Category Archives: asemic

euo210119 / miron tee. 2021

installance # i.0151

installance n. : # 0151
type : asemic texts on transparent plastic strip
size : unknown
records : highres shot
additional notes : abandoned
date : Jan. 15th, 2020
time : 11:27am
place : viale dei Quattro venti, Rome
note : none

cecil touchon interviewed by pierre gervois

Cecil Touchon was Born in 1956 in Austin, Texas is a contemporary American collage artist, painter, published poet, and theorist living in Santa Fe, New Mexico. Co-founder of the International Post-Dogmatist Group, Touchon is director of the group’s Ontological Museum, Founder of the International Museum of Collage, Assemblage, and Construction, and founder of the International Society of Assemblage and Collage Artists. Cecil Touchon is best known for his Typographic Abstraction works that ‘Free the letters from their burden of being bearers of meaning”.

Touchon co-founded the International Post-Dogmatist Group (IPDG) in 1987. Primarily an alternative to a post-modernist view of the world, the group’s writings suggest that creativity and artistic pursuits must be based in a recognition of the spiritual underpinnings of all human activities. The IPDG addresses itself to the art world through a presentation of itself as the ‘official avant-garde’ creating an elaborate bureaucratic structure of outlandish sounding offices through which the various members communicate simulating ‘the establishment’ as a form of parody.

In 2005 an exhibition was held in Cuernavaca, Mexico entitled “Cecil Touchon – Thirty Years of Fluxing Around” in which art works and scores dating as early as 1975 were exhibited showing the fluxus tendency in Touchon’s work over the last thirty years. Touchon has never been formally associated with the Fluxus group until the year 2000 with his participation in the Fluxlist – an email group where the current generation fluxus artists interact and collaborate. In 2002 Touchon, with a number of other artists from the Fluxlist established the Fluxnexus – a group of artists working together on various new Fluxus projects including a new Fluxus performance workbook. In 2006 Touchon established the FluxMuseum in order to assemble and archive samples of works by contemporary 21st Century Fluxus artists. The central focus of the Fluxmuseum has been the creation of Fluxus related publications and curating and mounting international exhibitions of Fluxus art called Fluxhibitions.

Interviewed by Pierre Gervois.

https://ceciltouchon.com/

altre due recensioni alla mostra “scrivere disegnando”

https://aworkstation.com/when-writing-has-no-meaning/ 

&

artviewer.org/scrivere-disegnando-at-centre-dart-contemporain-geneve/

al centro pecci di prato: musei di carta

da https://www.exibart.com/musei/centro-pecci-la-programmazione-2021-le-parole-di-cristiana-perrella/

Musei di carta. Storie di musei e archivi, opere e documenti

Progetto in collaborazione fra CID/Arti visive – Centro di informazione e documentazione del Centro Pecci di Prato e CRRI – Centro di Ricerca Castello di Rivoli

«Prosegue il programma di mostre ideato da Cristiana Perrella dedicato ad approfondire temi, periodi e linguaggi della collezione del Centro Pecci, affidandone la cura a un esperto invitato come guest curator e affiancato dal responsabile delle collezioni e archivi Stefano Pezzato.
Il progetto espositivo proposto rappresenta la prima collaborazione che mette in relazione i centri di ricerca di Rivoli e del Pecci (dopo una precedente collaborazione in occasione della mostra di Mario Merz nel 1990) ed è rivolto a investigarne funzioni pubbliche e metodologie di ricerca, portando l’attenzione del pubblico verso quei patrimoni di opere, documenti e conoscenze che gli archivi museali pubblici e privati conservano, studiano e promuovono e, quindi, analizzando l’articolato rapporto fra l’identità del museo e la dimensione dell’archivio.
Opere e documenti in mostra provengono, oltre che dalle collezioni del Centro Pecci (fra cui una selezione di libri d’artista relativi al progetto Di carta e d’altro, 1994, e di “Poesia Visiva” relativi ai progetti Primo Piano. Parole, azioni, suoni, immagini da una collezione privata, 2006; Parole contro 1963-1968. Il tempo della poesia visiva, 2009 e Controcorrente: riviste, dischi e libri d’artista nelle case editrici della poesia visiva italiana, 2012) e del Castello di Rivoli (fra cui una selezione di libri d’artista), anche da altri musei e archivi privati, partner del progetto e accostati per l’occasione ai due centri di ricerca museali pubblici: Archivio Schema, Collezione Palli, Fondazione Bonotto, Fondazione Morra, Collezione Gianni e Giuseppe Garrera».

“glitchasemics” @ new year’s eve

http://postasemicpress.blogspot.com/2020/05/glitchasemics-by-marco-giovenale-is.html

Glitchasemics

https://postasemicpress.blogspot.com/2020/09/note-su-glitchasemics-di-marco.html

https://slowforward.net/2020/05/19/glitchasemics-by-mg/

http://eexxiitt.blogspot.com/2020/05/glitchasemics-post-asemic-press.html

amazon.it/GLITCHASEMICS-Marco-Giovenale/dp/1734866209

_

utilities da cb ad uso degli scrittori (non assertivi)

nelle scritture di ricerca contemporanee, non assertive, sono non pochi i fili del tessuto (annodato/sciolto) che viene da CB. (o che a quello trovo personalmente sia necessario vengano connessi).

la distinzione netta (già lacaniana) tra Moi e Je, con il verbigerare del soggetto dell’inconscio in primo piano. (che poi è sempre un piano inclinato, sbagliato, de-pensato per farlo finire fuori scena).

l’errore, lo scivolamento, il mancare del testo-gesto azione a favore del continuo sgretolarsi dell’atto. (a-temporalmente: aion che smentisce sé e scavalca chronos).

l’ironia, e il ridere di sé. e finalmente la caduta della malsana abitudine di dare appuntamento al lettore là dove il lettore già è.

la buona prassi di procedere frontalmente “contro la riproduzione” (come scriveva Corrado Costa nella Sadisfazione letteraria, 1976). altro modus operandi del contrasto alla “rappresentazione”.

l’articolare il linguaggio come un inconscio. (con l’aggiunta, direi, di un elemento nodale: spostare l’inconscio fuori dal corpo-storia dello scrivente. anche google è meglio del miglior scrittore).

la (deleuziana) intenzione anzi prassi di parlare la propria lingua dall’interno ma come una lingua minore.

agire – che è straparlare – da minori (Kleist, forse, non Goethe) e intempestivi, senza cognizione di storia.

lo spostamento del bersaglio fuori dal logos, per poi mancare anche lo spostamento stesso.

(in arte, poi/insieme, il glitch ossia l’errore; e l’asemic writing, ossia l’illeggibile).

antonio syxty intervista mg sulle reti della ricerca letteraria

bio as an artist (in english & italian)

romeartweek.com/en/artists/?id=1969&ida=1533

romeartweek.com/it/artisti/?id=1969&ida=1533

 _

post-asemic press sound poetry

https://post-asemicpress.bandcamp.com/

Post-Asemic Press is a book publisher of asemic writing and beyond. It is based out of Minneapolis and is run by Michael Jacobson. The Bandcamp site will be for sonic works of sound poetry and experimental poetry and other related forms. Here is the Post-Asemic Press blog: postasemicpress.blogspot.com

_

4A4 – giardino reci(n)tato / differx. 2020

per l’iniziativa Paradise room – il paradiso e le sue rappresentazioni, prevista a partire dal 26 ottobre allo Studio Campo Boario (e purtroppo sospesa per via delle disposizioni pubbliche recenti, relative alla pandemia), ecco la presentazione del mio intervento/installazione/performance di natura verbovisiva, che (ipotizzo) diventerà un video:

Click to access 4a4-giardino-recintato_-differx-2020.pdf

un’opera di emilio villa in “verso la poesia totale”, di adriano spatola (prima ed., rumma, 1969)