Tag Archives: Brasile

di villa in villa / raffaella terribile. 2017

Di Villa in Villa

(Una poesia “scanasciuta” e ciottoli arcani)

di Raffaella Terribile
(già in “STEVE”, n. 50, 2017, pp. 46-9)

L’incontro con una poesia bellissima e ignorata di Emilio Villa avviene nel corso del consueto appuntamento che il Laboratorio di Modena regala ai suoi affezionati amici, in occasione della presentazione del numero 49 di Steve, con un contributo critico su Emilio Villa. Si tratta di “Omaggio ai sassi di Tot”, scritta nel 1949 e circolata pochissimo, oggi quasi dimenticata. Il “padrone di casa”, Carlo Alberto Sitta, la presenta ricordando come fu Adriano Spatola ad avvicinar-glisi un giorno, con fare da complottista, per passargli questo testo, scritto molti anni prima, ignoto quasi a tutti e ripreso, nel 1962, su “Bab ilu”.

Un testo che sconcerta e sorprende perché oggi, a distanza di quasi settant’anni, non ha ancora perso lo smalto della giovinezza, lo sberleffo dell’anarchia, il gusto della verbigerazione selvaggia, dell’accumulo descrittivo lussureggiante e barocco, propri dell’Emilio Villa in stato di grazia. Carlo Alberto Sitta legge e interpreta in maniera attoriale le immagini torrenziali che si accavallano l’una sull’altra, davanti a un pubblico attento ed emozionato, rapito dai salti di registro, dalle continue invenzioni linguistiche. Villa passa dai latinismi biblici ai preziosismi arcaici dell’italiano letterario, dai falsi francesismi al lessico dialettale lombardo. Dal basso al sublime, ogni registro linguistico è contemplato e compreso in un gioco funambolico che stordisce e diverte.

Il titolo appare misterioso, ma così non doveva essere per i primi lettori. Che cosa sono i sassi di Tot? Chi è Tot? Una divinità dell’antico Egitto? Un gioco di parole per indicare il Tutto indifferenziato? E i sassi sono forse sacri betili orientali? Niente di tutto questo. Per una volta Emilio Villa ha dato un titolo normale a quello che era un vero e proprio omaggio. Partiamo da Tot. Il nome di Amerigo Tot non dirà niente ai più, ma nel 1949 era un artista “sulla breccia”: magiaro, classe 1909, diploma a Budapest alla Scuola Superiore di Arti Applicate, specializzazione in Grafica, poi studi al Bauhaus a Dessau, con maestri come Klee, Kandinskij e Moholy-Nagy, e quindi alla scuola di Otto Dix a Dresda. Continue reading

ripulire facebook e whatsapp: è urgente

https://secure.avaaz.org/campaign/it/wa_destroys_democracy_loc_fr_pa/?ctkTrbb

L’uomo appena eletto presidente del Brasile vuole invadere di ruspe l’Amazzonia, ha minacciato di uccidere 30mila oppositori politici, e inneggia alle dittature del passato. E pochi mesi fa quasi nessuno voleva votare per lui. Come diavolo ha fatto a vincere?!

WhatsApp. E Facebook.

Mark Zuckerberg, il capo di entrambe, è rimasto a guardare mentre venivano spesi illegalmente milioni di dollari per inondarle di notizie false e messaggi di odio — finché milioni di persone non hanno creduto a un improponibile fascista più che a chiunque altro.

Avrebbe potuto fermarli e informare gli utenti. Non l’ha fatto. Ora sta a noi sfruttare questo momento perché Facebook si prenda le sue responsabilitàper la disinformazione e l’odio diffusi tramite le sue pagine e WhatsApp, prima che altri sfruttino lo stesso sistema per arrivare al potere:

Clicca per chiedere di ripulire i social media
WhatsApp è il paradiso delle notizie false: è interamente criptato e nessuno sa cosa ci succede dentro. In Brasile i giornalisti hanno cominciato ad accorgersi del problema solo dopo che milioni di persone erano state ingannate da immagini e notizie false! Ma c’è una soluzione: convincerli ad introdurre dei filtri, attivabili da noi utenti, che ci avvisino contro un potenziale tentativo di disinformazione.

Perché funzioni potrebbero dover rendere la criptatura dei messaggi opzionale, una soluzione per proteggere non solo la nostra privacy, ma anche la democrazia.

La quantità di notizie false che gira ogni giorno sui social media sta creando una crisi globale di dimensioni sconvolgenti. Su Facebook ci sono ancora attivi centinaia di milioni di profili falsi! Su Youtube ogni giorno 2 miliardi (!) di persone guardano fino a un’ora di video, e secondo chi l’ha studiato l’algoritmo dei video consigliati spinge in automatico le persone verso contenuti estremisti, razzisti e complottisti, perché portano più pubblicità.

Ecco perché il nostro movimento sta reagendo — perché queste piattaforme, tra cui Whatsapp, stiano dalla parte dei cittadini, della democrazia e dell’informazione vera e verificata.

Clicca qui sotto per firmare, prima che altri sfruttino le stesse tecniche per spingerci gli uni verso gli altri, in un clima di odio continuo:

Clicca per chiedere di ripulire i social media

Avaaz si sta battendo contro le fake news e la disinformazione in tutto il mondo. In Brasile, il nostro gruppo di “elfi” ha scoperto, denunciato e smantellato una delle più grandi reti di pagine e profili falsi del paese. Ma è successo troppo tardi. Il modo in cui funzionano i nuovi media ha un’influenza enorme sulle nostre società, e al momento ci stanno avvelenando. Per la salvezza di tutto, dal clima alla natura ai diritti umani, dobbiamo ripulirli ora prima che sia troppo tardi.

Con speranza,
Ricken, Christoph, Fadi, Emma, Alice, Rosa e tutto il team di Avaaz