alcune note sullo “zodiaco” osservando gli scatti di giaccone / giuseppe garrera. 2018


[cliccare per ingrandire a schermo intero]

Le fotografie di Fausto Giaccone ci restituiscono tutta la crudeltà (addirittura, al tempo, si parlò di immane crudeltà) e l’invidiabile arroganza dell’esposizione dello Zodiaco negli spazi di una galleria.

Il firmamento, le costellazioni, tirati giù dalle regioni siderali per far da trionfo alla fine dei tempi, delle stagioni, delle opere e dei giorni come annunciato dall’artista. Continue reading

milano, 29 gennaio: presentazione di “effemeride prini”, di luca vitone (quodlibet, 2017)

LUCA VITONE – EFFEMERIDE PRINI

Presentazione del libro
Milano, lunedì 29 gennaio 2018, h 18:30
C/O Careof
La Fabbrica del Vapore

via Procaccini, 4

conversazione con: Marco Belpoliti, Giuseppe Garrera, Elio Grazioli, Gabriele Guercio e Luca Vitone.

Il libro, in forma di diario, racconta un’attesa e un incontro mancato.
La storia si svolge nell’arco di tre mesi, il tempo che Luca Vitone trascorse da ospite a Roma, grazie a una residenza presso l’Accademia Americana, nell’autunno del 2008.

 

> evento facebook <

La Fabbrica del Vapore
via Procaccini, 4
20154 Milano
Apertura: lunedì – venerdì
11:00 – 19:00

25 gennaio, roma: inaugurazione di “magma. il corpo e la parola nell’arte delle donne tra italia e lituania dal 1965 a oggi”

L’inaugurazione della mostra MAGMA. Il corpo e la parola nell’arte delle donne tra Italia e Lituania dal 1965 ad oggi si terrà il 25 gennaio 2018 presso l’Istituto Centrale per la Grafica di Roma (via Poli 54).

Il progetto MAGMA, il cui titolo riprende quello di una delle prime rassegne al femminile  curata da Romana Loda nel 1977, intende approfondire la nascita e l’origine dell’arte femminista e del femminismo in Italia, mettendole a confronto con le origini e le diverse condizioni del femminismo Lituano, nato in anni molto più recenti, così da aprire nuove e più documentate prospettive di studio che approfondiscano una delle pagine più originali e controverse della nostra storia recente.  Il titolo si rifà anche alla materia viva che brucia sotto la terra come il messaggio che si evince dalle opere delle più di quaranta artiste in mostra, ma può essere letto e scomposto in sillabe differenti: MA – MA che si riferiscono alla donna come mamma e la G nel mezzo che rimanda al corpo di una donna.

MAGMA è la seconda parte, ampliata con una selezione di più di 60 opere, del progetto già iniziato nell’aprile del 2017 presso la National Gallery of Art di Vilnius.

Comunicato stampa 
INVITO