il libro della mostra “concreta 1” (accademia d’ungheria, 2018) è pubblicato, e disponibile online

concreta1_primapaginaDal 2 gennaio 2019
CONCRETA 1

a cura di Sebastiano Triulzi
collana «Medea», pp. 368
ISBN 978-88-31913-072
Diacritica Edizioni

Opera diffusa in modalità open access.

http://diacritica.it/wp-content/uploads/1.-CONCRETA-1-a-cura-di-S.-Triulzi.pdf

Si tratta della prima grande ricognizione intorno alle scritture di ricerca dagli anni Sessanta ai giorni nostri: scritture giocose, non allineate, disubbidienti, fino alle sperimentazioni concrete, asemiche e asemantiche (con opere di più di 60 artisti provenienti da tutto il mondo), scritture che testimoniano in primo luogo un intento di disubbidienza del senso e un tributo alla magia del segno. CONCRETA 1 non vuole essere un’indagine puramente storiografica di questo fenomeno, ma offrire invece una mappatura aggiornata della produzione di poeti e artisti visuali. Il suo precipuo scopo è quello di delineare una delle realtà più vive e innovative del nostro tempo: mai come oggi le scritture di ricerca rappresentano il tentativo più radicale di costituire una Babele, in senso linguistico e letterario, capace di demolire e mettere in crisi il sistema di finzione e di falsità della cosiddetta comunicazione. Si tratta di un arcipelago di distruttori e sperimentatori poetici che la Rete stessa ha connesso e legato fra loro. All’origine del presente volume sta la volontà di lasciare una traccia della mostra e del festival CONCRETA tenutisi a Roma a Palazzo Falconieri, e che ha visto avvicendarsi alcuni tra i più importanti poeti di questo tipo di produzione, come Carlo Bordini, Kinga Tóth, Mariangela Guatteri, Slávo Krekovič, Cia Rinne, Ladik Katalin, Gustav Sjöberg, Endre Szkárosi, Mária Ferenčuhová, Gunnar Berge, Sharon Mesmer, Joan Jönson, Silvia Tripodi, Luc Bénazet, Marco Giovenale, Éric Houser, Michele Zaffarano, Mario Moroni, Giulio Marzaioli, Mario Corticelli, Nanni Balestrini, Jean-Marie Gleize, Oswald Egger; i quali hanno scelto per l’occasione testi poetici e donato una parola, che funzioni da messaggio, pietra angolare, filo per orientarsi nel labirinto del contemporaneo. All’interno sono riportati anche gli atti del convegno CONCRETA 1 dedicato alle scritture di ricerca, con gli interventi di Andrea Cortellessa, Gianni Garrera, Giuseppe Garrera, Marco Giovenale, Simona Menicocci, Manuel Micaletto, Gilda Policastro, Fabio Teti, Sebastiano Triulzi.
Un volume che è indicazione imprescindibile di terre e territori poetici ai confini della parola e del senso.

Opere in mostra di Hansjörg Mayer, con le leggendarie edizioni “futura”, Timm Ulrichs, Klaus Burkhard, Max Bense, Reinhard Döhl, Bob Cobbing, Wolf Vostell, Ben Vautier, Ilse e Pierre Garnier, Eugen Gomringer, Hiro Kamimura, Yoko Ono, Augusto De Campos, Ferdinand Kriwet, Henri Chopin, Gerhard Rühm, Jiri Valoch, Endre Szkárosi, gli ungheresi Katalin Ladik, Anne Tardos, Tóth Kinga, Soós Gergő, Szilágyi Rudolf, gli italiani Emilio Villa, Carlo Belloli, Adriano Spatola, Arrigo Lora Totino, Anna Oberto, Giovanna Sandri, Patrizia Vicinelli, Irma Blank, Mirella Bentivoglio, Rosa Foschi, Luca Patella fino ai contemporanei Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Enzo Patti, Ivana Spinelli, Laura Cingolani, Francesco Aprile, Francesca Biasetton, Federica Luzzi, Rafael Gonzales, Jim Leftwich, John M. Bennett, Federico Federici, Matteo Fato, Carl Baker, Max Renkel, Axel Catalayud, Sacha Archer, Dirk Vekemans, Mike Getsiv, David Kjellin, Jay Snodgrass, Rosaire Appel, Lina Stern, Valeri Scherstjanoi, Petra Schulze-Wollgast, Dona Mayoora, Luis González Boix, Luc Fierens, Fabio Lapiana, Carmen Racovitza, per citarne alcuni: tedeschi, ungheresi, svizzeri, italiani, giapponesi, brasiliani, rumeni, russi, francesi, finlandesi, portoghesi, svedesi, canadesi, australiani, ucraini, polacchi, americani, insieme felici distruttori di tutte le lettere e di tutti gli alfabeti. Continue reading

2 testi di corrado costa (da “the complete films”) e 1 nota

 

*

aggiungo solo una nota, ricordando che Corrado Costa purtroppo muore proprio all’inizio degli anni Novanta, esattamente nel ’91.

cosa sarebbe stata la poesia o meglio ancora la scrittura di ricerca in Italia già negli anni Novanta se Costa non fosse scomparso a inizio decennio, se non fosse stato così appartato, se fosse stata, la sua, una linea editorialmente privilegiata o anche soltanto considerata, ascoltata, dalle grandi case editrici e/o dai piccoli gruppi e dalle piccole riviste?

ho un’ipotesi di risposta: un certo tipo di poesia e di scrittura si sarebbe manifestata per tempo, prima. sarebbe stata riconosciuta prima. avrebbe avuto attenzioni editoriali diverse e si sarebbe presentata con spalle più solide all’inizio del nuovo secolo. sarebbe sembrato logico quello che in alcuni libri – a partire da quelli di Costa – stava accadendo almeno dagli anni Settanta.

si sarebbe verificato in Italia quello che giusto in quegli anni stava capitando in Francia. ci sarebbe stata sintonia con autori molto giovani, con le loro riviste e opere e ricerche.

non sarebbe stato necessario aspettare il 2006 per trovare sintonia, synchronicity, dialogo, e vedere tradotte certe opere. (non solo dal francese ovviamente).

nel deprimente contesto nell’ultimo decennio del millennio scorso, forse il solo scrittore in Italia avvicinabile a Costa, e anche lui molto indipendente ed isolato, è stato – io credo – Carlo Bordini.

_

avvisaglie

don’t miss a thing: https://www.facebook.com/avvisaglie/

avvisaglie

(sperimentazioni sonore, verbali, visive. e altro)

IDEA, REALIZZAZIONE, CURA E AGGIORNAMENTO delle informazioni: Luca Venitucci

_

roma, museo macro, 7 dicembre: “leggere la poesia”, incontro con mg

a Roma, venerdì 7 dicembre, alle ore 17:00
al MACRO, in via Nizza 138
(stanza delle parole)

leggere3

Andrea Tomasini incontra Marco Giovenale

 

su

Leggere la poesia

“poesia e prosa”: ritmo e sperimentazione

https://www.facebook.com/events/521536838348805/

https://www.museomacro.it/evento/marco-giovenale-leggere-3

_