scritti critici inediti di sanguineti, nelle edizioni del verri

Una serie di scritti critici di
Edoardo Sanguineti apparsi su varie testate
dal 1948 fino al 1965 e mai più riproposti in
altra sede. Si trovano le primissime recensioni
a libri e film di un Sanguineti neppure
ventenne pubblicate su riviste come “Sempre
Avanti!”, “Numero” e “il verri”, che si
arricchiscono di contributi più tardi dedicati
da Sanguineti a Foscolo, Kafka, Landolfi,
all’estetica di Tolstoj, alle traduzioni dallo
spagnolo di Ungaretti. Tra queste carte disperse
e ora ritrovate si legge anche una
breve ma fondamentale recensione a “Come
si agisce” di Nanni Balestrini uscita su “marcatré”
nel 1963 oltre al resoconto dello
storico incontro del gruppo 63 a Palermo,
pubblicato anonimo e ora qui attribuito a
Sanguineti in modo inequivocabile dai curatori
Gian Luca Picconi e Erminio Risso.
Il volume si conclude con una serie di saggi
critici di Surdich, Rodda, Morando, Lorenzini,
Zublena e Ottonieri che si confrontano con la
figura di Sanguineti storico della letteratura
a partire proprio dal materiale bibliografico
qui riproposto

http://www.ilverri.it/index.php/le-collane/collana-blu/edoardo-sanguineti-e-il-gioco-paziente-della-critica-detail