la rivista bolognese “versodove”: ospite il 14 dicembre del corso upter “verso dove? – orientarsi nella poesia contemporanea”

 

vd20--Roma, 14 dicembre 2018, ore 17:30
UPTER, Università popolare, Palazzo Englefield
via Quattro Novembre 15​7​

nell’ambito delle attività del
Centro di poesia e scritture contemporanee
e del corso “Verso dove? – Orientarsi nella poesia contemporanea”

Presentazione del n. 20 della rivista

V E R S O D O V E

​intervengono i redattori
Vincenzo Bagnoli, Fabrizio Lombardo, Vittoriano Masciullo​​​, e il direttore Stefano Semeraro

​alcuni de​gli autori ospitati dal fascicolo saranno presenti e leggeranno i propri testi:
Paola Silvia Dolci, Luciano Mazziotta, Silvia Molesini

​coordina l’incontro
Marco Giovenale

https://www.facebook.com/events/571901779920340/

Continue reading

10 dicembre: adriano spatola @ studio varroni

Studio Varroni / Eos Libri d’Artista

Via Saturnia 55, int. 2 (angolo Piazza Epiro) – Roma

+39.068812298 – 348.7347243

Lo Studio Varroni / Eos Libri d’Artista inaugura una mostra antologica di

Adriano Spatola

“da zero ad infinito”

verso la poesia totale

a cura di

Giovanni Fontana e Piero Varroni

inaugurazione

lunedì 10 dicembre, dalle ore 18.00

10 dicembre 2018 – 2 marzo 2019

(dal martedì al venerdì su appuntamento)

15 + 16 dicembre al macro

doppio appuntamento al Macro

facebook.com/100002263066109/posts/1947026085382808/

SABATO 15 dicembre performance di Federica Luzzi “il fallimento non è un’opzione. Luna perduta” ore 18:00 (repliche ore 19, 20) con Flavio Arcangeli e Melissa Lohman

DOMENICA 16 dicembre installazione “Snodo” ore 17:00
AMBIENTE #1 a cura di Fabrizio Crisafulli

Museo Macro d’Arte Contemporanea di Roma

via Nizza 138

exempla 1.0 : a spoleto

“Vedi, siamo appena al principio. Come prima di ogni cosa. Con mille e un sogno dietro di noi e senza azione”.
Inizia così R. M. Rilke, “Appunti sulla melodia delle cose”.
Oggi a Spoleto davvero tante cose – che costituiscono un inizio di tre mesi di esposizioni, incontri, libri, letture, performances attorno a cose e oggetti che mantengono il valore del bello, l’uso del quotidiano, la traccia della mano – dell’artefice.

(Andrea Tomasini)