Archivi tag: Allen Ginsberg

phone-a-poem highlights

library.harvard.edu/sites/default/files/static/poetry/listeningbooth/poets/phone-a-poem.html

Phone-A-Poem Online presents highlights from an installation that celebrates the popular Cambridge-based poetry hotline, Phone-A-Poem (1976-2001). Founded by Peter Payack (and later edited by Roland Pease), Phone-A-Poem invited hundreds of poets—including Allen Ginsberg, Jane Kenyon and James Tate—to create answering-machine length recordings of individual poems which the public could access by dialing the hotline. In honor of the series, the Poetry Room has digitized select recordings from the archive and commissioned several new answering-machine poems (of 90-seconds or less) by such poets as Dan Beachy-Quick, Charles Bernstein, C.A. Conrad, Jon Cotner, Forrest Gander, Gabriel Gudding, Dorothea Lasky, Paul Legault, Filip Marinovich and Anne Waldman.

28 ottobre, roma: pasquale polidori, “io ho visto solo la fine” – happening allo studio campo boario

IO HO VISTO SOLO LA FINE
rottami di lettura di URLO attraverso Jackson Pollock, Gina Pane, Ferruccio De Filippi

un happening con

Giovanna Fiacco Alberto D’Amico Naoya Takahara Michele Zaffarano Tianyi Xu Pasquale Polidori Chiara Vignandel Salvatore Zoncheddu

Studio Campo Boario – Roma – 28 ottobre 2021 – dalle 16:30 alle 20:30

grazie a Federica Luzzi

Io ho visto solo la fine è una lettura di URLO in forma di happening, dove il testo di Ginsberg è restituito mediante l’accadere contemporaneo di un insieme di azioni concentrate nello stesso luogo, lo Studio Campo Boario a Roma e le strade nei dintorni. Queste azioni, di cui URLO è un perimetro non sempre oggettuale, funzionano come attraversamenti del poema che, fin dal suo apparire, si è posto come un dato materiale e spaziale, costruito sull’unità di misura del respiro e sulla sua forzatura, ossia la ricorsiva messa alla prova della tenuta plastica della voce: la voce di Ginsberg che, il 7 ottobre 1955 nella Six Gallery a San Francisco, estatico e al limite della verbigerazione, rovescia il dentro-fuori di corpo e delirio, tenuti insieme da ossessivi nodi anaforici, che sono l’appiglio sintattico di una oralità che rischia ripetutamente la deriva dei significati, lo smarrimento del punto, nelle frasi lunghe che compongono il poema e nelle quali è densissima la concettualizzazione delle singole parole. Da sempre, quando si parla di URLO, se ne sottolinea il carattere di denuncia nei confronti della realtà politica, sociale ed economica americana: nel processo che seguì alla pubblicazione del libro, per respingere l’accusa di oscenità la difesa userà l’argomento secondo cui URLO esprime realisticamente il patimento dei derelitti; in altri termini, oscena è la vita di chi è fatto fuori dal sistema, non il linguaggio che naturalisticamente riflette questa ultra-marginalità. Oltre il ragionevole margine linguistico-sociale, non è più il caso di cercare una ragionevolezza dell’espressione. Per questo URLO esprime certo una denuncia contro la realtà, ma lo fa abbandonando la realtà e estromettendola al discorso, più che riflettendola; nel discorso-URLO c’è una ricercata costruzione di immagini difficili da mettere a fuoco con gli strumenti di un pensiero moralizzatore, che intende cioè perseguire il fine di comprendere. Si ha più l’impressione che l’unica comprensione possibile sia non la chiusura del punto, l’abbraccio del senso (comune), bensì lo spalancamento del discorso alle sue paradossalità, anche musicali.  È il corpo di Ginsberg che, attraverso la voce ed euforicamente, si assume poi il compito di dimostrare possibile una tale estrema elasticità del voler dire, senza che esso arrivi mai a rompersi del tutto.

[continua qui: http://www.pasqualepolidori.net/opere/io-ho-visto-solo-la-fine/]

castel porziano, 2: intervento di angelo calandro all’incontro upter del 10 giugno 2019

 Angelo Calandro

Sono un “reduce”. Ufficialmente. Reduce di un  evento accaduto 40 anni fa. Reduce parziale e poi dirò perché.

40 anni fa avevo 24 anni. Allora (come ora) ero appassionato di poesia. Io sono originario di una piccola città del Sud e all’epoca, da circa un anno, mi ero trasferito per lavoro in una piccola città del Nord. Negli anni 70 per me, come per tanti ragazzi, Allen Ginsberg, era come una stella cometa. Poeta americano, figlio di immigrati russi di religione ebraica, fautore di una poesia di rottura che negli anni 50 aveva contribuito a scardinare un modo letterario compassato e un modo di vivere falso, ipocrita e acquiescente: quello che si sarebbe definito The American Way of Life. Allen Ginsberg, con i suoi amici poeti e letterati aveva scritto e vissuto in modo diverso lanciando un urlo contro quel mondo appena uscito da una terribile guerra e che si era tuffato anima e corpo in  una guerra di tipo nuovo, contro il comunismo: impantanandosi in Corea e all’interno lanciandosi alla ricerca di pericolosi nemici tra personaggi del cinema, letterati e persone comuni: era l’America del Maccartismo, reazionaria, anticomunista viscerale, l’America della Commissione parlamentare che vagliava persino i respiri di tutti coloro che erano sotto il controllo dell’FBI di Edgar G. Hoover, uomo potente e capace di controllare milioni di persone.

In quell’America, tuttavia, c’erano degli anticorpi che si opponevano allo stato totalitario, al controllo delle coscienze.

Gli anticorpi erano un  gruppo di persone formato da poeti, scrittori, intellettuali, spesso figli di immigrati.

Ginsberg, figlio di immigrati comunisti russi di religione ebraica.
Kerouac, figlio di immigrati franco-canadesi di religione cattolica.
Gregory Corso, figlio di immigrati italiani (calabresi), ladruncolo redento.
Lawrence Ferlinghetti, figlio di padre italiano (bresciano) che aveva cambiato il cognome in Ferling; sicchè Larry scoprì le sue vere origini italiane solo intorno ai 20 anni.
Diane Di Prima, figlia di immigrati italiani anch’essa.

Le idee di questi artisti fuori dalle regole vennero poi conosciute dal grande pubblico per la rilevanza che ebbero i processi intentati contro alcuni di essi: in particolare Ginsberg, per il testo del poema Howl e Ferlinghetti, in qualità di editore che lo pubblicò, furono incriminati per tentativo di corruzione di minori che fossero incidentalmente venuti a contatto con quei testi. Miserabile tentativo di censura che un giudice coraggioso cancellò dichiarando i temi oggetto del poema di rilevante importanza per la libertà di pensiero.

Tutto ciò aveva naturalmente portato l’attenzione generale sulle giovani generazioni che in quegli anni erano diventate protagoniste di battaglie civili e di libertà nel mondo della scuola e nella società in genere, avversando le guerre che ancora pullulavano nel mondo anche dopo la fine della seconda guerra mondiale. Sia l’America che l’Europa (compresa quella dell’Est) erano attraversate da  nuove idee e alcuni dei Beat (soprattutto Ginsberg, guru assoluto) ne erano portavoci e partecipanti attivi.

In questo clima effervescente, nuovo e radicale, in Italia a metà egli anni settanta si ebbe l’apice di questi movimenti; e la poesia ne faceva parte perché – dopo la stasi creativa  di fine ’60 e inizio ’70 – l’ambito poetico abbracciava potentemente le esigenze performative e artistiche di molti giovani. Continua a leggere

“fuck you”: the mag & its archive

fckyoupressarchive

http://realitystudio.org/bibliographic-bunker/fuck-you-press-archive/

_

yugen

THANKS to Charles Bernstein
http://jacket2.org/commentary/kind-poetry-i-want

=

http://realitystudio.org/bibliographic-bunker/yugen/

FREE DOWNLOAD

*

Allen Ginsberg, Allen Polite, Barbara Guest, Barbara Moraff, Basil King, Ben Spellman, Bob Hamilton, Bruce Boyd, Bruce Fearing, C. Jack Stamm, Cesar Vallejo, Charles Farber, Charles Olson, Collecting, Daisy Aldan, David Meltzer, David Wang, Diane Di Prima, Ed Dorn, Ed James, Edward Dahlberg, Edward Dorn, Edward Marshall, Ernest Kean, Fielding Dawson, Fivos Delfis, Frank O’Hara, Gary Snyder, George Stade, George Stanley, Gilbert Sorrentino, Gregory Corso, Harold Briggs, Hubert Selby Jr., Jack Kerouac, Jack Micheline, James Boyer May, Jerome Rothenberg, Joel Oppenheimer, John Ashbery, John Wieners, Judson Crews, Kenneth Koch, Larry Eigner, Le Roi Jones, Leroi Jones, Lillian Lowefels, Little Magazines, Mason Jordan Mason, Max Finstein, Michael McClure, New York, Norman Bluhm, Oliver Pitcher, Paul Blackburn, Paul Carroll, Peter Orlovsky, Peter Schwarzburg, Philip Lamantia, Philip Whalen, Rainer Gerhardt, Ray Bremser, Robert Creeley, Robin Blaser, Rochelle Owens, Ron Loewinsohn, Speckled Red, Stanley Fisher, Stephen Tropp, Steve Jonas, Stuart Z. Perkoff, Thomas Jackrell, Thomas Postell, Tom Postell, Tomi Ungerer, Tristan Tzara, Tuli Kupferberg, Walter Lowenfels, William Burroughs, William Carlos Williams, Yugen