Archivi tag: Brunella Antomarini

12-13 dicembre: Stati complementari della poesia

STATI COMPLEMENTARI DELLA POESIA è ospitato da Incontri Festival 2020 – Orizzonte multiplo, progetto vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020-2021-2022 e curato da MRF5 srl.

Il primo evento (2020) è fissato per sabato 12 e domenica 13 dicembre, su ZOOM e in contemporanea sul sito https://statidellapoesia.it, sulla pagina https://www.facebook.com/statidellapoesia/, e sul canale YouTube https://www.youtube.com/channel/UCLjSD5KCVcYx74ailWJUjfw

Nei due pomeriggi si ascolteranno alcuni poeti della generazione dei nati fra gli anni Ottanta e Novanta (in rapporto con la generazione nata fra i Sessanta e i Settanta ovvero i quaranta-cinquantenni).

leggeranno:
Maddalena Bergamin, Simone Burratti, Tommaso Di Dio, Niccolò Furri, Carmen Gallo, Simona Menicocci, Silvia Salvagnini, Simone Savogin, Gabriele Stera, Fabio Teti, Francesco Maria Tipaldi, Julian Zhara

oltre agli organizzatori interverranno i critici:
Brunella Antomarini, Roberto Batisti, Cecilia Bello Minciacchi, Andrea Cortellessa, Massimo Gezzi, Paolo Giovannetti, Marianna Marrucci, Fabrizio Miliucci, Gian Luca Picconi, Luigi Severi, Italo Testa

> sabato 12 dicembre
letture degli autori e dialogo
a partire dalle ore 16:20
con una pausa tra le 18:15 e le 18:45
per poi riprendere fino alle 20:30

e dalle ore 21:00
lettura di poesie di Carlo Bordini
con Silvia Bordini, Myra Jara, Massimo Barone, Francesca Santucci, il gruppo exArgot e alcuni dei poeti invitati

> domenica 13 dicembre
lettura degli autori invitati e dialogo
a partire dalle ore 16:30 fino alle 20:30
con una pausa tra le 18:15 e le 18:45

organizzazione e cura di exArgot,
e in particolare, per questo evento, di
Maria Grazia Calandrone, Maria Teresa Carbone, Fiammetta Cirilli, Elisa Davoglio, Marco Giovenale, Massimiliano Manganelli, Giulio Marzaioli, Renata Morresi, Vincenzo Ostuni, Laura Pugno, Lidia Riviello, Franca Rovigatti, Sara Ventroni, Michele Zaffarano

*

https://statidellapoesia.it
https://www.facebook.com/statidellapoesia/
https://facebook.com/exargot

Incontri Festival 2020 – Orizzonte Multiplo, organizzato da MRF5 srl. Il progetto è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020-2021-2022, fa parte di ROMARAMA 2020, il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

 

il centro di poesia e scritture contemporanee

Centro Poesia Cover_2020

Il Centro di Poesia e Scritture Contemporanee nasce a partire dall’esperienza del corso Verso dove? – Orientarsi nella poesia contemporanea”, tenuto nella prima edizione a febbraio-giugno 2018, riproposto nella programmazione novembre 2018-maggio 2019, e poi novembre 2019-luglio 2020; da un’idea di Valerio Massaroni e Marco Giovenale, docente e coordinatore del corso, con il coinvolgimento di molti autori invitati come studiosi e critici.

L’obiettivo del Centro è quello di valorizzare la ricchezza della poesia e delle scritture contemporanee, con un’attenzione particolare a esperienze e percorsi recentissimi, sperimentali e non.

*

Tra i docenti invitati a tenere lezioni o interventi al corso:
Damiano Abeni, Brunella Antomarini, Cecilia Bello Minciacchi, Emanuele Bevilacqua, Maria Borio, Franco Buffoni, Maria Grazia Calandrone, Benedetta Cascella, Claudia Crocco, Giuseppe D’Acunto, Elisa Donzelli, Giuseppe Garrera, Maria Cristina Giorcelli, Paolo Giovannetti, Marco Giovenale, Andrea Inglese, Federico Italiano, Luigi Magno, Guido Mazzoni, Massimiliano Manganelli, Valerio Massaroni, Camilla Miglio, Rossella Or, Tommaso Ottonieri, Giorgio Patrizi, Andrea Pitozzi, Gilda Policastro, Lidia Riviello, Luigi Severi, Gianluigi Simonetti, Valentina Tanni, Stefano Tedeschi. E i curatori della raccolta di saggi Sistema periodico. Il secolo interminabile delle riviste (Pendragon, 2018): Eleonora Fuochi, Francesco Bortolotto, Davide Antonio Paone e Federica Parodi.

Alcuni autori invitati a leggere:
Damiano Abeni, Antonella Anedda, Cristina Annino, Nanni Balestrini, Carlo Bordini, Stefano Dal Bianco, Biancamaria Frabotta, Giovanna Frene, Federico Italiano, Fabrizio Lombardo, Vittoriano Masciullo, Vincenzo Ostuni, Laura Pugno, Sergio Rotino, Sara Ventroni, Michele Zaffarano. E gli autori del XIV Quaderno di poesia (Marcos y Marcos).

Alcuni editori:
Arcipelago Itaca, Aragno, Donzelli, Empiria, IkonaLíber, Tic.

>>> Il Centro è costantemente attivo in rete, e prevede novità per i prossimi mesi, sia che la situazione d’emergenza legata alla pandemia continui, sia che – sperabilmente – venga ad attenuarsi. Il Corso di poesia e scritture contemporanee riprenderà, ragionevolmente, tra la fine dell’anno e l’inizio del 2021 <<<

Marco Giovenale e Valerio Massaroni

https://www.facebook.com/poesiaescritture/

https://www.facebook.com/groups/gruppo.centro.poesia.scritture

_

 

21 ottobre, upter (roma): kerouac e la beat generation. incontro con brunella antomarini ed emanuele bevilacqua

Il Centro di poesia e scritture contemporanee dell’Upter – Università Popolare di Roma ricorda con un evento speciale la vita e l’opera di Jack Kerouac (USA 12 marzo 1922 – 21 ottobre 1969), romanziere e poeta americano che, assieme al gruppo di artisti e attivisti della Beat Generation, ha profondamente influenzato la cultura del secondo Novecento, proponendo una visione della vita e dell’arte i cui segni sono tangibili ancora oggi.

Ne parleremo con Brunella Antomarini ed Emanuele Bevilacqua.
Coordinano Marco Giovenale e Valerio Massaroni

LUNEDÌ 21 OTTOBRE 2019, ORE 17:30
PALAZZO ENGLEFIELD
Roma, Via Quattro Novembre 157 – Sala grande, III piano

https://www.facebook.com/events/398934661015084

ingresso libero

*

Per l’occasione saranno anche esposti e visibili/sfogliabili vari materiali legati alla Beat generation, gentilmente messi a disposizione da Angelo Calandro.

* * * Continua a leggere

oggi mariangela guatteri allo studio campo boario: “tecniche di liberazione”

OGGI, venerdi 30 novembre 2018
alle ore 18 @ Studio Campo Boario
(Roma, Viale Campo Boario 4a)

una conversazione con
Arturo Mazzarella, Brunella Antomarini, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri

su

Mariangela Guatteri,
Tecniche di liberazione = Techniques de libération

Traduction française: Michele Zaffarano.
Colorno : Tielleci, 2017. – 152 p. : ill. ; 19,5 cm.
(Benway Series ; 10).

https://benwayseries.wordpress.com/2017/11/04/mariangela-guatteri-tecniche-di-liberazione-techniques-de-liberation-benway-series-10/

comunicato stampa:
https://slowforward.files.wordpress.com/2018/11/comunicato-stampa-tecniche-di-liberazione-2.pdf

evento facebook:
https://www.facebook.com/events/983698245165322/

30 novembre, studio campo boario: mariangela guatteri, “tecniche di liberazione”

Roma, venerdi 30 novembre 2018
alle ore 18 @ Studio Campo Boario
(Viale Campo Boario 4a)

una Conversazione con
Arturo Mazzarella, Brunella Antomarini, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri

su

Mariangela Guatteri,
Tecniche di liberazione = Techniques de libération

Traduction française: Michele Zaffarano.
Colorno : Tielleci, 2017. – 152 p. : ill. ; 19,5 cm.
(Benway Series ; 10).

https://benwayseries.wordpress.com/2017/11/04/mariangela-guatteri-tecniche-di-liberazione-techniques-de-liberation-benway-series-10/

comunicato stampa:
https://slowforward.files.wordpress.com/2018/11/comunicato-stampa-tecniche-di-liberazione-2.pdf

evento facebook:
https://www.facebook.com/events/983698245165322/

the work of art in post-human times

THE WORK OF ART IN POST-HUMAN TIMES

Aesthetics Workshop Organized by
Brunella Antomarini & Stefan Lorenz Sorgner
Saturday September 8, 2018 – from h 12pm
John Cabot University
Aula Magna Regina, Guarini Campus, Via della Lungara 233 – Rome

all the info in this PDF

_

“after lorca”, di jack spicer: il 21 a bologna, il 25 a roma

Finalmente tradotto in italiano l’esordio letterario del poeta americano Jack Spicer: After Lorca (1957)

presentazioni imminenti:

21 Giugno, ore 19 | Libreria MODO Infoshop – Via Mascarella, 24/b, Bologna
Interverranno: Stefano Colangelo, Andrea Franzoni, Fabio Orecchini
https://www.facebook.com/events/251831978710569/

25 Giugno, ore 21 | “Letture d’estate” – Giardini di Castel Sant’Angelo, Roma
Interverranno: Paul Vangelisti, Brunella Antomarini, Marco Giovenale, Luigi Severi,
Andrea Franzoni, Fabio Orecchini
https://www.facebook.com/events/458970994543196/

il libro è una pubblicazione della rivista Argo:
https://www.facebook.com/CollanaArgo/posts/247829719306450

oggi, 21 febbraio, a roma: presentazione di “naufragio del singolare”, di george oppen

a Roma, mercoledì 21 febbraio, alle ore 17:30
presso la Casa delle Letterature
(piazza dell’Orologio 3)

Presentazione del libro

Naufragio del singolare

poesie di George Oppen

con disegni di Alex Katz

Edizioni Galleria Mazzoli
– Modena –

a cura di Brunella Antomarini e Paul Vangelisti
traduzione di Pietro Traversa

intervengono i curatori, con Marco Giovenale e Lidia Riviello

§

George Oppen (1908-1984) pubblica a New York nel 1934 il suo primo libro, Discrete Series (con l’introduzione di Ezra Pound), e con i poeti Louis Zukofsky e Charles Reznikoff lancia la casa editrice Objectivist Press. A questo gruppo “oggettivista” aderiscono gli stessi Zukofsky e Reznikoff, e anche Carl Rakosi, William Bronk e Lorine Niedecker. Il movimento perde il suo slancio verso la fine degli anni ’30, e vari membri del movimento (sopratutto Oppen e Rakosi) lasciano la poesia per l’azione politica. Nel 1942, all’età di 34 anni, Oppen si arruola volontario nell’esercito. Dopo la guerra vive a Brooklyn, dove lavora come carpentiere e poi, temendo che il suo passato politico possa attirare l’attenzione del Senato di Joseph McCarthy, si trasferisce in Messico nel 1952. Nel 1958 ritorna negli Stati Uniti e alla poesia, dove si rimette a scrivere dopo un’interruzione di 24 anni. Nel 1962 pubblica The Materials, seguito da This in Which nel 1965, e nel 1969 il poema Of Being Numerous, con il quale vince il Premio Pulitzer. Nel 1967 si trasferisce a San Francisco dove pubblica Seascape: Needle’s Eye (1972), e cura e dà alla stampa The Collected Poems of George Oppen, 1929-1975 (1975). Mentre lavora al suo ultimo libro, Primitive (1978), Oppen inizia a soffrire i primi sintomi dell’Alzheimer e muore, nel 1984, per le complicazioni della malattia.

_

“naufragio del singolare”, di george oppen: presentazione a roma il 21 febbraio

a Roma, mercoledì 21 febbraio, alle ore 17:30
presso la Casa delle Letterature
(piazza dell’Orologio 3)

Presentazione del libro

Naufragio del singolare

poesie di George Oppen

con disegni di Alex Katz

Edizioni Galleria Mazzoli
– Modena –

a cura di Brunella Antomarini e Paul Vangelisti
traduzione di Pietro Traversa

intervengono i curatori, con Marco Giovenale e Lidia Riviello

§

George Oppen (1908-1984) pubblica a New York nel 1934 il suo primo libro, Discrete Series (con l’introduzione di Ezra Pound), e con i poeti Louis Zukofsky e Charles Reznikoff lancia la casa editrice Objectivist Press. A questo gruppo “oggettivista” aderiscono gli stessi Zukofsky e Reznikoff, e anche Carl Rakosi, William Bronk e Lorine Niedecker. Il movimento perde il suo slancio verso la fine degli anni ’30, e vari membri del movimento (sopratutto Oppen e Rakosi) lasciano la poesia per l’azione politica. Nel 1942, all’età di 34 anni, Oppen si arruola volontario nell’esercito. Dopo la guerra vive a Brooklyn, dove lavora come carpentiere e poi, temendo che il suo passato politico possa attirare l’attenzione del Senato di Joseph McCarthy, si trasferisce in Messico nel 1952. Nel 1958 ritorna negli Stati Uniti e alla poesia, dove si rimette a scrivere dopo un’interruzione di 24 anni. Nel 1962 pubblica The Materials, seguito da This in Which nel 1965, e nel 1969 il poema Of Being Numerous, con il quale vince il Premio Pulitzer. Nel 1967 si trasferisce a San Francisco dove pubblica Seascape: Needle’s Eye (1972), e cura e dà alla stampa The Collected Poems of George Oppen, 1929-1975 (1975). Mentre lavora al suo ultimo libro, Primitive (1978), Oppen inizia a soffrire i primi sintomi dell’Alzheimer e muore, nel 1984, per le complicazioni della malattia.

_

modena, 17 febbraio: prima presentazione di “naufragio del singolare”, di george oppen

Sabato 17 febbraio 2018 ore 17.30

Salone dei Veneti – Galleria Estense

Palazzo dei Musei Largo Porta Sant’Agostino, 337 – 41121 Modena

Presentazione del libro

Naufragio del singolare

di George Oppen

disegni di Alex Katz
Edizioni Galleria Mazzoli

a cura di Brunella Antomarini e Paul Vangelisti, traduzione di Pietro Traversa

intervengono i curatori con

Mariangela Guatteri e Continua a leggere

tre saggi su “arco rovescio” (di giulio marzaioli, benway series 2014)

3saggi

http://puntocritico.eu/?p=6173

_

_

oggi, da empiria, il quinto libro benway: “arco rovescio”, di giulio marzaioli

OGGI, mercoledì 15 gennaio 2014 alle ore 18:00
Roma, presso la Libreria Empiria
(via Baccina 79)

 presentazione del libro

Arco rovescio
Inverted Arch ]

di
Giulio Marzaioli

Benway Series
(Tielleci – La Colornese)

https://www.facebook.com/events/569609336461373/

§

Sul rapporto scrittura/installazione si confronteranno
Brunella Antomarini, Teresa Iaria, Massimiliano Manganelli.

Letture dell’autore

§

Per Arco rovescio, nell’ambito dell’ingegneria delle costruzioni, si intende l’arco capovolto posto alla base di una galleria che ha la funzione di chiudere l’arco già realizzato in calotta, distribuendone gli sforzi. “Frinire” è una voce onomatopeica. La fiaba è un racconto a scopo di intrattenimento in cui prevale l’elemento fantastico e dove, a differenza della favola che ha come protagonisti quasi sempre animali, è protagonista l’uomo. Si definisce “gravità” la tendenza dei corpi materiali a cadere verticalmente al suolo, dovuta all’attrazione che la Terra esercita su di essi. Il salto indica ascensione. L’ora meridiana corrisponde alle ore 12,00 del giorno. Un salto quantico indica un passaggio repentino di un sistema da uno stato quantico ad un altro senza attraversamento di stati intermedi.

In the field of civil engineering, an inverted arch is an arch with crown downward, placed at the foundations of a tunnel to complete the spherical cap of the arch, distributing its load. Frinire (to chirp) is onomatopoeic. A fairy tale is a story told to entertain, which features fantastical elements and characters who are usually human; fables, instead, generally involve animals. Gravity is the tendency of material bodies to fall vertically to the ground, due to the attraction that the Earth exerts on them. A jump indicates ascent. The meridian hour is 12 o’ clock, midday. A quantum jump indicates a sudden shift from a quantum state to another, without passing through any intermediate states. 

Arco rovescio = Inverted Arch
English translation by Sean Mark.
Colorno : Tielleci – 96 p. : ill. ; 19,5 cm.
(Benway Series ; 5)

http://benwayseries.wordpress.com/2013/12/16/giulio-marzaioli-arco-rovescio-inverted-arch-benway-series-5/

Empirìa
Via Baccina 79 – 00184 Roma
tel. e fax 06 69940850
Direttore Editoriale: Marisa Di Iorio
Email: info [at] empiria.com

 _

rapporto scrittura-installazione

Sul rapporto scrittura / installazione: Antomarini, Iaria, Manganelli con Giulio Marzaioli, Arco rovescio, Benway 5
Mercoledì 15 a Roma @ Empiria:
http://benwayseries.wordpress.com/2014/01/06/sul-rapporto-scritturainstallazione-antomarini-iaria-manganelli-giulio-marzaioli-arco-rovescio-benway-5/

_

quinto libro benway: “arco rovescio”, di giulio marzaioli. da empiria il 15 gennaio 2014

Mercoledì 15 gennaio 2014 alle ore 18:00
Roma, presso la Libreria Empiria
(via Baccina 79)

 presentazione del libro

Arco rovescio
Inverted Arch ]

di
Giulio Marzaioli

Benway Series
(Tielleci – La Colornese)

https://www.facebook.com/events/569609336461373/

§

Sul rapporto scrittura/installazione si confronteranno
Brunella Antomarini, Teresa Iaria, Massimiliano Manganelli.

Letture dell’autore

§

Per Arco rovescio, nell’ambito dell’ingegneria delle costruzioni, si intende l’arco capovolto posto alla base di una galleria che ha la funzione di chiudere l’arco già realizzato in calotta, distribuendone gli sforzi. “Frinire” è una voce onomatopeica. La fiaba è un racconto a scopo di intrattenimento in cui prevale l’elemento fantastico e dove, a differenza della favola che ha come protagonisti quasi sempre animali, è protagonista l’uomo. Si definisce “gravità” la tendenza dei corpi materiali a cadere verticalmente al suolo, dovuta all’attrazione che la Terra esercita su di essi. Il salto indica ascensione. L’ora meridiana corrisponde alle ore 12,00 del giorno. Un salto quantico indica un passaggio repentino di un sistema da uno stato quantico ad un altro senza attraversamento di stati intermedi.

In the field of civil engineering, an inverted arch is an arch with crown downward, placed at the foundations of a tunnel to complete the spherical cap of the arch, distributing its load. Frinire (to chirp) is onomatopoeic. A fairy tale is a story told to entertain, which features fantastical elements and characters who are usually human; fables, instead, generally involve animals. Gravity is the tendency of material bodies to fall vertically to the ground, due to the attraction that the Earth exerts on them. A jump indicates ascent. The meridian hour is 12 o’ clock, midday. A quantum jump indicates a sudden shift from a quantum state to another, without passing through any intermediate states. 

Arco rovescio = Inverted Arch
English translation by Sean Mark.
Colorno : Tielleci – 96 p. : ill. ; 19,5 cm.
(Benway Series ; 5)

http://benwayseries.wordpress.com/2013/12/16/giulio-marzaioli-arco-rovescio-inverted-arch-benway-series-5/

Empirìa
Via Baccina 79 – 00184 Roma
tel. e fax 06 69940850
Direttore Editoriale: Marisa Di Iorio
Email: info [at] empiria.com

 _