oggi, 1 settembre, a roma: musiche per il teatro di alvin curran

OGGI, sabato 1 settembre 2018, ore 21:00,
presso il Teatroinscatola
(Lungotevere degli Artigiani 14)

nell’ambito della rassegna Di là dal fiume – 14 eventi in 11 luoghi del XII Municipio

Musiche per il teatro di Alvin Curran

Luca Venitucci:
realizzazione e direzione musicale, piano, fisarmonica, voce, piccoli strumenti, diffusione materiali sonori

Un concerto inedito prodotto da Teatroinscatola e realizzato da Luca Venitucci a partire dalle musiche composte da Alvin Curran per tre produzioni di Memè Perlini: gli spettacoli teatrali “Tarzan” e “Otello” ed il film “Grand Hotel des Palmes”, tutti e tre del 1974.

Nel corso del concerto, le composizioni strumentali di Curran, riadattate e reinterpretate da Luca Venitucci, vengono integrate con i materiali audio originali incisi da Curran per gli stessi spettacoli e con altri materiali sonori provenienti dall’archivio personale del compositore, dando vita ad una nuova ed inedita struttura.

Materiali strumentali eseguiti in tempo reale e materiali sonori incisi si intersecano vicendevolmente e senza soluzione di continuità in un percorso che, snodandosi lungo il filo delle musiche composte da Curran per i lavori di Perlini, dà conto anche di diverse altre tracce della multiforme attività del compositore e artista sonoro, e dal quale emerge anche il suo più che cinquantennale rapporto con Roma.

Introdurrà la serata Donatella Orecchia, Docente dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

ingresso gratuito

1 settembre, roma: musiche per il teatro di alvin curran

Sabato 1 settembre 2018, ore 21:00,
presso il Teatroinscatola
(Lungotevere degli Artigiani 14)

nell’ambito della rassegna Di là dal fiume – 14 eventi in 11 luoghi del XII Municipio

Musiche per il teatro di Alvin Curran

Luca Venitucci:
realizzazione e direzione musicale, piano, fisarmonica, voce, piccoli strumenti, diffusione materiali sonori

Un concerto inedito prodotto da Teatroinscatola e realizzato da Luca Venitucci a partire dalle musiche composte da Alvin Curran per tre produzioni di Memè Perlini: gli spettacoli teatrali “Tarzan” e “Otello” ed il film “Grand Hotel des Palmes”, tutti e tre del 1974.

Nel corso del concerto, le composizioni strumentali di Curran, riadattate e reinterpretate da Luca Venitucci, vengono integrate con i materiali audio originali incisi da Curran per gli stessi spettacoli e con altri materiali sonori provenienti dall’archivio personale del compositore, dando vita ad una nuova ed inedita struttura.

Materiali strumentali eseguiti in tempo reale e materiali sonori incisi si intersecano vicendevolmente e senza soluzione di continuità in un percorso che, snodandosi lungo il filo delle musiche composte da Curran per i lavori di Perlini, dà conto anche di diverse altre tracce della multiforme attività del compositore e artista sonoro, e dal quale emerge anche il suo più che cinquantennale rapporto con Roma.

Introdurrà la serata Donatella Orecchia, Docente dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

ingresso gratuito

Musica per il teatro di Alvin Curran a cura di Luca Venitucci al Teatroinscatola (Roma)

Sabato 1 settembre, ore 21:00
Teatroinscatola, Lungotevere degli Artigiani 14

nell’ambito della rassegna:
“Di là dal fiume – 14 eventi in 11 luoghi del XII municipio”

Musiche per il teatro di Alvin Curran
eseguite e rielaborate da Luca Venitucci

Un concerto inedito prodotto da Teatroinscatola e realizzato da Luca Venitucci a partire dalle musiche composte da Alvin Curran per tre produzioni di Memè Perlini: gli spettacoli teatrali “Tarzan” e “Otello” ed il film “Grand Hotel des Palmes”, tutti e tre del 1974.

ingresso gratuito

l’evento su facebook:
https://www.facebook.com/events/1520939158005589/

programma di festapoesia concreta _ accademia d’ungheria, roma, 21 apr. – 5 mag. 2018

C O N C R E T A – FESTAPOESIA

19 aprile – 6 maggio

Accademia d’Ungheria in Roma
via Giulia 1

da un’idea di Giuseppe Garrera, István Puskás e Sebastiano Triulzi.
In collaborazione con Lorenzo de’ Medici The Italian International Institute
https://www.facebook.com/events/2110818065815317/

PROGRAMMA DEL FESTIVAL

Continue reading

firenze, 20 aprile: partes extra partes (microfestival, 24 artisti)

comunicato stampa: qui

_

giovedì all’esc (roma, via dei volsci): menicocci + venitucci + padua + dj fuzzten

GLOSSOPETRAE + STILL LIFE

LIVE SET

Un doppio appuntamento dedicato a due progetti che in modo differente sperimentano e sondano le sinergie possibili tra parola, suono, musica e immagini video.

Per sonorizzare la lettura di GLOSSOPETRAE / TONGUESTONES di Simona Menicocci, Luca Venitucci ha approntato un dispositivo di produzione sonora costituito da pietre – come le pietre che in parole e concetti ricorrono all’interno del testo. L’amplificazione e il trattamento elettroacustico sono stati i metodi adottati affinché tramite le pietre – corpi solidi, compatti, non vibranti, sordi – fosse possibile realizzare suoni. Gli interventi sonori in tal modo prodotti, dotati di un elevato coefficiente di aleatorietà e di imprevedibilità, non accompagnano, né tantomeno musicano, la lettura, ma si propongono come elementi altri, che condividendo lo stesso spazio acustico delle parole dette, interagiscono – o interferiscono – con esse, aggiungendo altra materialità – una ennesima stratificazione – alla già densissima geologia che il testo stesso costituisce e pone in opera.

STILL LIFE LIVE SET è la sonorizzazione dei quadri verbali di Adriano Padua, in un viaggio tra sonorità rock, electro, hip hop. Dimensione orale della parola e suono che si fanno corpo, musica e poesia in dialogo, due arti che sono sorelle gemelle e si accompagnano l’una all’altra fin dalle origini. Le musiche originali sono di Corrado Di Maria, Lorenzo Azzaro, Dj Fuzzten.

https://www.facebook.com/events/179461722837862

_

due brani e un testo dopo “bohario – tensioni in campo” (da/a: luca venitucci, mg, carlo bordini)

Il 29 settembre scorso, nel contesto di Bohario – Tensioni in campo (a cura di Giuseppe Garrera e Alberto D’Amico), nel pomeriggio, ho letto una serie di testi da Oggettistica, e Carlo Bordini – poco dopo – una sequenza di poesie inedite, sue; e alcune tradotte dallo spagnolo da lui e da sua moglie Myra Jara. Luca Venitucci, in serata, ha eseguito una serie di brani e improvvisazioni sonore.

Uno dei testi da me letti era dedicato a Carlo. Uno dei brani suonati da Luca era dedicato al romanzo Gustavo, sempre di Carlo. E altri brani di Luca avevano come interlocutrice la mia raccolta di prose e poesie Strettoie, e dunque a questa erano legati.

Per una serie bizzarra di circostanze, mentre leggevo, Carlo ancora doveva arrivare, e quando Luca performava, né Carlo né io eravamo presenti.

Questo piccolo intreccio di riferimenti, legami e dediche, dunque, si svolgeva in assenza dei dedicatari. Che (anche per questo) sono felicemente riconvocati qui, da due brani e un testo:

Improvvisazione per Gustavo

Strettoie 2 (edit)

Luca Venitucci: fisarmonica, voce, trattamenti

*

Anche se non eravamo tutti presenti contemporaneamente, il filo sonoro ci ha tenuti insieme. E quello testuale, forse:

da Sequenza con mancanze (in Oggettistica)
($TRING$)

I
È come se non se ne accorgesse
Come spinasse un salmone o due proprio più piano
Quanto sole prende su viale Libia
Come fa
Mi vede lui per primo mi chiama
Prendiamoci un caffè sto andando in posta
Da quel giorno
Come del resto sarebbe successo di non avere tempo
O ha tempo o lo trova in qualche modo
È per non accorgersi
E di scrivere
Inoltre
Leva le puntine dal muro, le righe di matita
Desquadra il foglio A3
Viene a trovare le commesse della Standa
Si attarda a distrarsi sui lavori del parcheggio
Sono andati via tutti