Archivi tag: L’Ulisse

paolo zublena (nel 2010) su “poesia in prosa” e “prosa in prosa”

Piccola notilla bibliografica ad uso dei discorsi (ma anche delle inesattezze dei discorsi) sulla prosa in prosa:
https://gammm.org/2010/05/27/esiste-ancora-la-poesia-in-prosa-paolo-zublena-2010/

Il testo lo riprendemmo su gammm a fine maggio 2010, ma è – ricordo – leggermente precedente. Era uscito sul n. 13 de “L’Ulisse”, rivista che ha o aveva la cattiva abitudine di non datare i propri pdf: tuttavia cliccando sulle proprietà del file e cercando sugli annunci che avevo pubblicato qui su slowforward, trovo che il fascicolo è dell’aprile 2010.

Il testo di Paolo Zublena compie dunque 11 anni ora, e non è invecchiato di un minuto.

__________________________________________

(* Cfr. Medium: https://mgiovenale.medium.com/paolo-zublena-nel-2010-su-poesia-in-prosa-e-prosa-in-prosa-e1b714af08da)

_

dopo la prosa: il fascicolo 13 de “l’ulisse”

“L’Ulisse” n. 13, Dopo la prosa. Poesia e prosa nelle scritture contemporanee:
https://www.lietocolle.com/cms/img_old/l_ulisse_13.pdf
(pdf, free download)

link per christophe tarkos

A sostegno & manforte dell’intervento che Andrea Inglese ha pubblicato ieri in “Alias”, l’inserto culturale del “manifesto”, sul lavoro testuale di Christophe Tarkos (lavoro in relativamente piccola ma ottima parte tradotto in italiano anche per le edizioni Tic da Michele Zaffarano), aggiungo qui di séguito dei link ‘tarkosiani’ che credo utili:

 

https://poetella.wordpress.com/2015/10/16/christophe-tarkos-2001/

https://puntocritico2.wordpress.com/2013/11/19/costa-volta-il-nastro-unorigine-delle-scritture-nuove/
e https://www.academia.edu/5290309/Costa_volta_il_nastro._Un_origine_delle_scritture_nuove_
per le ragioni di un legame testuale possibile fra Tarkos e Costa

youtu.be/CxeqwSvn85s = Antonio Syxty legge I soldi, di Ch. Tarkos

youtu.be/aJk0WOJRIvA = Marco Giovenale commenta un testo di Ch. Tarkos

+

Le “Sei macchine liriche” uscite su “Nuovi Argomenti” ormai 15 anni fa (tra gli autori, appunto, Tarkos):

Le macchine liriche. Sei poeti francesi della contemporaneità (1)

Le macchine liriche. Sei poeti francesi della contemporaneità (2)

Le macchine liriche: sei poeti francesi della contemporaneità (3)

*

PER TIC EDIZIONI:

Anacronismo – Tarkos

 e

I soldi – Tarkos

su due anzi tre modi di scrittura (cliccare per leggere)


ritrovo, rileggo e riapprovo una notilla, questa:
https://slowforward.files.wordpress.com/2018/11/su-due-anzi-tre-modi-di-scrittura_-m-giovenale.pdf

tratta dal n. 18 (2015) de “L’Ulisse”, http://www.lietocolle.com/cms/wp-content/uploads/2014/03/ULISSE-182.pdf
[dalla pagina http://www.lietocolle.com/2015/04/poetiche-per-il-xxi-secolo-lultimo-numero-di-ulisse-e-online-n18-anno-2015/]

estraendo, volendo:
>> un passo a margine della retorica.
Cerca di impedire ai semantemi forti (e alla catena rimica, ritmica, isosillabica, sillabante le
millantate risorse dell’Io-dètto/Io-détto) di formarsi. Lasciando tuttavia quello spazio o gioco cavo
che al lettore non sia interdetto pensare di riempire di nessi <<

_

un’intervista sulla prosa

era da poco uscito Prosa in prosa, “L’Ulisse” pubblicava un numero dedicato alla prosa in generale.

questa intervista mia mi ha fatto (ri)sorridere e la condivido qui:

il nuovo numero (18) de “l’ulisse”: ora in rete

il nuovo numero dell’Ulisse è ora on-line.
E’ possibile scaricare il pdf a questo link:
http://www.lietocolle.com/cms/wp-content/uploads/2014/03/ULISSE-182.pdf
 
 
Oppure sfogliare online la rivista a questo indirizzo:
http://ita.calameo.com/read/004119713dd03b46a0e3f
Questo l’indice della monografia:
NUMERO 18: Poetiche per il XXI secolo
Editoriale, di Stefano Salvi

Continua a leggere

un’intervista del 2010 su “prosa in prosa”

http://www.lelettere.it/Data/Files/prodotti/PONTORNO%20INTERVISTA%20PROSA%20IN%20PROSA.PDF

_

è in rete “l’ulisse” n. 16

http://www.lietocolle.info/it/l_ulisse_numero_16_nuove_metriche_ritmi_versi_e_vincoli_nella_poesia_contemporanea.html

_

dall'”ulisse” n. 4

*

su scritture dopo il paradigma, mi permetto di rinviare a quanto scritto da Bortolotti e Zaffarano in “L’Ulisse” n.4, giugno 2005:

cfr. le pp. 59-73 del file

http://www.lietocolle.info/upload/ulisse_4.pdf [0,97 Mb]

*

13 aprile, Milano: presentazione del n.15 de “L’Ulisse”

comunicato stampa : qui

su facebook: https://www.facebook.com/events/284859808256808/

“L’Ulisse n. 15”: indice dei contenuti

è on-line il nuovo numero de L’Ulisse, la rivista web che curo con Stefano Salvi e Italo Testa, con una monografia intitolata “La forma del poema”.
 
Questo il link della rivista, scaricabile in pdf:
(questi i numeri precedenti: http://www.lietocolle.com/ulisse)
 
e questo il sommario:
 
Editoriale di Italo Testa
 
IL DIBATTITO
 
PERCORSI ITALIANI
 
Pier Paolo Pasolini
di Lisa Gasparotto
 
Vittorio Sereni
di Luca Lenzini
 
Amelia Rosselli
di Antonio Loreto
 
Giovanni Giudici
di Lisa Cadamuro
 
Attilio Bertolucci
e Alberto Bellocchio
di Gabriella Palli Baroni
 
Antonio Porta
di Andrea Gibellini
 
Remo Pagnanelli
di Roberto Galaverni
 
Giuliano Mesa
di Gian Luca Picconi
 
Mario Benedetti
di Tommaso Di Dio
 
Luciano Cecchinel
di Giovanni Turra
 
Giancarlo Majorino
di Biagio Cepollaro
 
Andrea Zanzotto
di Luca Stefanelli

5 poesie inedite


Societas, cinque poesie inedite di MG, in “L’Ulisse”, n. 14, feb. 2011, pp. 122-123

[ pdf in rete all’indirizzo http://www.lietocolle.info/upload/ulisse_14.pdf ]


Prosa e poesia / l’intervista uscita su “L’Ulisse” n.13

POESIA E PROSA

_

ripubblico qui le mie risposte al questionario de “L’Ulisse” n. 13 (uscito ad aprile 2010):
http:// www. lietocolle.info/upload/l_ulisse_13.pdf
[link non più attivo]

_

1. Qual è la sua idea di prosa? Come si definisce il suo approccio alla prosa (anche rispetto alla questione dei generi)?

La mia idea di prosa è ovviamente anche un’idea o massa-matassa non solo mia: è di fatto trasmessa, sovrascritta: è una cosa e una casa anche altrui, costantemente. Precisamente per il fatto di appartenermi, è altra, composita, giocoforza differenziale, effusa direi anzi dissipata ossia sprecata in diffrazioni, prassi e diversioni da prassi (da quelle prediffuse, usurate). È cioè una specie di gomma-somma non aritmetica e anzi mosaico o ventaglio di eredità, microlabirinti e ricodifiche, giostre in buona parte e assai volentieri disallineate dall’usuale asse e traccia playback della prosa che si legge nei libri degli editori generalisti.

(Rispetto a questi ultimi trovo, semmai, e spesso, consonanza felice fra prosa scritta mia e flusso parlato casuale, eavesdropping, banalità da bar, eccetera: però, anche lì, è il quid normante del normale a indispettirmi. Il già dato, il precompreso, il predetto, quanto si sa e si vuole già letto dall’ebetudine dello spettatore di pagina o di festa aggiornato che si fa dire da giornali e inserti cos’è che deve scandire, ritenere, immettere in chat).

Quanto a(l) “me” in abito di lettore-lettore talvolta agìto, che cioè si sa e si vuole ingenuo, ben volentieri spendo tempo sulle pagine di Bram Stoker. Per dire. Non avanzo però molto in qua nel presente, se si tratta di cose così. Stili e modi così. Racconto-racconto. Certo, uno vede il gazzettone, la tabula recensoria dei best editoriali, e si domanda: ma quale roba non è così, in scaffale? Un esercito di marchese e contesse e raccontesse fanno le gare di puntualità. Il tè si serve alle cinque spaccate. Chi c’è c’è. (Ci stanno tutti).

Al posto della “figura dell’editor”, a una rimota et aliena omai intellezione bisognerebbe più tosto un auditor. Un udente tacito. Bene, non v’ha. (Bene non v’ha).

E gli autori, che fanno? Gli autori, gestori gestiti, giovani holding, si fanno demoltiplicare dalle x fisse che moltiplicano il mercato. È storia vecchia, di vecchi razzi, vecchi trucchi e gare tra mondi, poli, blocchi. E più gli alfabetieri sono prossimi già per loro VIRTVS allo zero, più certo è che partono avvantaggiati. Alleati naturali dell’attrito mancante, della veloce rotazione-turnazione delle faccette sul blogscaffale.

Insomma. Continua a leggere