Archivi tag: langpo

the complete “l=a=n=g=u=a=g=e” facsimile

facebook.com/598521329/posts/10156429761656330/

princeton acquires granary books language poetry collection

from http://jacket2.org/commentary/princeton-language-poetry-collection

Princeton University Library has acquired Granary Books’s collection related to L=A=N=G=U=A=G=E:

“The Language Writing Collection comprises approximately 1,200 items including books, pamphlets, magazines, broadsides, manuscripts, letters, and ephemera, presenting a rigorous and comprehensive survey of the most influential American avant-­garde literary development of the last 50 years. The Collection chronicles the group’s inception in the seventies, maturation in the eighties, and influence through the nineties and beyond, and provides the basis for in-­depth scholarly research in recent experimental poetry and poetics; literary production and community; and independent small press publishing. The work of nearly 50 poets central to Language Writing has been collected along with more than 50 runs of little magazines associated with the movement.” — From the Granary Books Prospectus.

read more

l=a=n=g=u=a=g=e lines

http://jacket2.org/commentary/lan-guage-lines-ed-andrews-bernstein-1988-free-pdf

_

charles bernstein: un’intervista autobiografica

.enhttp://writing.upenn.edu/library/Bernstein-Charles-and-Loss-Pequeno-Glazier_Autobiographical-Interview_1996.pdf

.eshttp://www.transtierros.com/charles-bernstein-una-entrevista-autobiografica/

_

bruce andrews & charles bernstein at the stone (new york) on sat. april 12 at 10pm

http://jacket2.org/commentary/bruce-andrews-charles-bernstein-stone-nyc-sat-april-12-10pm

_

alcuni punti salienti _ [replica]

alcuni punti salienti – dal “verri” n. 48, feb. 2012 – da servire di ammaestramento de’ pochi o molti che molto dimandano di scritture dopo il paradigma, poco riuscendo chi qui scrive a spiegarsi

[ovvero:] [elenco di puntatori a uso di chi fa o vorrebbe fare, per dire, sought writing, ma non ci si trova – o pensa di far ciò ma fa altro] [– e si metteranno dei puntini che il lettore deve sciogliere] [se vuole leggere] [–] [se vuole leggere, deve andare a (vedere) quel numero del “verri”] [andare verso] [eccetera]

nb: il nome indica l’autore, il numero indica la pagina del “verri” 48 da cui la citazione è tratta:

Bortolotti, 105 : Non può in vista di una pratica dell’assurdo (…) alla deriva

106 : I hate speech

107-108 : Le questioni pratiche (…) di tipo formalista. (…) Mohammad e Toscano, in questo senso, potrebbero essere visti come autori post-langpo (…) Tuttavia (…) valore che attribuisce alla sintassi come struttura d’ordine

Mohammad, 111 : improbabili reazioni chimiche

115 : (…) e che (…) a pensare a cosa (…) quando si compone anche in modo “normale”

116 : (…) gioca alla (…) individuale, poiché ogni poeta avrà un insieme completamente diverso di spinte istintive circa il modo in cui riorganizzare il materiale cercato (…) non è un nuovo tipo di sogettività poetica. Piuttosto, sto cercando delle istanze di articolazione (o sì, inarticolatezza) in cui l’oggetto poetico si carichi di un’immediatezza che è il prodotto del (…)

Silliman, 128 : Wellek e Warren evitano qualunque (…) anche alle strategie dello strutturalismo

132 : Watten esplora il riconoscimento da parte del lettore di questa presunzione, di questa volontà di “completare il sillogismo”

142 : Di per sé, si può (…) (E) questa è un’intuizione importante e originale

147 : (…) aumentata sensibilità verso il movimento sillogistico (…)

Questa non è la distorsione sistematica del livello massimo o più alto di significato, come nel surrealismo. Piuttosto (…) è tipica in massimo grado della frase nuova

149-50 : metodi per favorire un movimento sillogistico secondario (…) Ciononostante, ogni tentativo di spiegare questa opera come una totalità riconducibile a “un più alto ordine” di significato, come la narrazione o il personaggio, è destinato al sofisma, se non all’esplicita incoerenza. La frase nuova è un oggetto decisamente contestuale. I suoi effetti occorrono tanto tra le frasi che al loro interno

_

“from the other side of the century: a new american poetry 1960-1990”, by douglas messerli

In 1960 Donald Allen published his ground-breaking anthology, The New American Poetry, which gathered some of the most important innovative poets writing since World War II, and helped Americans perceive a tradition that was different from the poetry of the 1940s and 1950s put forth by the American Academy in general, and by the New Critics in particular. The effect of this anthology has been staggering, and has helped to shape poetry since its publication. And since 1970 many readers have waited for another such anthology for the poets writing after Allen’s contribution. Many anthologies have appeared, but either they have focused on particular groups of writers or have been too unfocused aesthetically to have the impact of The New American Poetry.

Working over the past ten years, Douglas Messerli has attempted to bring together some of these same issues and concerns, reiterating them into the context of United States and Canadian poetry since Donald Allen’s collection. Like Allen, Messerli has organized his selection into somewhat arbitrary and non-rigid categories; but unlike Allen he has refused to “name” these in the concern (in the context of today’s more eclectic and socially-based gatherings) that they will be misunderstood as actual “groups” or poets driven only by particular ideas or theories.

http://www.greeninteger.com/book-digital.cfm?-messerli-from-the-other-side-of-the-century-&BookID=340

Messerli is the editor of “Language” Poetries, published by New Directions; and Contemporary American Fiction, published by his own Sun & Moon Press. He is also the author of four books of poetry, a film for fiction in poetry, and a play.

POETS INCLUDED: Continua a leggere

alcuni punti salienti

Qui di séguito

alcuni punti salienti – dal “verri” n. 48, feb. 2012 – da servire di ammaestramento de’ pochi o molti che molto dimandano di scritture dopo il paradigma, poco riuscendo chi qui scrive a spiegarsi

[ovvero:] [elenco di puntatori a uso di chi fa o vorrebbe fare, per dire, sought writing, ma non ci si trova – o pensa di far ciò ma fa altro] [– e si metteranno dei puntini che il lettore deve sciogliere] [se vuole leggere] [–] [se vuole leggere, deve andare a (vedere) quel numero del “verri”] [andare verso] [eccetera]

nb: il nome indica l’autore, il numero indica la pagina del “verri” 48 da cui la citazione è tratta:

Bortolotti, 105 : Non può in vista di una pratica dell’assurdo (…) alla deriva

106 : I hate speech

107-108 : Le questioni pratiche (…) di tipo formalista. (…) Mohammad e Toscano, in questo senso, potrebbero essere visti come autori post-langpo (…) Tuttavia (…) valore che attribuisce alla sintassi come struttura d’ordine


Mohammad, 111 : improbabili reazioni chimiche

115 : (…) e che (…) a pensare a cosa (…) quando si compone anche in modo “normale”

116 : (…) gioca alla (…) individuale, poiché ogni poeta avrà un insieme completamente diverso di spinte istintive circa il modo in cui riorganizzare il materiale cercato (…) non è un nuovo tipo di sogettività poetica. Piuttosto, sto cercando delle istanze di articolazione (o sì, inarticolatezza) in cui l’oggetto poetico si carichi di un’immediatezza che è il prodotto del (…)


Silliman, 128 : Wellek e Warren evitano qualunque (…) anche alle strategie dello strutturalismo

132 : Watten esplora il riconoscimento da parte del lettore di questa presunzione, di questa volontà di “completare il sillogismo”

142 : Di per sé, si può (…) (E) questa è un’intuizione importante e originale

147 : (…) aumentata sensibilità verso il movimento sillogistico (…)

Questa non è la distorsione sistematica del livello massimo o più alto di significato, come nel surrealismo. Piuttosto (…) è tipica in massimo grado della frase nuova

149-50 : metodi per favorire un movimento sillogistico secondario (…) Ciononostante, ogni tentativo di spiegare questa opera come una totalità riconducibile a “un più alto ordine” di significato, come la narrazione o il personaggio, è destinato al sofisma, se non all’esplicita incoerenza. La frase nuova è un oggetto decisamente contestuale. I suoi effetti occorrono tanto tra le frasi che al loro interno

by & about bruce andrews

source: http://jacket2.org/commentary/bruce-andrews-symposium-and-reading-fordham [note: the date will be postponed]

Andrews Symposium and Reading at Fordham

@
South Lounge, Lincoln Center Campus
113 W. 60th Street
New York, NY  10023
Charles Bernstein (moderator), Michael Golston, Laura Hinton, Peter Nicholls, Bob Perelman, and Paul Stephens.
After the 90-minute panel and a short reception, Andrews will read from his work.

The Fordham Web page includes new web version of work
by
and
about

Andrews, including  these new on-line items:

L=A=N=G=U=A=G=E”: forthcoming in The Little Magazine in America    
Reader Repo,” Talk from Rethinking Poetics Conference, pp 94-97     +       Talk PDF
Q & A, after U.C. Berkeley Reading, at 1 hr. 16’
Meaning, Method, Motive: Empire & so-called Language Writing”   +     Talk in Convolutions  
Reading Lines Linear How to Mean” in A Broken Thing: Poets on the Line
Hearing Ends in Darkness” (essay as liner notes for Jarrod Fowler’s 2008 album, “‘Percussion’ as Percussion”)
Constructivism Mystery” in Vertov from Z to A, ed. Ahwesh & Sanborn  
What’s the Word” for Zukofsky Conference
Reading Notes
Brechtian V-Effect Updated: Implications for Poetic Praxis”

alternate titles for l=a=n=g=u=a=g=e (1977)

weird:

http://jacket2.org/commentary/you-know-it-dont-come-easy-alternate-titles-language-1977

_

postmodern poetries & L=A=N=G=U=A=G=E @ Bernstein’s blog

postmodern poetries & L=A=N=G=U=A=G=E @ Bernstein’s blog

a Toronto…