link per christophe tarkos

A sostegno & manforte dell’intervento che Andrea Inglese ha pubblicato ieri in “Alias”, l’inserto culturale del “manifesto”, sul lavoro testuale di Christophe Tarkos (lavoro in relativamente piccola ma ottima parte tradotto in italiano anche per le edizioni Tic da Michele Zaffarano), aggiungo qui di séguito dei link ‘tarkosiani’ che credo utili:

 

una prosa breve su “mirino”

https://mirinolit.wordpress.com/2020/06/22/tutta-vita-by-marco-giovenale/

facebook.com/mirinolit/posts/121706786243473

_

 

credo di dover riproporre questo testo immortale vergato nel 2010

dolino masturp no ju

 
tech-accessori
per la pensione auto
per l’italia
per fra’ nigro
per precipita l’estremo
per la squadra telatendone
per i consigli gemelli
per parapendio big match sesso
per il taglio europa
per i tuoi 40 anni
per vittorio rainforest
per il video monarchico
per il dubbio 67%
per obama fumarola
per i genitori
per i genitali
per lo studio clienti
per corriere.it
per repubblica.it
per l´essenziale privatisti
per gli uccisi nuvola provincia
per la giornata grillini
per la confessione dei medici
per l’euro conan
per scott nello spazio
per il mib stupire lessico
per il blowjob diary
per farabutto saga
per il due adesso chili
per la serie longo
per mamma scene dolci eurogruppo
per la giunta teniamo scuola
per la condivisione del finale
per greenpeace
per mago pernottamenti totocifra
per amelia
per il museo della faccia
per seidimoda o chiedere anni polvere
per la sicurezza nei balcani
per la sicurezza sulle strade
per la sicurezza a bordopiscina
per la sicurezza nel turismo
per la sicurezza di dimagrire
per la sicurezza delle fate
per la ripresa della fiat
per la sicurezza sul posto di morte
per gli italiani a treviso
per la sicurezza del desiderio
per asterix
per niente

_

*
https://slowforward.net/2010/06/05/dolino-masturp-no-ju/

_

3 prose da “oggettistica” (e altre) nel verri

Tre testi dal tutt’ora inedito Oggettistica sono nel n. 72 (feb. 2020) del “verri”, pp, 94-97. La rivista è scaricabile o leggibile interamente online: https://slowforward.net/2020/04/12/il-verri-n-72-febbraio-2020-la-poesia-fa-male/, https://archive.org/details/verri_72_la_poesia_fa_male/mode/2up, https://slowforward.files.wordpress.com/2020/04/verri_72_la_poesia_fa_male.pdf

Altri erano già usciti nel n. 66 (feb.2018), ossia nel numero monografico dedicato a Nanni Balestrini. (Si può consultare l’indice qui: https://slowforward.files.wordpress.com/2018/05/verri66_balestrini.pdf).

l’intervista instagram di antonio syxty a mg, canale tv mtm, 21 maggio 2020

 

“una semplice” ha dieci anni

 

sempre grazie a Roberto Cavallera per il mio una semplice, che ha pubblicato = ospitato nel suo spazio web issuu ormai dieci anni fa, il 6 aprile 2010

https://issuu.com/compostxt/docs/marco_giovenale__una_semplice5

_

 

versione html dei frammenti dalla “scrittura celibe” vista da maurizio grande in marco ferreri

Scrittura celibe : vista da MG in MF

 

Dal saggio La scrittura celibe, di Maurizio Grande (nel libro a c. di Stefania Parigi, Marco Ferreri. Il cinema e i film, Marsilio, Venezia, 1995). [Tra parentesi quadre: annotazioni prese durante la lettura in biblioteca]

 

Idea di una “destituzione di rilievo delle procedure di montaggio”.

“L’inquadratura è celibe perché non ha bisogno di ‘accoppiarsi’ a un’altra inquadratura” (p. 4)

                                               [variazione sulla new sentence?]

“Le inquadrature non vengono concepite come elementi parziali di un insieme (la sequenza) da ricostituire mediante le operazioni di montaggio; esse per lo più insistono nel montaggio, restano un fuori-campo autosufficiente, un quadro sotto il film” (p.4)

                                               [un pensiero-testo sotto la sequenza di scrizioni, ma addirittura sotto il periodo, sotto e prima della frase, è l’idea che in altro contesto chiamerei microlettura]

                                               [elementi pressoché puntiformi, o piccoli segmenti, di senso]

“Il montaggio di Ferreri è congiuntivo, senza essere per questo meramente additivo: congiunge e non coniuga, accosta e non salda, avvicina e non fonde. In tal modo, le inquadrature non vengono ‘aspirate’ nelle operazioni di montaggio, bensì congiunte su una linea di contiguità che non è solo successione, ma è deriva metonimica dei circostanti” (p. 4)

“La macchina celibe è fredda, non dà né riceve; si è sottratta alla fatica delle trasformazioni, non subisce la metamorfosi della produzione” (p. 5)

Il reale come oggetto inorganico della visione (p. 5) Continue reading

frammento di paolo zublena su poesia in prosa / prosa in prosa

[…] Tuttavia il punto di svolta più percepibile lo possiamo collocare nel 2009, quando un gruppo di autori (Gherardo Bortolotti, Alessandro Broggi, Marco Giovenale, Andrea Inglese, Andrea Raos e Michele Zaffarano) grosso modo coetanei (nati tra il 1967 e il 1973) sente l’esigenza di far uscire un volume il cui filo rosso è proprio una nuova declinazione della poesia in prosa, che fin dal titolo viene rinominata Prosa in prosa (il volume esce non per caso nella collana fuoriformato diretta da Andrea Cortellessa presso Le Lettere). La prosa in prosa, anzi, la prose en prose è un’invenzione di Jean-Marie Gleize, cui i prosinprosatori italiani esplicitamente si richiamano. Gleize, collocandosi sulla linea di Ponge, di cui è anche studioso, ha definito (e praticato) la “prosa in prosa” come poesia che viene dopo la poesia, come un testo che vuole essere “letteralmente letterale”, non avere altro senso se non quello che propriamente dice. La littéralité di Gleize, insieme assenza di sovrasenso e riferimento all’evidenza della tipograficità alfabetica, conduce alla redazione di testi che sono sommamente chiari e enigmatici a un tempo. Enigmaticità che – secondo l’esempio dell’altro potente modello, quello della language poetry americana e più in generale delle varie modalità di poesia concettuale – può nascere dal contrasto tra la chiarezza del dettato e la necessità di interpretarlo secondo una collocazione pragmatica magari solo implicita (come nel ricorso a una postproduzione talvolta segnalata da indicatori peritestuali in Broggi), oppure dall’espressione di una pura evidenza delle cose che rimonta appunto a Ponge, Gleize, ma anche a Perec e alla sua rappresentazione dell’infraordinario. […]
 
Paolo Zublena, Poesia in prosa / Prosa in prosa (2015)
 
_

evento rinviato: il 27 febbraio non si terrà più la presentazione del volume “low”, che raccoglie i primi tre libri di gherardo bortolotti

EVENTO momentaneamente RINVIATO, ma libro disponibile in qualsiasi momento da TIC, in via Bertani (Roma) e all’indirizzo https://e-commerce.ticedizioni.com/77-low-una-trilogia-di-gherardo-bortolotti-9788898960262.html

facebook. com/events/s/l ow-una-trilogia /1099944857034014/

evento rinviato: “low”, trilogia di gherardo bortolotti, non più il 27 febbraio

EVENTO momentaneamente RINVIATO, ma libro disponibile in qualsiasi momento da TIC, in via Bertani (Roma) e all’indirizzo https://e-commerce.ticedizioni.com/77-low-una-trilogia-di-gherardo-bortolotti-9788898960262.html

Roma, giovedì 27 febbraio 2020, alle ore 19:00

presso Tic
(via Agostino Bertani 9)

lettura e presentazione di

LOW
(Una trilogia)

 

di
Gherardo Bortolotti

Tic Edizoni, collana UltraChapBooks, 2020

Annotazioni critiche di
Chiara De Caprio
e Massimiliano Manganelli

sarà presente l’autore

La scrittura di Gherardo Bortolotti si muove in quel terrain vague posto tra prosa e poesia:
più precisamente, maneggia la prosa con gli strumenti della poesia. Il risultato è una fiction
implosa, che si sottrae agli inganni della mimesi, popolata da personaggi frammentari e
frammentati, dentro scenari che si potrebbero definire “infra-apocalittici”. Nonostante l’evidente
riuso di un immaginario fantascientifico, il mondo straniato che vediamo dentro questi libri è
comunque il nostro presente catastrofico, senza nemmeno una consolazione. E in questa
capacità di guardare freddamente le macerie del futuro, di un mondo che avrebbe voluto
essere e non è stato, sta tutta la densità politica di questa scrittura, che è davvero una
scrittura senza paragone.

MM

Evento facebook:
https://www. facebook. com/events/1099944857034014

Il libro:
https://e-commerce.ticedizioni.com/77-low-una-trilogia-di-gherardo-bortolotti-9788898960262.html