m.g.: una lettura di testi da oggettistica (video del 16 aprile 2019), studio mo.c.a., roma

Video della lettura allo Studio Mo.C.A.: Oggettistica, alcuni testi
(in occasione della mostra Botanico da marciapiede, di Alberto D’Amico)

cfr. facebook.com/alberto.damico/videos/10219628964742864/

e youtu.be/6MCkc67uvHM

_

 

righe sui microtesti di “oggettistica” di marco giovenale scritte da lui medesimo per la mostra di alberto d’amico

Come le infinite variabilissime microforme collezionate e selezionate da Alberto D’Amico, anche i microtesti raccolti nel mio interminabile Oggettistica nascono da (o corteggiano una) ipotesi di somiglianza, di identità – magari doppia.

Sono «Cose che esistono e che vedo. Se le vedo, sono cose che esistono». Feluche, baffi, il Monte Rosa, film, automobili, marionette, curve delle tende, polli, oche, angoscia.

Non proprio pretesti, semmai abbozzi, gherigli di occasione, luoghi (comuni, spesso), affermazioni, a tratti oggetti che diventano – mercé la pagina – soggetti, addirittura ii. Inizi di racconti che poi non si decidono a narrare, si scoprono ritratti, ritirati. O puri elenchi.

Per via di sillogismi o acrobazie semmai si mutano in altro da quel che le prime righe lasciavano supporre. L’altro che implicitamente già erano, annunciavano: qualcosa che «si sfalsa, non pare in sincrono» nemmeno con sé.

_

[nota per il 16 aprile scorso]

_

demo / mg. 2018

qui il mio contributo al n. 4 della rivista “Trivio”, numero dedicato al tema della democrazia.

 

DEMO

[inedito, da Oggettistica]

sono bravi, piantano gli alberi
fanno una o la cassetta di legno

c’è tutto un perimetro di legno (contenitore) che loro fanno a cassetta come barriera, una, o specie di recinto mettono dentro al recinto la terra (contenuto) poi mettono dentro che scavano quando Continue reading

oggi, 4 maggio, accademia d’ungheria: “oggettistica (con segni)” _ inediti + 4 libri

oggettistica (con segni)

OGGI, 4 maggio, alle ore 18:00, presso l’Accademia d’Ungheria
– via Giulia 1 – Roma –

Marco Giovenale _ letture da OGGETTISTICA (testi inediti)
& alcune prose edite (da Quasi tutti, anachromisms, Il paziente crede di essere, Strettoie)

nel contesto del festival C O N C R E T A – FESTAPOESIA
19 aprile – 6 maggio @ Accademia d’Ungheria in Roma
a cura di Giuseppe Garrera, István Puskás e Sebastiano Triulzi.

*

alcuni dei testi da Oggettistica saranno tratti dal recente numero della rivista “il verri” (n. 66, febbraio 2018), pp.151-153.

4 maggio, accademia d’ungheria: lettura “oggettistica (con segni)” _ testi in prosa inediti & editi

oggettistica (con segni)

venerdì 4 maggio, ore 18:00, Accademia d’Ungheria
– via Giulia 1 – Roma –

Marco Giovenale _ letture da OGGETTISTICA (testi inediti)
& alcune prose edite (da Quasi tutti, anachromisms, Il paziente crede di essere, Strettoie)

nel contesto del festival C O N C R E T A – FESTAPOESIA
19 aprile – 6 maggio @ Accademia d’Ungheria in Roma
a cura di Giuseppe Garrera, István Puskás e Sebastiano Triulzi.

*

alcuni dei testi da Oggettistica saranno tratti dal recente numero della rivista “il verri” (n. 66, febbraio 2018), pp.151-153.

_

su facebook:
https://www.facebook.com/events/223821484864298/

testi da “oggettistica” sul sito di nuovi argomenti

alcunitesti

Alcuni testi da Oggettistica sono pubblicati, a partire dal 26 gennaio, sul sito di Nuovi Argomenti:

http://www.nuoviargomenti.net/poesie/oggettistica/

 

testi da “oggettistica” nella newsletter “lo spartivento”

Un testo da Oggettistica (Palestra karate judo arti marziali boxe fitness) nella newsletter “Lo Spartivento”, 3 feb. 2018; leggibile anche in pdf, qui: https://slowforward.files.wordpress.com/2018/02/in_lospartivento_newsletter_3feb2018.pdf