Archivi tag: Israele

sabra e chatila, genet (2022), e nuove acquisizioni di documenti (2018)

https://orientxxi.info/magazine/articles-en-italien/sabra-e-chatila-genet-scavalcava-i-morti-come-si-varca-un-abisso,5867

di Françoise Feugas
(traduzione italiana di Luigi Toni)

*

e, assolutamente da leggere:

https://orientxxi.info/lu-vu-entendu/nouvelles-revelations-sur-les-massacres-de-sabra-et-chatila,2688

su aavaz: intervenire subito per fermare l’aggressione a gaza

https://secure.avaaz.org/campaign/it/palestine_sheikh_jarrah_sig_loc

Siamo sull’orlo di una vera e propria guerra tra Israele e Palestina.

31 bambini palestinesi sono già stati uccisi, così come molte madri. Centinaia di feriti.

L’escalation armata cresce. Velocemente.

Alla radice di tutto c’è l’occupazione israeliana illegale della Palestina e decenni di feroce oppressione del popolo palestinese, che Human Rights Watch ha appena denunciato come “crimini contro l’umanità“.

Tutto è iniziato lì ed è lì che deve finire.

Forse l’unico modo per fermare gli sfratti violenti dei palestinesi dalle loro case, la sopraffazione quotidiana di famiglie innocenti, il lancio di razzi di Hamas e il bombardamento israeliano di Gaza, è rendere il costo economico di questo conflitto troppo alto.

È esattamente quello che ha contribuito ad abolire l’apartheid in Sud Africa, e può farlo anche qui.

Abbiamo appena raggiunto 2 milioni di firme. Unisciti al nostro appello per chiedere sanzioni contro Israele per aver violato il diritto internazionale e commesso crimini contro l’umanità. Facciamo che sia un momento di svolta decisivo.

_

b’tselem calls israel’s policy of occupation “apartheid”

source: facebook.com/186525784991/posts/10160555848604992/

Yesterday, B’Tselem בצלם, the largest human rights group in Israel, published a paper declaring a shift in their language from describing Israel as a ‘prolonged occupation’ to describing it as apartheid. This is an important win for the Palestine movement and a demonstration of the power of Palestinian organizers who have for decades been calling the Israeli state what it is, an apartheid regime.

“Calling things by their proper name – apartheid – is not a moment of despair: rather, it is a moment of moral clarity, a step on a long walk inspired by hope. See the reality for what it is, name it without flinching – and help bring about the realisation of a just future.”

SEE https://www.theguardian.com/commentisfree/2021/jan/12/israel-largest-human-rights-group-apartheid

violenze e tafferugli contro la scuola di gomme e gli abitanti del villaggio

“[…] Israele ha deciso di rendere effettiva già da oggi la dichiarazione di ‘area militare’ dell’intera zona, impedendo di fatto quindi l’accesso a qualsiasi persona. Oggi infatti era prevista la visita di una folta delegazione di consoli, a cui però è stato impedito l’accesso.
Stamattina sono arrivati a Khan al Ahmar i consoli di Italia, Francia, Svezia, Belgio, Norvegia, Svizzera, Finlandia. E’ stato intimato loro dai militari di andarsene, nessuno è potuto entrare nel villaggio. Hanno comunque incontrato la comunità, esprimendo loro solidarietà e ribadendo l’importanza del rispetto del diritto internazionale […]”

L’aggiornamento completo è qui:
https://www.change.org/p/13216725/u/22972294

Le conseguenze (fonte: facebook.com/MiddleEastEye)

franco fortini sul “manifesto”, 24 maggio 1989

fortini

http://www.larivistadelmanifesto.it/archivio/21/21A20011008.html

_