ma che è maniera? / differx. 2013

da recognitiones-ii
http://recognitiones-ii.blogspot.it/2013/08/ma-che-e-maniera.html

Per qualche ragione poco anzi totalmente comprensibile sembra che i festival i reading le presentazioni le fiere le interviste le rassegne le insegne i seminari i sussidiari le presentazioni le rappresentazioni gli articoli le quartedicopertina le recensioni le stroncature le majorettes gli annunci i riquadri boxini le feluche sul giornale i coccodrilli i mandarilli le postille i passaggi in radio i massaggi in tv i depistaggi web i blog i siti i parassiti le polemiche inimiche i facciolini faccibook i myspazii che abbiamo le opinioni che nutriamo le persone che vediamo la glandeditoria che acquistiamo i comunicati stampa che diffondiamo gli sms che ci smistiamo gli alleati che ci facciamo la squadretta in cui calciamo la pizzetta che spartiamo l’atene per cui teniamo la rivista che rivediamo la collana che incolliamo la rete le beghe le mete le sete e i broccati le stoffe coprenti i parenti e i serpenti vivi e morti i citati e i citatori gli eccitanti e i bromosedanti le strida del pubblico i plausi i premi i troni le dominazioni come filze giù del dòmino e insomma tutti i domìni e il latte dello spettacolo della poesia siano più importanti del testo.

Più sentiti, visti, considerati. Passano o vendono di più, e prima del libro, e dopo anche.

Dice che allora il libro non si vende. Non si vende no. C’è questa cosa che lo sostituisce. Ci sono queste cose.
_