roma, 14 settembre: lerner + ashbery (damiano abeni e moira egan alla libreria tlon)

https://www.facebook.com/events/175851412984094

SU ASHBERY E LERNER
Lezione gratuita di traduzione poetica e presentazione di “Le figure di Lichtenberg” di Ben Lerner

Giovedì 14 Settembre
Ore 19
Libreria Teatro Tlon
Ingresso libero

Edizioni Tlon festeggia la pubblicazione della raccolta poetica “Le figure di Lichtenberg” di Ben Lerner, primo libro della collana Controcielo, invitandovi a una lezione gratuita di traduzione poetica, che terranno i traduttori di Damiano Abeni e Moira Egan.
Con l’occasione, commemoreremo anche l’opera di John Ashbery, scomparso lo scorso 3 settembre.

Le figure di Lichtenberg sono le orme dei fulmini. Sono tracciati leggeri e felciformi, che appaiono a volte e per poco sui corpi di chi dai fulmini viene colpito.​ ​Difficile trovare un modo migliore per descrivere la poesia di Ben Lerner.​ ​In questa sua prima prova, il poeta e scrittore statunitense mescola in cinquantadue sonetti le dicotomie che appaiono a volte tra linguaggio e memoria, forma e violenza.​ ​Facendo apparire le orme delle poesie sulla pelle di chi, da quelle poesie, si lascia colpire.

Damiano Abeni, dottore in medicina e Master of Public Health, è un epidemiologo che traduce poesia americana dal 1973. Ha pubblicato alcune decine di volumi in traduzione di autori che comprendono John Ashbery, Frank Bidart, Elizabeth Bishop, Lawrence Ferlinghetti, Allen Ginsberg, Jack London, Mark Strand, Charles Simic, and C.K. Williams. È stato Literature Fellow al Liguria Study Center of the Bogliasco Foundation, Director’s Guest al Civitella Ranieri Center, Fellow al Rockefeller Foundation Bellagio Center, e Writer in Residence alla James Merrill House. È cittadino onorario per meriti culturali delle città di Tucson e Baltimora.

Il libro più recente di Moira Egan è Synæsthesium, vincitore de The New Criterion Poetry Prize (Criterion Books, 2017), da cui è tratto Olfactorium, l’edizione bilingue delle poesie dedicate al profumo, che sarà pubblicato da Pequod nel 2018. Le precedenti raccolte di poesia sono Botanica Arcana/Strange Botany; Hot Flash Sonnets; Spin; La Seta della Cravatta/The Silk of the Tie; Bar Napkin Sonnets; e Cleave. Le sue poesie sono apparse in riviste e antologie in quattro continenti. È stata Mid Atlantic Arts Foundation Fellow al Virginia Center for the Creative Arts e ha ricevuto fellowships al St James Cavalier Centre for Creativity, Malta; al Civitella Ranieri Center; al Rockefeller Foundation Bellagio Center e alla James Merrill House.

Insieme, Abeni ed Egan hanno pubblicato volumi di traduzioni da numerosi autori, tra i quali John Ashbery, John Barth, Aimee Bender, Lawrence Ferlinghetti, Anthony Hecht, Ben Lerner, Charles Simic, Mark Strand, Ocean Vuong, e Charles Wright. Le loro traduzioni si sono aggiudicato un Premio Speciale del Premio Napoli (2009, per il lavoro su Ashbery raccolto in Un mondo che non può essere migliore: Poesie scelte 1956-2007) e il Premio di Poesia La Torre dell’Orologio per L’uomo che cammina un passo avanti al buio di Mark Strand (2011).

Giovedì 14 settembre, ore 19.00 – Ingresso libero
Per info e prenotazioni: libreriateatro@tlon.it // 06 45653446
La prenotazione è vivamente consigliata.
http://libreriateatrotlon.it/eventi/su-ashbery-e-lerner/

“found in translation”: damiano abeni alla casa delle traduzioni

A Roma, presso la Casa delle traduzioni (via degli Avignonesi 32)
Govedì 22 maggio ,ore 17:30 – 19:00

Damiano Abeni
Found in translation

Intervengono Silvia Bre e Moira Egan.

Passando in rassegna il rapido catalogo di traduzioni poetiche raccolto in Caos, pendole, cocomeri – 40 anni di collaborazioni (Edizioni l’Obliquo, Brescia, 2013), si spazierà dai pentametri giambici nascosti tra i versi liberi di Walt Whitman alle Doppie Esposizioni di Greg Williamson e alle metafore esperienziali di Moira Egan, passando per i valzer di Rothke, le galoppate di Wilbur, le rime interne di Merrill, le “poesie costrette” di Snodgrass, le progressioni armoniche di Ashbery, i doppi pentametri di CK Williams, senza trascurare sonetti, sestine, villanelle.

Damiano Abeni nato a Brescia nel 1956, è epidemiologo e conduce una intensa attività di ricerca clinica, riassunta in più di 150 articoli scientifici apparsi su riviste scientifiche internazionali. Traduce poesia americana dal 1973, quando vinse una borsa di studio che gli ha permesso di studiare un anno in Arizona.  -> http://www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?contentId=NEW646226&jp_pagecode=newsview.wp&ahew=contentId:jp_pagecode

_

 

egan + abeni @ st. stephen’s cultural center foundation, rome (nov. 19th)

Rome, Tuesday, 19 November

7 p.m./19.00

Hot/Chaos: Poetry &/in Translation

featuring
Hot Flash Sonnets by Moira Egan
Caos, Pendole, Cocomeri by Damiano Abeni

*

St. Stephen’s Cultural Center Foundation

viale Aventino, 17
at the corner with via Aventina
(the white building just behind the petrol station)

_

“cinque testi tra cui gli alberi (più uno)” = “five pieces, trees included (plus one)”

5testi

Michele Zaffarano,
Cinque testi tra cui gli alberi (più uno)
=
Five Pieces, Trees Included (Plus One).
English translation by Damiano Abeni (with Moira Egan).
Colorno : Tielleci, 2013. – 96 p. : ill. ; 19,5 cm.
(Benway Series ; 2).
978-88-98222-05-6

preview:
http://issuu.com/benwayseries/docs/zaffarano_cinquetesti_anteprima_it
richieste:
http://benwayseries.wordpress.com/modulo-richiesta-libri-benway-series/

presentazioni: