testi notturni (3) / differx. 2017

partizione. lo capisco come un rimedio per farlo uscire, mondo in cui due spettacoli di moda sono abbastanza buoni e confermati; un regolamento all’interno può verificarsi; dalla cosa peggiore a tutti. là e distruggere. prevista per entrare, nella proposta prolungata per addebitare un permesso consente giurisdizioni alla porta d’ingresso; come unghie in silenzio; parti di materiale elettronico e trascorrono ore lunghe e sperimentali: l’ascolto non è presente per impedirti. ma il capo delle maniche in tubo sarebbe stato condotto.
due accordi audiovisivi webcast possono essere mon (electro). Continue reading

blablablaguard press. inc. / ugo carrega. (s.d.)

Ugo Carrega, BLABLABLAGUARD PRESS. INC.  TOOL IN ROTTA/ROTTA IN TOOL.
s.d. (foglio A4 dattiloscritto).

(Collezione Giuseppe Garrera).

*

Testo leggibile anche in U.C., Commentario (Edizioni Morra, Napoli 1985), con data “1966”

agosto 2005, endoglosse in rete

dopo l’uscita delle mie Endoglosse per Biagio Cepollaro E-dizioni, il progetto di brevi testi in prosa continuava nel 2005 in rete, con un blog su base blogspot, con immagini e testi (sulla falsariga della sequenza …un autre mois… di Éric Suchère).

qui un pessimo screenshot (precisamente foto di schermo, non di schermata…)

Digital StillCamera

le prime Endoglosse (2004) sono visibili qui:
http://www.cepollaro.it/poesiaitaliana/GioTesto.pdf

le seconde sono offline ma variamente rielaborate in opere successive.

massimiliano manganelli su “strettoie” (in alfabeta2)

Massimiliano Manganelli, Marco Giovenale, il linguaggio delle cose: Se c’è uno stigma che si addossa spesso alla cosiddetta scrittura di ricerca è quello della sua difficoltà, della mancanza di un carattere, se così si può dire, reader-friendly, se non addirittura dell’incomprensibilità. Si ignora così, o si finge di ignorare, che questa scrittura – nelle varie tipologie formali in cui si incarna – interpella il lettore con grande forza, lo chiama in causa nel processo di fruizione del testo, attribuendogli un ruolo più che mai attivo. Di qui la difficoltà, certo, perché il lettore-fruitore, per condurre il gioco interpretativo, deve passare attraverso le strettoie di una architettura testuale spesso intricata (tutti i giochi, del resto, hanno delle regole).  – Leggi:>