un commento visivo del 1958 a un articolo del 2018

“CONTRABBANDARE !? ma cosa dici ?!”. Già in La legge è la legge (1958) Totò e Fernandel commentavano l’infelice passaggio di questo articolo, che così recita:

quella pretesa di contrabbandare scelte personali spesso unilaterali e riduttive per categorie interpretative generali. In questi anni hanno prosperato almeno due coppie dicotomiche, utilizzate spesso come categorie critiche in grado di fotografare quanto avveniva nelle pratiche dei poeti (di ricerca o meno) contemporanei. La prima si è affermata in seno al gruppo GAMMM, di cui io stesso ho fatto parte, e difende una sorta d’incompatibilità tra scritture installative e scritture performative. 

_