le nuove “nughette” di leonardo canella

Esce per AE (le edizioni Affinità Elettive) un nuovo volume di Leonardo Canella, Nughette ’17-’20. Nella linea delle sue precedenti, anche queste nughette sono brevi testi che sarei tentato di definire “prose in prosa”. Andrea Inglese ne dà una selezione oggi su Nazione indiana: https://www.nazioneindiana.com/2021/04/03/le-wunderkammer-di-una-civilta-idiota/.

Nel post si può leggere anche la postfazione di Inglese al libro, che a me sembra non solo un saggio pertinente sul libro, ma su molti altri testi (o tentazioni di testi) della costellazione della ricerca letteraria recente. Oltre che una annotazione sostenuta da ragioni direi solide, rivolta alla poesia che si dice contemporanea, e a quella frazione maggioritaria di poesia che si può volendo definire lirica.

Le prime nughette di Canella (ne scrive dal 2003) hanno fatto la loro apparizione a RicercaBo a fine novembre 2013, e qui se ne può apprezzare il video:

Successivamente, nel marzo 2014, un ebook con una selezione di testi è comparso su gammm: il post (con rinvio al file gratuito) è all’indirizzo https://gammm.org/2014/03/13/nuovo-e-book-su-gammm-nughette-di-leonardo-canella/.

Nello stesso anno, 2014, le prime Nughette escono in volume per Guaraldi (anche in ebook), con prefazione di Renato Barilli. La scheda editoriale di presentazione dice:

Le nughette sono componimenti brevi che uniscono prosa e poesia. Il risultato è brillante: tu, lettore, ti muovi leggero nello spazio piccolo della trama agganciato alla densità della parola. Sorridi, rifletti, passi ad un’altra nughetta. E non ti annoi, anzi. Chiunque tu sia, Canella ha predisposto il testo giusto per te. Ha succhiato il nettare delle migliori ricerche d’avanguardia, ma ha dato ad esse una nuova carica di ariosità e leggerezza. Presentate a “RicercaBO 2013. Laboratorio di nuove scritture” a cura di Renato Barilli, Niva Lorenzini e Gabriele Pedullà, le nughette hanno avuto un ottimo successo. E successo, amore, morte, sesso, piacere, disgusto (e altro) ne sono il contenuto; l’autore talvolta li affronta di petto, talvolta e contrario. Quasi sempre in prima persona, forse avrai l’impressione di conoscere uno scrittore come mai prima d’ora. Canella dice che potresti avere ragione. Oppure che ti sbagli. Certa, dice, ci sarà solo la tua voglia di leggere un’altra nughetta.

Le Nuove nughette escono tre anni dopo, a fine 2017, per la Prufrock spa di Luca Rizzatello (su facebook qui). Ecco il piccolo videotrailer con una lettura:

Formavera a gennaio 2018 pubblica alcuni brani: https://formavera.com/2018/01/22/leonardo-canella-nuove-nughette/. E Nazione indiana, sempre grazia ad Andrea Inglese, propone alcuni testi qui: https://www.nazioneindiana.com/2018/10/15/nuove-nughette/. Da segnalare il commento assai pertinente, nel riferimento a Niccolai, di Renata Morresi:

Mi ricordano, in una versione allucinata e ‘inefficiente’, i frisbees di Giulia Niccolai. Fanno fare pace con la scrittura poetica come intruglio di invenzione e piacere. Viva le nughette!

_