Tag Archives: handwriting

langrids by differx (2014 – up to now)

I often drawrite “langrids”. A langrid is a grid of language.

I always had in mind Robert Smithson’s A heap of language (1966), or Paul Celan’s Sprachgitter (1959).

In my work, grids and squares and weird geometric shapes collide with pieces of superimposed sentences, asemic bits, other shapes, syllables.

Take a tour here:
https://differx.tumblr.com/search/langrid
or here: https://slowforward.net/?s=langrid&submit=Search
or here: https://tinyurl.com/y487l2eo
or here: https://the-otolith.blogspot.com/2014/07/marco-giovenale.html

Continue reading

h. i. / differx. 2020

a time we are in / differx. 2020

“scrivere disegnando” (mostra in corso a ginevra): intervista al curatore, andrea bellini

https://www.exibart.com/arte-contemporanea/scrivere-disegnando-intervista-ad-andrea-bellini/amp/

.

l’orizzonte recintato (1) / giancarlo pavanello. 1994 [dettagli]

 

Collezione Giuseppe Garrera

_

7 novembre, modena: festa per i quarant’anni del laboratorio di poesia (1979-2019)

LE QUARANTA LETTERE DELL’ALFABETO
Il Laboratorio di poesia 1979-2019

È giunta l’ora/ in cui il frutto si spacca,/ si versa in parole e colori.
(Cata Dujšin-Ribar)

Giovedì 7 novembre 2019 il Laboratorio di Poesia di Modena si apre a 40 anni esatti dalla sua prima serata,
nella stessa sede di Via Fosse 14 a Modena, con un incontro non stop, a partire dalle ore 17.

PROGRAMMA

INSTALLAZIONE PER I QUARANT’ANNI DEL LABORATORIO

con Marilyne Bertoncini Julien Blaine Mirta Carroli Liliana Ebalginelli
Giovanni Fontana Marco Giovenale Anna Guillot Italo Lanfredini Tomaso Kemeny
Giorgio Moio Luca Ariano Mario Moroni Nina Nasilli Maurizio Osti Giancarlo Pavanello
Raffaele Perrotta Lamberto Pignotti Giuliana Pini Jean Robaey Gian Paolo Roffi Massimo Scrignoli
Carlo Alberto Sitta Giorgio Terrone Gualberto Alvino
e
Collettivo Chiamata alle Arti di Daniela Rossi
(Donatella Franchi Antonella De Nisco Laura Cingolani Marina Burani Manuela Corti
Jonida Prifti Silva Nironi Marina Gasparini Elisa Pellacani Franca Rovigatti)

+
STEVE RIVISTA DI POESIA
Presentazione del n. 53/2019 con Carlo Alberto Sitta, Elena Bavieri, Fabio De Santis,
Marco Fregni, Pietro Romano Silva Secchi Raffaella Terribile

+
MLADEN MACHIEDO POETA ITALIANO
Presentazione in anteprima di LINEA SOTTILE – LANCETTA D’OMBRA
di Mladen Machiedo, Edizioni del Laboratorio 2019, presente l’Autore.
Introduce Giuseppe Langella.

Una strenna per i 40 anni del Laboratorio.

________________________________________________________________________
L’INCONTRO È PROMOSSO CON IL PATROCINIO DEL Comune di Modena
In collaborazione con AICS Comitato Provinciale di Modena
Con il contributo di BPER
http://www.labpoesiamo.it / labpoesiamo@libero.it /
_

ma poi alla fine _ / differx. 2019

 

appunti disciplinari / differx. 2019

i.0113, take your difference as an advantage

dav

dig

installance n. : # 0113
type : superimposed texts
size : approx cm 5 x 9
record : highres shot
additional notes : abandoned
date : Dec. 12th, 2018
time : h. 11:08am
place : Rome, via Cerquetti

 

prove di linearità / vincenzo accame. 1971

Dagli Archivi del Mart la ricostruzione di Prove di linearità, creata in occasione dell’Esposizione internazionale di poesia visuale tenutasi al Centro Tool di Milano dal 17 al 30 settembre 1971. L’opera di Vincenzo Accame venne proiettata tramite espiscopio durante uno degli eventi multimediali organizzati nel corso della mostra. Conservato nel fondo Carrega all’Archivio del ’900, il rullo-opera è realizzato a tecnica mista.

*

al mart, dal 16 giugno, “il segno calligrafico come opera d’arte”

A cura di Nicoletta Boschiero e Duccio Dogheria

Manu propria
Il segno calligrafico come opera d’arte

Casa d’Arte Futurista Depero
16 GIUGNO 2018 / 30 SETTEMBRE 2018

La scrittura come forma pittorica ha assunto una posizione di spicco nelle pratiche artistiche del Novecento. Nella seconda metà del secolo diventano sempre più intense le relazioni tra artisti e poeti, le contaminazioni tra i linguaggi, le stratificazioni di immagini e parole.
Tra operemanifestiedizioni sperimentali e documenti d’archiviola mostra esplora l’uso estetico del segno calligrafico attraverso cinquant’anni di storia dell’arte: dall’esperienza pittorica di Gastone Novelli e Achille Perilli agli alfabeti dipinti di Carla AccardiGiuseppe Capogrossi e Antonio Sanfilippo, fino alle ricerche verbo-visuali di artisti come Ugo Carrega e Ben Vautier.

http://www.mart.tn.it/manupropria