrare col codice spid in rete, se non è cambiato, e digitare il codice di 6 cifre che arriva sul cellulare, trovare il link giusto prima che la sessione spiri, percorrere l’albero dei link ridichiarando le generalità, il consenso privacy, e che si è coscienti delle conseguenze penali in cui incorre chi mente; poi attraversare i captcha e aprire il modulo o form, html, che va compilato, firmato con una croce grafica, stampato su A4 ecologico, scansionato, ristampato su A4 zozzone, fotocopiato (3 copie, una per me, una per l’ufficio, una a casaccio per sprecare carta), timbrato, rifirmato in esteso sul timbro (firma leggibile), spedito per posta in sacbol con sigillo, come raccomandata con ricevuta di ritorno. La ricevuta va a sua volta scansionata (no foto) e stampata su carta (A5) certificata acid-free e poi conservata secondo le norme europee, che vanno studiate attentamente su un manuale disponibile in rete, in pdf, per rispettare l’ambiente.

a glitched one / differx. 2021

.

poesia lacerante / differx. 2022


_
(CC) 2022 differx


l’audio è stato misteriosamente registrato settimane prima dell’uscita di questo titolo di giornale

installance #0173: affissione illegale

installance n. : # 0173
type : label  
size : ~ cm 6 x 2.5
record : highres shot
additional notes : hanging on a wall
date : Dec. 31st, 2022
time : 8:53pm
place :  Rome, via Cartoni
footnote : ---
copyright : (CC) 2022 differx

“in cosa”: sul ‘cucchiaio nell’orecchio’

grazie come sempre a Gaetano Altopiano per la sua ospitalità

https://www.ilcucchiaionellorecchio.it/2022/12/in-cosa/

_

la poesia del natale della bontà della poesia / differx. 2022

Ispirato dal sito ‘Poesia del nostro tempo’, anche io ho trovato giusto proporre ai lettori di slowforward un temino natalizio, che ho pensato di intitolare

LA POESIA DEL NATALE DELLA BONTÀ DELLA POESIA
(di natale)

Svolgimento

Nel tempo di Natale la città e la campagna della Poesia si ricoprono di candida neve, essa è bella e reca i pensieri natalizi. Sembra che la neve copre tantissimo chi scrive la Poesia, che la fa tutta Mitica e a me piace anche tantissimo. Ci sono dentro le parole.

È bello quando la neve inneva le giornate della Poesia, e tutto si ricopre di un manto di versi, ove la serenità porta la serenità alla Poesia e ai Poeti, e anche ai lettori, che del resto sono Poeti pure loro soprattutto dopo il ’75.

Siamo nel mese di dicembre, il mese della neve, ma io sto a Roma e me la sogno, così voglio fare una palla immaginaria e tirarla gentilmente al mese di dicembre, per scherzarlo dicendogli vai via. Esso è un mese che ci spinge a farci i bilanci dell’anno passato, e le speranze dell’anno futuro che arriva. Tra pochi giorni sarà il capodanno, e un nuovo anno caperà e avremo molti progetti da realizzare, per una gioia carica di attese che ci costellano.

Noi nel nostro passato vediamo delle ombre, delle inquietudini e delle incertezze, del buio e però anche delle candele nel buio, però anche delle asprezze e delle cupezze, delle monnezze, anche, ma non ci lasciamo scoraggiare da questo passato. Come dice la parola, esso è passato.

Qui a slowforward dobbiamo ritrovare la nostra vocazione più vera e autentica senza sbroccare, cercando di seguire la luce della lucentezza della Poesia, che nella notte della conoscenza umana illumina di umano l’umanità. Qui quindi io stesso cercherò di essere più buono e paziente e migliore, prometto da oggi in poi di non importunare troppo la destra poetica italiana, i nuovi mitomodernisti, le cariatidi i cariati e i caronti, e accettare santamente con santa rassegnazione che alla fine di questo anno 2022 (in realtà il 1957) ricominci ancora una volta il 1957.

Tanti sereni auguri di Poesia e che qualche fiore sbocci qua e là, a casaccio, 

in fede

Roma, lì 28 dicembre 2022

Marco Giovenale

 

installance #0172: asemic fragment

installance n. : # 0172
type : asemic piece on cardboard  
size : ~ cm 5 x 4
record : highres shot
additional notes : abandoned
date : Dec. 25th, 2022
time : 9:44pm
place :  Rome, via Revoltella
footnote : ---
copyright : (CC) 2022 differx

che c’è sulla tavola / differx. 2022

_

_

_

per una prima classificazione teratologica dei versificatori italiani contemporanei / differx. 2022

ossidati dai clichés, flarfer inconsci, brutalisti del kitsch, divoti dell’iperbato, retori del buonismo, o del cattivismo, cannibali anziani, ri-avanguardiani a serramanico, neolirici con o senza clava, adolescenti possiamo darci del tu, politici detentori di memorie, fornaretti dell’undicesima sillaba, nati nel ’57 (1857), nihilisti da stadio, jeunesse dorée, pozzetti sifonati di gioia, confessional proprio fiduciosissimi, confessional abitati da dubbi, plettri che rimpiangono la chitarra, aniconici, aruspici, metallari, metaforuti, lessicanti del contorto o del piallato, papà parà neodadà, parenetici, predicatori laici o in paramenti, friggitori romagnoli, lineilombardi, cultori del generico, del generalizzante, mitomodernisti, liricantropi, metricisti OCD, nani neocrepuscolari, neofuturisti con la fissa delle maiuscole in giro sul foglio, gregari del grigio svizzero, barellieri che soccorrono l’ermetismo, appartati, rimanti di primo o medio Novecento, gagà colorati, intronati da Campana, mantidi, neopavesiani, belliani che si scoprono trilussiani, patiti degli agnoli di Rilke, fulminati con l’agnolo di Benjamin, strapaesani, tassidermisti celaniani, rapper mancati, trapper riusciti, trappisti dell’ultimo Rebora, cristinecampo, zanzottiani senza Lacan, lacaniani senza Zanzotto, om om con Jung & oriente a pioggia, contenutistə, contenudistə, latinisti in pensione, notai sognanti, ospiti ingrati, disimpegnati dilicati, disimpegnati col formaggio piccante, giallisti che però guarda cosa avevo nel cassetto, criptofascisti col vocabolario adamantino, rondoni allevati a pirlerie ogm, psichiatri che amano Totò, psichiatri che non capiscono Totò, sperimentali pentiti cangiati in sottoRodari, mele secche, bruciati dal beat, editor con sacca lacrimale reggitrave, marchesini che escono alle cinque, oulipiani, infanti prodigi d’infanzia, rimbaudini coi loro verlainini, preti ma laicamente, briachi di edizioni numerate da 1 a 2, poeti non professionisti che tuttavia, poeti incurvati colla paglietta e il bastoncino, dantisti, fanerogame, prosinprosi, toglietemituttomanonSereni, instagrammer, sfigati su Reddit, sfigati senza nemmeno Reddit, agopuntori dell’haiku, petrarcaici, siliconatori di poemesse, mandriani del verso lungo, inguainate nei tubini al reading, occhioni celesti nelle stories fb, bruchi vellicabili galanti con le coetanee d’Ariosto, drudi pallidi, pallidissimi, semi-invisibili, invisibili del tutto

[continua]

alcune annotazioni per una possibile replica ad un articolo su ‘l’ospite ingrato’, n. 12, lug-dic 2022

quarta di copertina di Prosa in prosa, disegni di Enrico Pantani, https://ticedizioni.com/products/prosa-in-prosa

Nell’ultimo numero (12, lug-dic 2022) della rivista online del Centro Franco Fortini, “L’ospite ingrato”, compare un articolo di Claudia Crocco intitolato Poesia lirica, poesia di ricerca. Appunti su alcune categorie critiche di questi anni (che rielabora un testo già comparso nel 2014 su LPLC).
Nell’impossibilità da parte mia di strutturare ora un intervento ampio che possa riflettere su quanto quel testo riporta, un’idea (spero non troppo balzana) che ho tradotto in atto è stata quella di attraversare in viva voce, rapidamente e informalmente, quasi dialogando, alcuni dei temi toccati. In modo da offrire, nella maniera meno accademica e più svelta possibile, una serie di annotazioni e tentate puntualizzazioni, che propongo qui a chi legge (e ascolta):

_

_

Pensando possa essere utile, riporto poi qui di séguito i link ad alcuni saggi implicati tanto nell’articolo di C. Crocco quanto nella mia serie di notille:

Date e dati su “ricerca”, “scrittura di ricerca”, “ricerca letteraria” [prima parte, uscita nel 2021 sul “verri”]
https://www.academia.edu/85155587/Date_e_dati_su_ricerca_scrittura_di_ricerca_ricerca_letteraria_prima_parte_

Carlo [Bordini] in bilico [sempre 2021, “il verri”]
https://www.academia.edu/76568616/Carlo_in_bilico

gio+sev / differx. 2022

opposition by means of videogame / differx. 2022

_

(CC) 2022 differx

emergenza poeti / differx. 2022

_

(CC) 2022 differx
NY, 13 Nov 22

_

la poesia, se è vera poesia / differx. 2022

la poesia, se è vera poesia, è sempre di ricerca

la poesia, se è vera poesia, è sempre civile

la poesia, se è vera poesia, è sempre realistica

la poesia, se è vera poesia, è sempre astratta

la poesia, se è vera poesia, è sempre invendibile

la poesia, se è vera poesia, è sempre qualcosa che arriva al cuore

la poesia, se è vera poesia, è sempre poesia

la poesia, se è vera poesia, è sempre in abiti dimessi

la poesia, se è vera poesia, è sempre corale

la poesia, se è vera poesia, è sempre una consolazione

la poesia, se è vera poesia, sa sempre farsi notare

la poesia, se è vera poesia, resta per sempre

la poesia, se è vera poesia, è sempre alta

Continua a leggere