Category Archives: theory

bandella per “prosa in prosa” / andrea cortellessa. 2009

L’abitudine che ci fa usare la dizione da manuale, poesia in prosa, può far dimenticare come essa, in realtà, segni un paradosso. Ma – ha spiegato il suo maggiore studioso italiano, Paolo Giovannetti – proprio tale «ambiguità esibita» è il suo «carattere fondante». Posizione ambigua, dunque, e anche scomoda: troppo «asciugata» dal poetico per i lettori di poesia (almeno per chi si riconosce nel poetese, più che nel poetico); troppo autoreferenziale e «lavorata» – troppo «poetica», insomma – per coloro che della prosa ammettono un’unica specializzazione merceologica, quella della narrazione (e diciamo, anzi, direttamente la fiction).

Eppure la prosa come forma del limite è stata una delle poche vie di fuga che abbiano consentito alla nostra scrittura poetica, negli ultimi decenni, di non rinchiudersi nel repertorio di se stessa. Negli anni Settanta autori come Giampiero Neri, Cosimo Ortesta e Cesare Greppi hanno messo a frutto la lezione dei maestri francesi di un secolo prima; mentre è del 1989 un episodio isolato ma significativo come la silloge Viceverso, curata da Michelangelo Coviello. Né sorprende che oggi i trenta-quarantenni di Prosa in prosa guardino di nuovo Oltralpe (e Oltreoceano), mutuando il loro stesso titolo da Jean-Marie Gleize.

Quanto meno subliminalmente, l’espressione poesia in prosa rinvia poi al concetto di traduzione: un «contenuto», in sé poetico, che verrebbe «trasposto» in prosa. Ma se il «contenuto» è già prosastico, qui, che cosa viene in effetti «tradotto»? La prosa in prosa, risponde Antonio Loreto, ha qualcosa del ready-made: senza sovraccaricare la scrittura di effetti speciali (la «prosa d’arte» dalla quale i Sei si guardano bene) è mediante il suo isolamento (in lasse, blocchi, serie variamente ordinate) che se ne muta sottilmente il senso. Basta incorniciare l’oggetto, come ha insegnato appunto D­uchamp, per fargli dire qualcosa di diverso – e inatteso. Qui piuttosto lo si «inquadra»: e non stupiranno, allora, i frequenti riferimenti all’universo dei media visivi, dalla fotografia allo schermo del computer.

Così facendo si segnalano, nella prosa del mondo, una serie di mutamenti inavvertiti. Come in un certo gioco enigmistico, ci accorgiamo d’improvviso di dettagli incongrui, particolari inquietanti. E finiamo per capire, insomma, come qualcosa nelle nostre vite sia da tempo mutato: a un livello microscopico, magari, ma con conseguenze non meno che catastrofiche.

_

cecil touchon interviewed by pierre gervois

Cecil Touchon was Born in 1956 in Austin, Texas is a contemporary American collage artist, painter, published poet, and theorist living in Santa Fe, New Mexico. Co-founder of the International Post-Dogmatist Group, Touchon is director of the group’s Ontological Museum, Founder of the International Museum of Collage, Assemblage, and Construction, and founder of the International Society of Assemblage and Collage Artists. Cecil Touchon is best known for his Typographic Abstraction works that ‘Free the letters from their burden of being bearers of meaning”.

Touchon co-founded the International Post-Dogmatist Group (IPDG) in 1987. Primarily an alternative to a post-modernist view of the world, the group’s writings suggest that creativity and artistic pursuits must be based in a recognition of the spiritual underpinnings of all human activities. The IPDG addresses itself to the art world through a presentation of itself as the ‘official avant-garde’ creating an elaborate bureaucratic structure of outlandish sounding offices through which the various members communicate simulating ‘the establishment’ as a form of parody.

In 2005 an exhibition was held in Cuernavaca, Mexico entitled “Cecil Touchon – Thirty Years of Fluxing Around” in which art works and scores dating as early as 1975 were exhibited showing the fluxus tendency in Touchon’s work over the last thirty years. Touchon has never been formally associated with the Fluxus group until the year 2000 with his participation in the Fluxlist – an email group where the current generation fluxus artists interact and collaborate. In 2002 Touchon, with a number of other artists from the Fluxlist established the Fluxnexus – a group of artists working together on various new Fluxus projects including a new Fluxus performance workbook. In 2006 Touchon established the FluxMuseum in order to assemble and archive samples of works by contemporary 21st Century Fluxus artists. The central focus of the Fluxmuseum has been the creation of Fluxus related publications and curating and mounting international exhibitions of Fluxus art called Fluxhibitions.

Interviewed by Pierre Gervois.

https://ceciltouchon.com/

frammenti da “idrologie”, di emilio villa, giorgio cegna, silvio craia (1968)







 

antonio syxty intervista mg sulle reti della ricerca letteraria

la rete della ricerca letteraria: siti, blog e podcast di scrittura sperimentale

dalla pagina fb di Antonio Syxty:

LA FINESTRA DI ANTONIO SYXTY EXTRA con Marco Giovenale, vi aspetta questa sera, 18 dicembre, dalle ore 21 in diretta sulla pagina Facebook di MTM Teatro.

facebook.com/401941036521344/posts/3491476977567719/

facebook.com/mtmteatromi/

La finestra di Antonio Syxty (EXTRA) incontra Marco Giovenale, tra i fondatori del sito di materiali sperimentali gammm.org (2006), nonché editor, curatore indipendente, lettore per case editrici, traduttore dall’inglese e coordinatore del Centro di poesia e scritture contemporanee, che nel 2018-19 ha contribuito a fondare.

Tema della puntata è La rete della ricerca letteraria: siti, blog e podcast di scrittura sperimentale.

Si potrà seguire anche dai link:

https://www.facebook.com/slowforwarddifferx/

https://www.facebook.com/gammm.org/

https://www.facebook.com/poesiaescritture/

“estetica. uno sguardo-attraverso”, di emilio garroni

Torna finalmente in stampa Estetica. Uno sguardo-attraverso.

La nuova edizione del testo, arricchita da una bella e importante introduzione di Stefano Velotti, inaugura la nuova collana di Estetica “Guardare attraverso”, diretta da Dario Cecchi per Castelvecchi editore.

Non si tratta, semplicemente, di un omaggio a un grande maestro. Ancora oggi, a distanza di quasi trent’anni dalla sua pubblicazione, Estetica. Uno sguardo-attraverso rappresenta infatti un punto di riferimento imprescindibile per tutti gli studiosi di estetica. Un testo che merita di essere letto, riletto, studiato e discusso.

(facebook.com/story.php?story_fbid=10157686781982212&id=644982211)

marilina ciaco su benway series

https://benwayseries.wordpress.com/2020/11/24/una-collana-atipica-di-scritture-installative-il-caso-benway-series/
https://benwayseries.wordpress.com/2020/11/24/una-collana-atipica-di-scritture-installative-il-caso-benway-series/

quando dicevo (e dico) che tumblr…

quando dicevo (e ancora dico) che la letteratura, smarginando da tutte le parti, diventa veramente contemporanea (anche) nei post, e che gammm ha intercettato questa cosa prima ancora di nascere nel 2006, e che magari (sia prima che) adesso gli scrittori che preferiamo sono persone di tutte le età che mettono cose assurde o weird – comunque felici & produttrici di senso – su tumblr o altre piattaforme.
ecco. dicevo.

l’immagine è uno screenshot da
vedurnan.tumblr.com (8 nov. 2020)

_

prosa in prosa: un video esplicativo

questo video spiegherà tutto:
facebook.com/emanuele.kraushaar/videos/3588974284486884

viene alla luce la terribile verità:

PROSA IN PROSA_ tic_ copertina
https://ticedizioni.com/collections/vetrina/products/prosa-in-prosa

Forse l’evento più rilevante degli ultimi 20 anni della poesia italiana, di Prosa in prosa, come accade con i classici, si è parlato e scritto molto di più di quanto il libro non sia stato in effetti letto. A partire da una definizione di Jean-Marie Gleize, Prosa in prosa tentava, nel 2009-10, anno della sua prima pubblicazione, di portare una ventata spiazzante sulla scena asfittica della letteratura italiana, attraverso il travalicamento del concetto stesso di genere letterario.

foto dei sei_ 4a di copertinaDa non confondersi assolutamente con poemetti in prosa, i testi qui compresi, installando la letteralità e l’insignificanza nel luogo in cui ci si attende massima significatività e figuralità, squadernavano le categorie con cui il pubblico legge la testualità lirica. Ma se questa rivoluzione rischia oggi di spegnersi nella generale dimenticanza, questa nuova edizione, arricchita di contenuti critici, torna a imporre il tentativo, sempre più necessario, di superare l’ultimo confine, quello tra letterario e letterale.

 

 


_

dicono che la scrittura di ricerca non esiste / differx. 2020

mi si dice che la scrittura di ricerca non esiste: usano un’espressione diversa, che mi è abbastanza estranea, usano “poesia di ricerca”, per poi immediatamente affrettarsi ad aggiungere che “tutta” la poesia, se è poesia, è di ricerca.
e in effetti devo dire che la ricerca è un po’ ovunque, nel nostro quotidiano.

copernico vs. tolomeo / carmelo bene

.
fonte: youtu.be/zhcnHRMXZ94
.

silliman’s blog @ epc digital library

The EPC Digital Library is delighted to announce the Complete Ron Silliman Blog History: every entry 2002-2020, listed, & searchable by, topic. The full blog now archived at the EPC. Thanks to Steve McLaughlin for putting this immense resource together.

.

https://writing.upenn.edu/epc/mirrors/ronsilliman.blogspot.com/history.html