Emilio Villa: ATTRIBUTI DELL’ARTE ODIERNA (Le Lettere, collana fuoriformato)

Contributi di Andrea Cortellessa e Carla Subrizi

Nel nostro sin troppo ordinato Parnaso novecentesco, nessuna presenza si manifesta con la spettrale e sfrecciante, segreta, sempre squassante vitalità di Emilio Villa. Il cui maggiore studioso, Aldo Tagliaferri, ripropone l’unico suo testo che mai sia approdato a un grande editore. Fu nella collana «Materiali» di Feltrinelli che uscì nel 1970, infatti, Attributi dell’arte odierna: in forma, però, mutila. Quasi quarant’anni dopo, ecco finalmente completa quella “mitica” pubblicazione: nel primo dei due tomi sono fedelmente riprodotti gli indimenticabili testi sulle più grandi esperienze artistiche del secolo (da Fontana a Burri, da Pollock a Rothko e Twombly), nel secondo si recuperano quelli che Villa avrebbe voluto aggiungervi (su esperienze del calibro di Rotella, Schifano, Scialoja e Parmiggiani).

[A.C.]