Archivi tag: art

social holes / differx. 2023

sfilato siciliano/ enzo patti. 2023

.

l’arte irregolare @ rai radio techetè: dal 30 gennaio al 3 febbraio

A Rai Radio Techetè, dal 30 gennaio al 3 febbraio Speciale sull’Arte Irregolare, a cura di Francesca Vitale, con materiali d’archivio, molto interessanti (le prime due puntate con interventi in RadioRai di Bianca Tosatti, storica e critica d’arte, massima esperta di arte irregolare, termine da lei coniato, in sostituzione di art brut). Ci sarà poi Cesare Zavattini che presenta ed intervista pittori. L’ ultima puntata sarà dedicata ad Alda Merini (con suoi interventi radiofonici) e alla scrittura che “salva”.
Non mancheranno interventi registrati appositamente per Techetè: nella terza puntata Paolo Restuccia con “Ritratto di Renzo Restuccia”, nella quarta un’intervista a Virgilio Mollicone dell’Associazione Ultrablu e nell’ultima Gianpaolo Mastropasqua in legame con il ricordo di Alda Merini.

Dipinto di Carlo Zinelli

pietro cascella inedito: musei di villa torlonia, roma, 2 febbraio 2023

.

“ssstay!” – 30 gennaio – collettiva – a bologna

SSSTAY!

Opening 30 gennaio 2023, h 18.00 – 21.00
30 gennaio – 7 febbraio 2023

stay
Piazza Malpighi 2/c, Bologna
(Galleria del Toro angolo Via Ugo Bassi)

cliccare per ingrandireCon opere di
S. Avveduti, A. Brighetti, L. Calori, Canemorto, D. Casini, L. Conclite,
M. Coluccio, G. De Francesco, S. Delafon, G. De Mattia, B. Enkhtur, S. Giuri, R. Maistrello, M. Pajé, M. Pierobon, L. Poncetta, A. Renzini, M. Rossignoli, L. Scotto di Luzio, I. Spinelli

Performance
30 gennaio, h 18.00-21.00 > F. Scaringello / Plastikhaare
4 febbraio, h 19.00-22.00 > F. Scaringello

the disintegration loops / william basinski. 2002-2003

 

un anno fa scompariva umberto bignardi

https://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2022/01/morto-artista-umberto-bignardi

_

i jornada internacional de poesia visual (2022): the catalogue

São Paulo (Brasil), “I Jornada Internacional de Poesia Visual: Pesquisa e Criação”.
Catalogue edited by Anderson Gomes, Julio Mendoça, Juliana Di Fiori Pondian.
Syrinx Editora, 2022.

foto di Giovanni Fontana

michele zaffarano, “periodo ipotetico”: ascolta un estratto del disco + scopri l’elenco delle opere

ascolta un estratto:

scopri l’elenco delle opere in mostra:
https://gammmorg.files.wordpress.com/2023/01/zaffaranoe280942022-23e28094opere-esposte.pdf

da oggi (h. 16-20) fino al 15 febbraio, in mostra @ AOCF58 Galleria Bruno Lisi
via Flaminia 58, Roma

a cura di Pasquale Polidori

info: https://www.instagram.com/p/CnhaDVvoieg/

_

bologna, 28 gennaio: greta schödl @ labs contemporary art

Sabato 28 gennaio 2023LABS Contemporary Art (Bologna, via Santo Stefano 38) è lieta di presentare Il segno traccia del nostro vissuto, personale di Greta Schödl, a cura di Silvia Evangelisti. La mostra, organizzata nell’ambito di ART CITY Bologna 2023 in occasione di ARTEFIERA, presenta una selezione di opere inedite.

Greta Schödl, Senza titolo, (Serie SCRITTURE), anni Ottanta pagina di libro antico, fiori, pastello, carta di riso, inchiostro di china nero, foglia d’oro, 14 x 15 cm

Nata a Hollabrunn, in Austria, nel 1929, Greta Schödl si trasferisce a Bologna alla fine degli anni Cinquanta. Attiva dagli anni Sessanta, nel 1978 partecipa alla 38ma Biennale di Venezia e nel 1981 alla Biennale di São Paulo in Brasile. Le sue opere sono presenti in diverse collezioni nazionali e internazionali oltre che in diversi musei, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, il MART di Rovereto, il MAGA di Varese, e il National Museum of Women in the Arts di Washington (USA).

Il lavoro di Greta Schödl incorpora lettere e simboli, ripetuti ritmicamente fino a renderli astratti. Forme geometriche e segni decisi si intrecciano con le parole, illuminate con foglia d’oro e fuse su diverse superfici: pagine di libri botanici, mappe, carte, foglie, pezzi di marmo, lenzuoli, che portano memoria di esistenza passata. Attraverso la combinazione di rappresentazione linguistica e visiva, Schödl cancella il significato originale delle parole e degli oggetti che usa impregnandoli di un nuovo significato. Il suo lavoro sfida i costrutti sociali del linguaggio e suggerisce forme alternative di espressione e interpretazione.

La mia ricerca è sul segno” ha detto Greta in una recente intervista. “Il segno come momento di verifica esistenziale, pensiero che diviene traccia, e la mano dell’artista, come un sismografo, trasmette sulla carta le sensazioni interne, le emozioni, i ricordi, la storia nascosta sotto la superficie del mondo: elementi che, da intermediari tra l’idea e il segno, diventano filtro all’immagine ed il percorso mentale si trasforma in tracciato manuale, luogo della riflessione, del pensiero liberato dalla mente che dilata lo spazio ed il tempo annullando i confini del campo definito (fisico) della superficie”.

La dimensione spaziale, luogo dell’accadimento creativo, allora, si dilata e si moltiplica, come in una partitura musicale, in segrete e calibratissime relazioni formali che svuotano la parola dal suo significato semantico per renderla flusso continuo di segni, per così dire, preverbali e comuni a tutti e a tutte le culture, risalendo all’origine alfabetica del linguaggio in quanto strumento primo di percezione e di comunicazione elaborato dagli uomini.

Labs Contemporary Art
Via Santo Stefano 38, Bologna
Continua a leggere

oggi, 23 gennaio, a roma, “periodo ipotetico”: michele zaffarano @ aocf58 – galleria bruno lisi

la mostra di Michele Zaffarano nel contesto del progetto Specific Reading Conditions si inaugura oggi, 23 gennaio, all’AOCF58 Galleria Bruno Lisi. contemporaneamente sarà possibile visitare il Deposito lì a fianco con le opere di Ferruccio De Filippi dedicate alla lettura

qui il comunicato stampa

https://www.pasqualepolidori.net/category/deposito-solventi/

https://www.facebook.com/depositosolventi

cliccare per ingrandire

cliccare per ingrandire

images d’un monde visionnaire / henri michaux, éric duvivier. 1963

In 1964, Sandoz, the company that first synthesized LSD in 1938, commissioned Belgian poet and painter Henri Michaux (24 May 1899 – 19 October 1984) to create a film to show the power of hallucinogenic drugs

sam woolfe’s interview to tim gaze

https://www.samwoolfe.com/2023/01/interview-tim-gaze-asemic-writing.html

amanda wasielewski, “computational formalism” (mit press)

Computational Formalism.
Art History and Machine Learning
By Amanda Wasielewski

200 pp., 4 color ill., 6 b&w ill.

How the use of machine learning to analyze art images has revived formalism in art history, presenting a golden opportunity for art historians and computer scientists to learn from one another.

Though formalism is an essential tool for art historians, much recent art history has focused on the social and political aspects of art. But now art historians are adopting machine learning methods to develop new ways to analyze the purely visual in datasets of art images. Amanda Wasielewski uses the term “computational formalism” to describe this use of machine learning and computer vision technique in art historical research. At the same time that art historians are analyzing art images in new ways, computer scientists are using art images for experiments in machine learning and computer vision. Their research, says Wasielewski, would be greatly enriched by the inclusion of humanistic issues.
The main purpose in applying computational techniques such as machine learning to art datasets is to automate the process of categorization using metrics such as style, a historically fraught concept in art history. After examining a fifteen-year trajectory in image categorization and art dataset creation in the fields of machine learning and computer vision, Wasielewski considers deep learning techniques that both create and detect forgeries and fakes in art. She investigates examples of art historical analysis in the fields of computer and information sciences, placing this research in the context of art historiography. She also raises such questions as which artworks are chosen for digitization, and of those artworks that are born digital, which works gain acceptance into the canon of high art.

https://mitpress.mit.edu/9780262545648/computational-formalism/

il nuovo spazio della galleria monitor a roma

https://www.artribune.com/arti-visive/arte-contemporanea/2023/01/galleria-monitor-20-anni-nuovo-spazio-roma/

_