il pubblico, questo mito ottocentesco / differx. 2019

essere il pubblico di?
per esempio di http://bradbracebook.store/000pdfs/scratch-scrap.pdf

stack. pile, heap.
come “A heap of language”, di Smithson.

perciò: se invece parlate di spettacolo, la porta è quella.

(bibliografia: youtu.be/Hu0X5o3e-YM)

il pubblico del pubblico / marco giovenale. 2019

Le cose sono un po’ cambiate. Il poeta non sale sul palco per leggere la poesia, ma per vedere il pubblico.

E il pubblico, che è sempre e solo il pubblico del pretesto della poesia, sta in platea solo perché attende di salire sul palco. A vedere il pubblico.

Una volta salito sul palco, guarda il pubblico, bene, si bea della posizione, e dopo letta la poesia non ritorna in platea, ma esce, va a fumare, a bere, a distrarsi.

Vedi Napoli e poi muori. Vedi il pubblico e poi fuori.

Gli ultimi che leggono leggono alle sedie: vuote.

l’italia contro l’evoluzione della specie

facebook.com/photo.php?fbid=10156599366357212

La poesia italiana è l’unico posto del pianeta Terra dove periodicamente alla scomparsa dei dinosauri non segue il progredire dei mammiferi ma il ritorno delle trilobiti.

 

un testo da “numeri primi” oggi in rete, sul sito ‘il cucchiaio nell’orecchio’

testo3

già in Numeri primi (Arcipelago, 2006):
https://www.ilcucchiaionellorecchio.it/2019/10/testo-3/

foto da libri e microlibri / differx. 2013, 2016-17, 2019

Asemic writing. Alcune foto di libri e microlibri su carta Rizla, carta da lucido, velina, plastica trasparente. Tre opere del 2013, 2016-17, 2019. Donate all’Accademia di Belle Arti di Palermo, ottobre 2019.

(CC) 2019 differx