nioques #21

Le numéro 21 de la revue Nioques vient de paraître, qui propose, en pages d’ouverture, la reproduction du tapuscrit des pages 304 à 308 de Temps profond, de Denis Roche.
Elles portent la date du 10 août 1984 (vendredi) et sont ici intitulées “Une visite à Francis Ponge”

qui était francis ponge ?

SOURCE: http://pileface.com/sollers/spip.php?article432

SOMMAIRE
Philippe Sollers : La société du génie Ponge en abîme
Ponge caché Un opéra baroque
Gérard Farasse, Sur les Entretiens de Francis Ponge avec Philippe Sollers
  Entretiens de Francis Ponge avec Philippe Sollers (1967)
  Sollers lit L’asparagus (2001)
Marcelin Pleynet : Le dispositif Ponge
Francis Ponge dans Un vrai roman
Dédicaces 
Jacques Drillon, La pierre Ponge 
DOCUMENTAIRE
   Quatre courts extraits d’entretiens 
  Michel Pamart, Francis Ponge : La fureur d’écrire (1 et 2) 
FICTION
 Jean-Daniel Pollet, Dieu sait quoi, le film 
  Jean-Daniel Pollet sur Dieu sait quoi
Pour en savoir (un peu) plus sur Francis Ponge

roma, 2 maggio, accademia d’ungheria: giornata di studi sulle scritture di ricerca, verbovisive e asemantiche. (nell’ambito di concreta – festapoesia)

21 aprile – 6 maggio
Accademia d’Ungheria in Roma, via Giulia 1
da un’idea di Giuseppe Garrera, István Puskás e Sebastiano Triulzi
in collaborazione con “Lorenzo de’ Medici  -The Italian International Institute”

Il giorno 2 maggio si terrà un’intera giornata di studi dedicata alla poesia di ricerca che vedrà confrontarsi studiosi, lettori e appassionati. Si parlerà di scritture asemantiche, poesia concreta, poesia iconologica, poesia visiva, di Nanni Balestrini, di Endre Szkárosi, di Mirella Bentivoglio e altri, con interventi di Andrea Cortellessa, Gianni e Giuseppe Garrera, Marco Giovenale, Luigi Magno, Simona Menicocci, Manuel Micaletto, Gilda Policastro, Endre Szkárosi, Fabio Teti, Sebastiano Triulzi. Gli interventi del convegno saranno curati e pubblicati da Diacritica Edizioni.

MERCOLEDÍ 2 MAGGIO

Convegno – CONCRETA 1
Organizzato da “Lorenzo de’ Medici The Italian International Institute”

ore 9,00/9,15:
István Puskás (saluti)

ore 9,15/10,30:
Gianni Garrera 
Ortografie del nome di Dio
Marco Giovenale Scritture di ricerca >< scrittura asemantica. (Le distanze).

ore 10,30/11,00:
coffee break

ore 11,00/13,00:
Endre Szkárosi
Andrea Cortellessa 
Expanded Poetry # 2. Otto iconotesti 2006-2018
Manuel Micaletto Le particelle elementari: unità testuale e unità abitativa in Gherardo Bortolotti

ore 13,00/14,00:
COLAZIONE – Offerta da “Lorenzo de’ Medici The Italian International Institute”

ore 14,00/15,30:
Giuseppe Garrera Disagio del sillabario. Breve analisi sulla radice dolorosa delle scritture asemantiche e asemiche
Gilda Policastro Il procedimento come «emozione intellettuale»: la poesia di Nanni Balestrini
Luigi Magno
 Francis Ponge o la regola della ricerca

ore 15,30/16,00:
coffee break

ore 16,00/17,30:
Simona Menicocci Documenti poetici. Per un’estetica pragmatica
Fabio Teti Effetti di visibilità. Qualche appunto su “in forma di a[rta]ś[āstra]-47”, di Niccolò Furri

roma, 29 maggio: incontro su francis ponge, a cura di luigi magno

Rencontre, présentation

LIBRERIA STENDHAL
Librairie française de Rome
Piazza San Luigi dei Francesi 23

Lunedì 29 maggio
Lundi 29 mai

18h30

Luigi MAGNO
(Università degli Studi Roma Tre)

présente l’œuvre de / presenta l’opera di

​Francis Ponge

​​La présentation sera en langue italienne
La presentazione avverrà in lingua italiana

Su / sur facebook

Francis Ponge  Continue reading

gioco (e) radar, #11: interruzioni / arresti [due note su denis roche]

ger11

continua qui:
http://www.alfabeta2.it/2015/03/29/gioco-e-radar-11-interruzioni-arresti-due-note-sui-saggi-di-letteratura-arrestata-essais-de-litterature-arretee-di-denis-roche/

_

per una poesia critica / jean-marie gleize. 2013

«Io sono un suscitatore»
Francis Ponge

Come intendere la “lezione” di Francis Ponge? In effetti, è evidente che la sua opera non rappresenta una semplice proposta poetica ma anche, simultaneamente, un intervento decisivo nel campo della scrittura, della teoria delle pratiche di scrittura, una presa di posizione strategica, in rapporto alla quale non è ormai più possibile evitare di indicare una propria collocazione. È in questo senso che si può parlare di “lezione”. Visto che di Partito preso delle cose si tratta (è questo il titolo dell’opera che lo farà conoscere nel 1942), questa “lezione” la si può, per esempio, intendere come una delle possibili risposte all’aspirazione di Rimbaud verso una «poesia oggettiva». E come uno dei possibili prolungamenti del gesto con cui quest’ultimo cerca nei fatti di sostituire una certa idea di prosa alle diverse modalità di sperimentazione metrica e prosodica. O anche come uno dei modi possibili per riformulare la critica che lo stesso Rimbaud aveva condotto non soltanto nei confronti delle modalità del linguaggio poetico, ma della “poesia” in quanto tale, della “poesia” nella sua specificità e autonomia di genere. Quella di Ponge sarebbe dunque, sotto parecchi punti di vista, un’operaesemplare, un’opera che si fa progressivamente sempre più radicale, un’opera che si colloca su una linea critica che dalla poesia prosastica in versi e in prosa arriva fino alla pratica di una scrittura oggettiva, addirittura oggettivista, al di là del principio che regola la distinzione formale tra verso e prosa; fino all’esercizio, dunque, di una scrittura non soltanto post-poetica ma post-generica. Continue reading

“opacità critica”: oggi su gammm (traduzione di michele zaffarano)

Segnalo l’uscita, oggi su gammm, di una traduzione da un testo di Jean-Marie GleizeOpacità critica, che giudicherei particolarmente interessante / esplicito, su temi che nel dialogo recente e meno recente sono affiorati più di una volta. (Categorie critiche, prosa, scrittura [e] politica, post-poesia, rapporto con alcune linee di sperimentazione di secondo Novecento, traduzione, e ancora: “langagement”, “mécriture”, “il proliferare delle strutture editoriali autonome, il moltiplicarsi delle modalità d’intervento pubblico, la cultura delle reti”, le riviste di letteratura, il contesto francese ecc.)
Il link è qui:
All’interno del testo si trovano riferimenti a un saggio di Christophe Hanna (anch’esso a mio avviso importante): consultabile in parte sempre su gammm, volendo (qui).
Ai due brani si lega poi in modo perfetto l’introduzione (Per una poesia critica) scritta appositamente da Gleize per il Ponge di Benway: http://puntocritico.eu/?p=6159.
gleize_op
_