sveglia #5, ancora su carlo bordini