Archivi tag: poesia italiana contemporanea

le tossine del romanticismo (2)

È impensabile che un movimento di grandi dimensioni non rilasci nel tempo, anche una volta esaurito il suo senso storico, le proprie tossine. Eventi profondi hanno logicamente conseguenze di lunga durata. Così il Romanticismo. Che infatti periodicamente si ripropone, addirittura in un secolo, come il Novecento, che di suo ha fatto di tutto per affrancarsene.

Ed è così che nei poeti italiani, segnatamente negli anni Ottanta, in termini di poetica e insieme di editoria (Mondadori, Specchio, orfismi ecc.), e poi da circa cinque-sei anni in qua, ad opera di generazioni nuove che un tempo sarebbero rimaste fisse e senza eco, in un coltivato sottobosco, si produce e riproduce neoromanticismo.

E poiché questo ha – come alleati – lo spettacolo da una parte e lo spettacolo dell’editoria dall’altra, può

1) ambire a qualche vendita in più (in una situazione antropologicamente, culturalmente devastata da metà anni Novanta a oggi),

2) parassitare anzi deforestare gli ecosistemi alternativi,

3) proseguire nella sua operazione di valorizzazione del confessional, dell'”impegno” in affanno pompier, del citabile banale, del bel canto, dell’aproblematico, del limpido-secco o limpido-barocco (indifferente la sintassi: è “il limpido” linguistico la dominante).

le tossine del romanticismo (1)

notilla ennesima sul contesto noto come “poesia italiana contemporanea”

il più bel libro di *oesia degli ultimi x anni, si sente dire.
dove “x anni”= 10 minuti.
si accontentano di poco, per molto poco.
e: con grande sincerità.

nella critica (nome sbagliato, ma facciamo finta che ci si capisce) della poesia italiana contemporanea non c’è neanche bisogno di mentire. la menzogna è l’ambiente intorno, tutto il contesto. basta essere fedeli al contesto, aderenti, e fa tutto lui.

il grande stile (dopo il novecento) / differx. 2019

_

prigionieri della pietra (serena)

Alcuni (tanti, ma tanti) autori di poesia lineare assertiva che si sono formati su ciò che l’editoria italiana distribuiva e distribuisce soprattutto dai primi anni Novanta in poi, di fatto, sono figli coerentissimi di una rimozione: la rimozione massiccia della ricerca letteraria.

Glielo si dice in tutti i modi e in tutte le salse, per esempio qui. Ma fanno finta di non capire.
Fanno finta di non capire che per mettere il loro amato Sereni D’Elia Fortini Merini Raboni negli scaffali che frequentavano da giovinetti, ossia (ben che vada) dopo il 1995, l’editoria e la distribuzione avevano dovuto — alacremente già da metà anni Ottanta — falciare via parecchie decine di altre voci. Spazzarne via a manciate.

La seconda edizione di Segnalibro, pressoché un'”omnia” di Edoardo Sanguineti, esce nel 1989. Il che vuol dire che a fine anni Novanta non ce n’è più traccia in libreria. E per una nuova edizione bisognerà aspettare il 2010. L’edizione Einaudi 1979 dei Novissimi negli anni Novanta è sparita da un pezzo (e non ricomparirà che nel 2003). L’attività del Gruppo ’93 si chiude ufficialmente nel programmatico 1993, appunto. Tante sono le edizioni coraggiose, di Manni per esempio (o l’attività di riviste come ‘Allegoria’), ma certo imparagonabili all’impegno profuso da Mondadori, Garzanti ed Einaudi per spostare l’asse del leggibile in Italia (del disponibile in libreria) il più lontano possibile dalla scrittura di ricerca.

Quando il giovinetto va allo scaffale e lo trova monocorde, e diventa lui stesso monocorde, chi giovinetto non è glielo dice. Ma lo scaffale è più forte della voce. E i sigilli che i poliziotti del mainstream hanno messo al luogo del delitto della ricerca (delitto di cui, toh, sono responsabili) restano intoccati.

Questo, almeno fino all’arrivo della rete, che di certi interdetti si fa un baffo. Ma ormai tanti tanti poeti l’intossicazione da serenite l’hanno assorbita tutta. E si muovono come tali, parlano e pensano e “poetano” come il mainstream ha insegnato loro a fare.

immagine da Children of the Stones, 1977, cfr. https://youtu.be/iR9GV0rJAig, 20′ 45”

“esiste la ricerca?” – giovedì 16 giugno, ore 16, studio campo boario (roma)

ESISTE LA RICERCA?
Confronto sulle scritture di ricerca nel contesto della poesia recente

Con interventi di Luigi Ballerini, Cecilia Bello Minciacchi, Alessandro Broggi, Marilina Ciaco, Stefano Colangelo, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Andrea Inglese, Luigi Magno, Massimiliano Manganelli, Giulio Marzaioli, Renata Morresi, Vincenzo Ostuni, Francesco Muzzioli, Giorgio Patrizi, Chiara Portesine, Luigi Severi, Michele Zaffarano e altri ospiti che saranno annunciati successivamente

(con libri delle edizioni IkonaLíber, Tic, Blonk, il verri, Zacinto, [dia•foria)

elenco quasi completo di cosa si studia in italia per fare poesia

Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini
Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni Fortini Sereni

Continua a leggere

la situazione in poesia / differx. 2022

la poesia italiana contemporanea non è sicura ed è stata rimossa / differx. 2019

riassunto della poesia italiana contemporanea/ differx. 2018

Un numero alto di volte, i libri sulla poesia contemporanea anzi attuale suonano così:

Ieri ma oggi Sereni Sereni Fortini, Montale Penna Penna, Pasolini, Montale, Sereni Pasolini, ma Montale ma Sereni, pausa, Togliatti, De Gasperi, Bordiga, Salandra, Federico II, Mazzini, fine pausa, tuttavia va pure detto che Fortini Zanzotto Einaudi, Montale Sereni Pasolini Sereni Pasolini Sereni Sereni Sereni, colpo di scena, Ungaretti, Vitruvio, Tertulliano Poliziano, San Francesco, pausa, Sereni, fine pausa, Giudici, Penna Bertolucci Penna, Raboni, però Sereni e Sereni, Fortini Raboni Merini, Pasolini, ah Pasolini, pausa, fine pausa, quanto è vero, Montale Giudici Fortini, Sereni Pasolini, Caproni, Foscolo Merini, Bertolucci Zanzotto però Sereni, però Montale, Luzi Pascoli Luzi Rebora, Pascoli Pasolini, nel frattempo il romanzo, in Italia, tuttavia Sereni, tuttavia Pasolini, poi Penna Bellezza, Sereni Montale Pasolini.

Quando il libro viene recensito su un quotidiano, la foto d’obbligo ritrae o una stilografica o Pasolini che pensa molto intensamente (“con il corpo e con la mente”, cantava Julio Iglesias).

roma, 13 gennaio: presentazione della “mappa immaginaria della poesia italiana contemporanea”

w il 1957

oggi, secondo giorno del 1957: auguri ancora con carosello

oggi per la poesia italiana è il secondo giorno del 1957.
auguri a tutto il mainstream con un leggiadro carosello:

se guardate bene, sia Pasolini sia Sanguineti si intravedono sullo sfondo

(bibliografia: slowforward.net/2021/12/31/eterno-1957-ytalyano/)

fahrenheit, radio3, oggi h. 15:30, mappa immaginaria della poesia italiana contemporanea

Oggi alle 15:30 a Fahrenheit, su Radio 3, Laura Pugno parla per la prima volta della Mappa immaginaria della poesia italiana contemporanea, che esce il 9 dicembre per Il Saggiatore.

i poeti italiani: contemporanei agli artisti (di 120 anni fa)

Avere in Italia un grande o grandissimo numero di artisti giovani e meno giovani (noti e ignoti) che fanno quello che fanno, e però trovare sugli scaffali generalisti di poesia quello che gli scaffali di poesia generalista offrono, è un po’ come vivere nel presente ma conservare il salotto di nonna Speranza, e abitare solo quello (ma senza l’ironia di Gozzano).

La scrittura media degli italiani — anche “ben” pubblicati e ben noti — che ritengono di fare poesia riesce volentieri ad attestarsi su un ritardo di circa 110-120 anni rispetto all’arte contemporanea. E l’impressione è che le generazioni più giovani, tranne qualche bella eccezione, confermino o perfino aggravino il salto.

Se l’arte si azzardasse a seguire la poesia italiana di grande distribuzione, sarebbe tutto un verzicare di croste da ritrattisti della domenica e infiorate a olio, stile pittori di piazza Navona. (Paragone di Vincenzo Ostuni, proposto circa otto anni fa).

[Nessun cambiamento nel quadro generale, se non forse in peggio, rispetto a queste osservazioni di Renata Morresi, di due anni e mezzo or sono: https://slowforward.net/2019/08/06/dei-giovanissimi-poeti-renata-morresi-2019/]