due brani e un testo dopo “bohario – tensioni in campo” (da/a: luca venitucci, mg, carlo bordini)

Il 29 settembre scorso, nel contesto di Bohario – Tensioni in campo (a cura di Giuseppe Garrera e Alberto D’Amico), nel pomeriggio, ho letto una serie di testi da Oggettistica, e Carlo Bordini – poco dopo – una sequenza di poesie inedite, sue; e alcune tradotte dallo spagnolo da lui e da sua moglie Myra Jara. Luca Venitucci, in serata, ha eseguito una serie di brani e improvvisazioni sonore.

Uno dei testi da me letti era dedicato a Carlo. Uno dei brani suonati da Luca era dedicato al romanzo Gustavo, sempre di Carlo. E altri brani di Luca avevano come interlocutrice la mia raccolta di prose e poesie Strettoie, e dunque a questa erano legati.

Per una serie bizzarra di circostanze, mentre leggevo, Carlo ancora doveva arrivare, e quando Luca performava, né Carlo né io eravamo presenti.

Questo piccolo intreccio di riferimenti, legami e dediche, dunque, si svolgeva in assenza dei dedicatari. Che (anche per questo) sono felicemente riconvocati qui, da due brani e un testo:

Improvvisazione per Gustavo

Strettoie 2 (edit)

Luca Venitucci: fisarmonica, voce, trattamenti

*

Anche se non eravamo tutti presenti contemporaneamente, il filo sonoro ci ha tenuti insieme. E quello testuale, forse:

da Sequenza con mancanze (in Oggettistica)
($TRING$)

I
È come se non se ne accorgesse
Come spinasse un salmone o due proprio più piano
Quanto sole prende su viale Libia
Come fa
Mi vede lui per primo mi chiama
Prendiamoci un caffè sto andando in posta
Da quel giorno
Come del resto sarebbe successo di non avere tempo
O ha tempo o lo trova in qualche modo
È per non accorgersi
E di scrivere
Inoltre
Leva le puntine dal muro, le righe di matita
Desquadra il foglio A3
Viene a trovare le commesse della Standa
Si attarda a distrarsi sui lavori del parcheggio
Sono andati via tutti