Il “paradigma estetico” di Felix Guattari

MAURIZIO LAZZARATO ||| IL PARADIGMA ESTETICO DI FELIX GUATTARI E IL CONFLITTO

Seminario
18 ottobre 2007

ore 15.00 – 17.00

Aula II del Dipartimento di Storia dell’arte

Facoltà di Scienze Umanistiche

p.le Aldo Moro, 5 — Roma
Coordinamento di Carla Subrizi

Il “paradigma estetico” di Felix Guattari non esprime una volontà d’estetizzazione del sociale. Non ha a che vedere con i programmi delle avanguardie della prima metà del XX secolo. Esso opera, al contrario, un sensibile spostamento in rapporto a questo dibattito e potrebbe trovare le sue premesse in Marcel Duchamp, allorché quest’ultimo considerava che “essere artista” non era una specializzazione; doveva divenire un “fattore umano della vita di tutti”, nella vita di ciascuno. Anziché entrare in una serie di dibattiti “politici” sull’arte, tanto tradizionali che improduttivi, sarebbe auspicabile di esplorare questa idea di Guattari: non partire dall’arte come istituzione, ma dalle sue tecniche, dai processi della creazione, dalle pratiche, per farla evolvere in altri domini, per giocare con essa dal di fuori, al limite o trasversalmente allo spazio designato dall’istituzione come arte (Maurizio Lazzarato).

Il Seminario di Maurizio Lazzarato è realizzato nell’ambito dei Finanziamenti delle Ricerche di Facoltà (2005-2006), L’immagine e la guerra e Arte e immagini nel tempo della pace, coordinate da Luciana Cassanelli, Pio Francesco Pistilli, Carla Subrizi

Un primo Seminario, Il particolare che fa eccezione: la guerra civile spagnola tra guerre del Novecento e figure del conflitto. Arte, storia, letteratura, cinema a confronto, è stato realizzato nel maggio 2007.