Archivi tag: poesia italiana contemporanea

utili sussidi: un tutorial gratuito per raggiungere anche semplicemente a piedi la prosa in prosa

Già da novembre 2020 era disponibile. Lo ripropongo ora con rinnovato entusiasmo: https://slowforward.files.wordpress.com/2020/11/trailer-prosa-in-prosa_-navigatore_-differx-2020.mp3

SBAGLIARE DESTINAZIONE E RAGGIUNGERE LA PROSA IN PROSA: un tutorial GRATUITO di appena 2 minuti e 9 secondi. CLICCA subito su https://slowforward.files.wordpress.com/2020/11/trailer-prosa-in-prosa_-navigatore_-differx-2020.mp3

Ovvero qui:

*

Il tutorial è una vispa integrazione al VERO MANUALE per il raggiungimento della prosa in prosa a modico prezzo e con ogni mezzo necessario:
https://ticedizioni.com/products/prosa-in-prosa
_

oggi, 3 maggio, alle ore 18, open day del centroscritture, “conoscere e comprendere la poesia contemporanea”

Che cosa vuol dire oggi scrivere, conoscere e comprendere la poesia contemporanea? Ecco un’occasione per scoprirlo con una delle realtà italiane più attive nella formazione in letteratura, e nella promozione della poesia contemporanea. 

OGGI, lunedì 3 maggio alle ore 18 sulla pagina Facebook del CentroScritture andrà in onda, tramite StreamYard, l’OPEN DAY di presentazione del centro e delle attività di questa primavera: l’associazione, il corso di maggio, l’evento-seminario di giugno e il progetto editoriale.

Con il direttore Valerio Massaroni e il coordinatore Marco Giovenale ci saranno i docenti Maria Borio e Giovanna Frene

L’evento è libero e aperto a tutti. 

Info su www.centroscritture.it

exortatio 1 aprile (fuor di scherzo) ai critici di poesia italiana

coraggio, o critici, appena tre esempi fra tanti:
https://www.oscarmondadori.it/libri/i-nomi-e-le-voci-roberto-mussapi/

https://www.oscarmondadori.it/libri/non-finiro-di-scrivere-sul-mare-giuseppe-conte/

https://www.oscarmondadori.it/libri/apocalisse-amore-davide-rondoni/

volete iniziare o no a spiegare ai lettori che inevitabilmente tra una manciata di anni si ragionerà dello Speculum e di costoro e di tanti altri nei termini in cui si parlava e parla di Romano Battaglia, Vespa, Moccia e Coelho?

“prosa in prosa”: il trailer originale di emanuele kraushaar

rifiutate le imitazioni !

prosa in prosa: avanzamenti e linkagioni

la scheda sul sito delle edizioni TIC:

PROSA IN PROSA
Forse l’evento più rilevante degli ultimi 20 anni della poesia italiana, di Prosa in prosa, come accade con i classici, si è parlato e scritto molto di più di quanto il libro non sia stato in effetti letto. A partire da una definizione di Jean-Marie Gleize, Prosa in prosa tentava, nel 2009, anno della sua prima pubblicazione, di portare una ventata spiazzante sulla scena asfittica della letteratura italiana, attraverso il travalicamento del concetto stesso di genere letterario.

Da non confondersi assolutamente con poemetti in prosa, i testi qui compresi, installando la letteralità e l’insignificanza nel luogo in cui ci si attende massima significatività e figuralità, squadernavano le categorie con cui il pubblico legge la testualità lirica. Ma se questa rivoluzione rischia oggi di spegnersi nella generale dimenticanza, questa nuova edizione, arricchita di contenuti critici, torna a imporre il tentativo, sempre più necessario, di superare l’ultimo confine, quello tra letterario e letterale.

§

la notizia su GAMMM: 
gammm.org/2020/11/01/la-nuova-edizione-di-prosa-in-prosa-2020-e-le-19-possibili-copertine-della-precedente-2009-10/

su The Independent Project (MAXXI), che rimanda a gammm:
theindependentproject.it/events/la-nuova-edizione-di-prosa-in-prosa-2020-e-le-19-possibili-copertine-della-precedente-2009-10/

§

su YouTube:

§

audioguida su Archive.org:

§

le 19 copertine possibili della vecchia edizione (2009):

 

how to get there: un utile navigatore per raggiungere “prosa in prosa” da dove siete ora / (cc) differx. 2020

è semplicissimo: premi PLAY per raggiungere la PROSA IN PROSA

la collocazione esatta di PROSA IN PROSA:
https://ticedizioni.com/collections/vetrina/products/prosa-in-prosa

responsabilità in editoria


Torno a segnalare questo video, youtu.be/fXeTQ54-Jcg, e gli ottimi interventi di tutti gli interlocutori, per Corrado Costa e per le sue poesie giovanili pubblicate da Argo (https://www.facebook.com/argoesplora/).

Inoltre, per chi fosse interessato, segnalo e sottolineo che nel video, da 38’ 33’’ a 47’ 36’’, stringo il focus dell’attenzione su alcune scelte editoriali del passato, e sul perché una certa storia della poesia contemporanea è andata (dal punto di vista appunto editoriale/distributivo) in un certo modo e non in un altro.

Non credendo alla Provvidenza, ho ancora idea che a fare la storia siano le scelte circoscritte di persone precise, o gruppi di persone, e che di queste scelte sia opportuno prima o poi che gli attori si prendano la responsabilità. (Serenamente, s’intende, ci mancherebbe).

l’italia contro l’evoluzione della specie

facebook.com/photo.php?fbid=10156599366357212

La poesia italiana è l’unico posto del pianeta Terra dove periodicamente alla scomparsa dei dinosauri non segue il progredire dei mammiferi ma il ritorno delle trilobiti.

 

repoesia

Quella che Gleize chiama la repoesia è un po’ la regola in Italia quando la pagina casca in versi. Il bivio viene dopo. Sarà lirismo ingenuo o maturo? Come usa l’inversione questo autore qui? Le varie figure? Inventa motti ingegnosi o triti? Quanto facilmente si memorizzano? Quanto Caproni c’è dentro? Quanto Sereni? Fortini? Stop, non altro. Insomma il p(i)atto è il (ed è nel) Novecento, spezzature che non spezzano, e tutte le giuste mosse e pretese di eco, ammiccamenti di risposta, ordinatamente lanciati al lettore. E il lettore, essendo anche lui “nel” pubblico della poesia, sa cosa deve fare; l’assenso ce l’ha già pronto nello sguardo.

Così di sito in sito, di libro in libro, si sbircia a volte la continuazione del primo o medio Novecento, a volte la rimessa in onda dell’Ottocento. (Al qual non par ver di poter contar su televisori, forni a microonde, cellulari, radar, aerei, roba inedita da organizzare nei suoi metri e nelle sue “d'” – “d’amore”, “d’ossessione”, “d’eccetera”).

C’è una felicità in tutto questo, è di tipo teatrale, ma non è il teatro con spettacolo tentativamente demolito da Bene; è il teatro dello spettacolo, perché giocoforza qualcosa è pure successo, nel secolo e spiccioli che (non) è passato. O magari no, tutto è sogno, e no.