Archivi categoria: scrittura di ricerca

gialli, narrativa / differx. 2021

gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli gialli gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli gialli gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli gialli gialli gialli narrativa narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa gialli gialli narrativa narrativa narrativa narrativa gialli narrativa narrativa gialli gialli narrativa narrativa gialli gialli gialli.
dietro ci sono gli scaffali dei libri in altre lingue. narrativa e gialli.

jim leftwich @ archive.org

https://archive.org/details/@textimagepoem

Six Months Aint No Sentence, Books 1 – 15, written between 04.24.2011 and 01.13.2012. Originally published by Marco Giovenale at differx hosts as Six Months Aint No Sentence, a Journal: texts and works by Jim Leftwich, 2011 – 2016 Books 1 – 187
https://app.box.com/s/l76xlrg78e5s8evbi4c4
Books 1 – 30 were published by Peter Ganick and Jukka-Pekka Kervinen at White Sky E-Books.

poetry, visual poetry, asemic writing, historiography, writing against itself, useless writing, journal, textimagepoem, trashpo, desemantized writing, 21st Century American epic, collage poem, ongoing research

la seconda vita di corrado costa (bazzano, 30 luglio)

.

28 luglio, luisa viglietti a bologna, per “cominciò che era finita”

Bologna, chiostro dell’Arena del Sole, 28 luglio, ore 21:30

Cominciò che era finita

di Luisa Viglietti

in dialogo Bruna Filippi e l’antropologo Piergiorgio Giacché.

modera Massimo Marino.

a seguire, sonorizzazione a cura di Neu Radio.

“qualche uscita. postpoesia e dintorni” di jean-marie gleize : ora disponibile presso tic edizioni

La poesia è per noi oggi innanzitutto lapoesia, un grande totem storico che continua ad attraversare le istituzioni scolastiche e i mezzi d’informazione e a imporre termini chiave come espressivitàarmoniasinceritàautenticitàvisione. D’altro canto, anche la repoesia, rovistando il quotidiano alla ricerca delle tracce di un canto essenziale, non rappresenta altro che l’ennesimo nostalgico avatar di quello stesso totem. Quanto alla neopoesia, apparentemente più in fase con il presente grazie ai suoi sempre aggiornati e spettacolari artifici tecnico-retorici, essa punta soprattutto a moltiplicare l’effetto “fantasmagorico”.

Dalla fine dell’Ottocento (dopo Rimbaud, per intenderci), alcuni autori hanno cercato di “liberare” la poesia da sé stessa, per riconcepirla sotto altre latitudini. Pensandola prima di tutto come un modo per comprendere la realtà, questi altri autori si sono consequenzialmente impegnati a ricercare gli strumenti concettuali, verbali e formali più adatti a tale nuova intesa.

I quindici interventi raccolti in questo volume partono tutti dal presupposto che esista un fuori e un dopo. E che non ci sia solo un modo per uscirne, ma che si possa contare su una pluralità di gesti, di atteggiamenti e di disposizioni (alla fuga), secondo le diverse maniere con cui può essere pensata una rifondazione (una riconversione) dell’“industria logica” letteraria. I cantieri postgenerici che questo libro descrive (nel loro contesto e considerandone le finalità “politiche”) sono vasti. Si tratta in fondo di atti e di azioni: d’insubordinazione.

*

Libro a cura di Michele Zaffarano

sulla luna / marco giovenale. 2015-2021

Fai clic per accedere a mgiovenale_-sulla-luna_-02-dic-2015-18-lug-2021.pdf

*

audio (da una versione precedente):
https://www.raiplayradio.it/audio/2019/06/3-sulla-Luna-Poeti-sulla-Luna-18822373-d7b7-4f1d-932f-960d4cd05f29.html

cfr.
https://slowforward.net/2019/07/24/sulla-luna-_-lettura-radio-tre/

il pdf:
slowforward.files.wordpress.com/2021/07/mgiovenale_-sulla-luna_-02-dic-2015-18-lug-2021.pdf

_

minima oralia / gabriele stera. 2021

Minima Oralia di Gabriele Stera è un album di poesie di autori e autrici contemporanei/e sonorizzate tramite l’uso di voci elettroniche, accompagnato dalle grafiche di Ophelia Borghesan.

da/con/su testi di (in ordine di apparizione)
Carmen Gallo, Vincenzo Ostuni, Fabio Teti, Gilda Policastro, Gherardo Bortolotti, Gabriele Frasca, Alessandra Cava, Valerio Magrelli, Simona Menicocci, Marco Giovenale, Lello Voce, Sara Ventroni, Tommaso Ottonieri, Andrea Inglese

Minima Oralia è un esperimento di poesia e musica concentrato sull’universo delle voci elettroniche.
Si tratta di un mixtape di «spoken word» realizzato interamente con dispositivi di sintesi vocale, nell’intento di mettere la poesia alla prova di una forma di oralità minima, incarnata dalle voci standardizzate e monotone degli algoritmi di assistenza vocale. E, inversamente, di trasportare questi dispositivi vocali nell’universo della poesia e della musica sperimentale, per poterne osservare le qualità (ritmiche, tonali, espressive) nell’affrontare tecniche di scrittura varie e complesse.

think fast and write poultry / differx. 2021

_

2003-2015: espressioni che non vogliono (né volevano) venir fissate come “categorie”

da un post del 2015 in N.I.:
https://www.nazioneindiana.com/2015/10/12/qualche-asserzione-sparsa/

Se vado con la memoria a prima del 2005, precisamente al 2003-04 o anche precedentemente, rammento la mia ipotesi di una scrittura definita come coerente con una idea di “informale freddo” (a differenza della corrente tellurica/vulcanica dell’informale in arte, oltre mezzo secolo prima): cfr. Note di ricerca e ascolto di autori: un informale freddo – e una rete tesa ai punti, in «L’Ulisse», n. 1, giugno 2004, http://www.lietocolle.com/cms/img_old/ulisse_1.pdf. (ma cfr. anche http://www.italianisticaonline.it/2004/fortini/). Se andiamo al 2006, troviamo l’ipotesi – di Bortolotti e mia – di un differenziarsi (e forse vicendevole precisarsi) di “installazione” e “performance”: http://gammm.org/index.php/2006/07/16/tre-paragrafi-gbortolotti-mgiovenale/. Nel 2009 esce il volume collettivo Prosa in prosa (ex link: http://www.l elettere.it/site/e_Product.asp?IdCategoria=&TS02_ID=1502; attualmente: https://www.lelettere.it/libro/9788860873019, ma fuori catalogo) il cui titolo è formula che si deve a Jean-Marie Gleize. Nel 2010 o poco prima ha iniziato a diffondersi una mia fissazione: quella che tutti si sia incappati recentemente/felicemente in un evento avviatosi già coi primi anni Sessanta: un “cambio di paradigma” (cfr. il n. 43 del «verri», giugno, 2010, e poi https://www.nazioneindiana.com/2010/10/21/cambio-di-paradigma/). Se andiamo al 2011 abbiamo “loose writing”, espressione che ho pensato di poter riferire soprattutto a gran parte del lavoro di Carlo Bordini, e ad altri autori: https://puntocritico2.wordpress.com/2011/01/25/quattro-categorie-piu-una-loose-writing/. (Di recente la collana Syn ha ospitato un testo di Alessandra Carnaroli che mi pare decisamente esemplare, in questi termini: http://www.ikona.net/alessandra-carnaroli-elsamatta/).

Infine: la coppia “assertivo” / “non assertivo” è rintracciabile daccapo sia nel testo Cambio di paradigma (2010, cfr. sopra) sia in un documento caricato nel marzo dello stesso anno sul mio blog: Prosa in prosa e gammm.org in (non)rapporto con le avanguardie storiche, https://slowforward.files.wordpress.com/2010/03/mg_nonrapp.pdf, così come in un dibattito su Absolute poetry, di cui si è purtroppo perso il link, temo; ma in cui mi riferivo alle prose in prosa come a testi che sono “non versi in prosa, non poème en prose, non prosa lirica, non narrazione, non epica, non prosa filosofica, non prosa d’arte, non prosa assertiva-artaudiana (Noël), non frammenti/aforismi che segmentano un pensiero (Bousquet, Cioran), non voyage/onirismo (Michaux)”. (E cfr. inoltre: https://slowforward.wordpress.com/2013/07/05/corrispondenza-privata-_-1-assertivo-non-assertivo/).

Bon. A valle di questo non richiesto iter mnemotecnico, tornando a quanto dicevo, ecco: “informale freddo”, “cambio di paradigma”, “loose writing”, “non assertività”, così come altre espressioni che mi è capitato di usare o addirittura coniare (penso anche a vocaboli inglesi: “installance”, “to drawrite”), non sono categorie, non vogliono essere scatole, definizioni. Vengono usate come tali, spesso. Ma sono, probabilmente, ambienti, costantemente dotati di tutti i comfort dubitativi degli ambienti che – da architetto deviante – escogito.

Abitare in un ambiente provvisorio e dubitante collide spesso con l’intento di mettervi radici, o di sedersi comodi. Il dubbio serve a questo: a non fermarsi troppo, e a non sentirsi troppo a proprio agio. Autori o critici stanziali, invece, si trattengono, o al contrario scappano a gambe levate come si fosse intenzionati a vender loro una casa infestata.

A scanso di equivoci (che rimarranno, temo) qui reinsisto: le espressioni sopra elencate sono espressioni, non scatole. Non vorrebbero essere categorie. Tuttavia sono e fanno “critica”, quindi sono a loro volta asseveranti, assertive (con quota d’ombra). È evitabile? Non credo.

(Ma si tratta di critica, appunto, non di prose o poesie…)
_

“zong!”, di m. nourbese philip (benway series, 2021)

Marlene NourbeSe Philip,
ZONG! Come narrato all’autrice da Setaey Adamu Boateng.
Traduzione: Renata Morresi.
Traduzione di «Notanda» e di «Gregson vs Gilbert»: Andrea Raos.
Traduzione di «Ẹbọra»: Mariangela Guatteri.
Colorno : Tielleci, 2021. – 236 p. ; 26 cm.
(Benway Series ; 15).
978-88-98222-50-6
benwayseries.wordpress.com/2021/07/03/m-nourbese-philip-zong-benway-series-15/

Logo Canada ca

We acknowledge the support of the Canada Council for the Arts for this translation.

*

La Zong era una nave inglese della compagnia Gregson, dedita alla tratta degli schiavi lungo le rotte atlantiche. Nel 1781, in navigazione dallAfrica verso la Giamaica, la nave trasportava 442 persone imprigionate nella stivaA causa di problemi legati al calcolo errato della rotta, allo scarseggiare delle scorte d’acqua, alle patologie di cui si temeva il propagarsi e alle condizioni critiche di chi era a bordo, il capitano e la sua ciurma decisero di gettare in mare parte del carico umano trasportato: prima le donne e i bambini, poi gli uomini. Scomparvero circa duecento persone. Al ritorno a Liverpool i proprietari intentarono una causa di risarcimento nei confronti dell’assicuratore.

A partire da quel che rimane dei verbali della causa (due pagine scarne), in Zong! l’autrice canadese M. NourbeSe Philip ha distillato ed espanso un’opera che cerca di riesumare quei defunti, anzi, come ci dice nelle note, di «esacquare» le loro spoglie sparse nell’Oceano. Philip dà forma a una storia che «non può essere narrata eppure deve essere narrata, ma solo tramite il suo de-narrare»

M. NourbeSe Philip, come Reznikoff, di formazione è avvocato. E Zong!, come Holocaust, è stato scritto sulla base di documenti legali. Ma Reznikoff partiva da 15.000 pagine e le concentra oltre il concepibile; Philip invece parte da due paginette scarse e le fa deflagrare in mille direzioni e dimensioni.
Due procedimenti in apparenza identici, in realtà opposti. Da una parte il nucleo di un pianeta, dall’altro una supernova – o un oceano.

[Andrea Raos]

 

the we grrr ironing think / jim leftwich and jeff crouch, 2021

https://archive.org/details/2021-the-we-grrr-ironing-think-jeff-crouch-jim-leftwich/mode/2up

here it is too:

Fai clic per accedere a 2021-the-we-grrr-ironing-think-jeff-crouch-jim-leftwich.pdf

(slowforward.files.wordpress.com/2021/07/2021-the-we-grrr-ironing-think-jeff-crouch-jim-leftwich.pdf)

dal “sommario dei luoghi comuni”, di michele zaffarano

a integrazione di questo video di presentazione,
alcuni testi da Sommario dei luoghi comuni,
di Michele Zaffarano
(Aragno, collana ‘I domani’, Torino, 2019):

leparoleelecose.it/?p=35645

_

per giuliano mesa: alcuni link

https://puntocritico2.wordpress.com/2013/07/16/loredana-magazzeni-intervista-a-giuliano-mesa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2013/03/21/parole-e-parentesi-comunicando-risposte-a-un-questionario-di-versodove-1998/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/05/14/domande-da-samuel-beckett/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/04/28/tre-lemmi-2007/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/04/26/dire-il-vero-appunti-2001/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/04/24/frasi-dal-finimondo/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/12/05/ad-esempio-la-scoperta-della-poesia/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/10/04/i-fuochi-e-lombra-su-edoardo-cacciatore/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/01/21/nel-camminare-accanto-piccola-fabrica-per-biagio-cepollaro/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/09/27/lultimo-dei-modernisti/

https://puntocritico2.wordpress.com/2013/06/07/lepoca-di-unepoche-giuliano-mesa-e-la-storia/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/08/15/il-campo-dopo-la-battaglia-la-poesia-di-giuliano-mesa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/07/04/recensione-a-giuliano-mesa-poesie-1973-2008-la-camera-verde-roma-2010/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/02/04/cosa-resta-giuliano-mesa-35-anni-di-poesia-qualcosa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/02/09/visione-voce-dovere-il-tiresia-di-giuliano-mesa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/03/04/recensione-a-giuliano-mesa-poesie-1973-2008-la-camera-verde-2010/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/12/17/il-canto-dellorrore-appunti-sul-tiresia-di-giuliano-mesa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/10/14/semantica-e-sintassi-beckettiana-in-gabriele-frasca-e-giuliano-mesa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/09/24/voce-residua-improvviso-per-giuliano-mesa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/09/15/mesa-e-di-ruscio-dittico-degli-insubordinati/

https://puntocritico2.wordpress.com/2016/01/11/le-poesie-italiane-di-questi-anni-2/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/08/29/bandella-del-libro-167-di-giuliano-mesa-la-camera-verde-2007/

https://puntocritico2.wordpress.com/2012/03/09/mesa/

https://puntocritico2.wordpress.com/2013/06/10/non-vorra-venirmi-a-dire-che-tiresia-e-lei-tiresia-narrativita-e-tragico/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/02/04/il-corpo-della-lingua-soluzioni-anti-liriche-della-poesia-contemporanea-italiana/

https://puntocritico2.wordpress.com/2011/01/13/per-a-delo/

 

“prosa in prosa” minaccia il pianeta, nuovi scudi protettivi ci difendono

Il libro Prosa in prosa, vi informo, è diventato un riferimento imprescindibile anche per chi deve parlare di tutt’altro, per esempio di racconti: https://www.doppiozero.com/materiali/massimo-gezzi-le-stelle-vicine. Mi aspetto che un giorno di questi in televisione, mentre uno chef fa una frittata con le cipolle, si fermi un istante e guardando in camera enunci con severità: attenzione, questo piatto è l’esatto opposto di Prosa in prosa.
Sui biscotti, nei supermercati, campeggerà – accanto a “gluten-free” – un rassicurante “NON CONTIENE PROSA IN PROSA”.